• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7

Discussione: che cosa è un poster?

  1. #1
    Partecipante L'avatar di wwwlaura
    Data registrazione
    19-04-2004
    Residenza
    firenze
    Messaggi
    51

    che cosa è un poster?

    cari amici, voi sapete che cosa è un "poster" ?
    non intendo quello di david bowie o dei queen !!!!
    ho letto nel programma di una serie di congressi che si terranno a sciacca in settembre ( a proposito, per informazioni al riguardo, potete consultare il sito www.psicologia.unipa.it/sciacca2004.htm)
    che chi intende presentare un poster o una ricerca può spedire ecc.....
    magari è una specie di piccola ricerchina,...chiassà!
    baci e ringraziamenti a tutti!

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di psicopulce
    Data registrazione
    31-01-2003
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    111
    Ciao,
    un poster è proprio fisicamente un poster (un "cartellone") su cui è esposta una ricerca. I poster sono affissi in un'area apposita della sede in cui si tiene il convegno. Generalmente si utilizzano anche per fare conoscere ricerche svolte da giovani, oltre alle ricerche più "importanti" che vengono esposte negli interventi.
    Spero di esserti stata utile.

  3. #3
    swwetfay76
    Ospite non registrato
    domanda aggiuntiva:
    la mia tesi di laurea è sperimentale sui disturbi di personalità nei disturbi alimentari. E' ricchissima di dati visto che il campione di soggetti sani e quello dei pazienti valutati rasentava i 300.
    Il mio relatore mi aveva più volte promesso che avrebbe sostenuto la pubblicazione della stessa, in quanto meritevole, come articolo scientifico. Visto che oramai ho terminato il tirocinio e la promessa non è stata mantenuta, posso presentare la mia tesi ad un convegno come dicevate qui sopra?
    Se sì, come si fa? considerato l'argomento, avete consigli in merito? non sono per nulla pratica e ogni consiglio è graditissimo!!
    grazie,

    Fay*

    p.s. se volete scrivetemi in privato su edsparma@email.it

  4. #4
    Beecharmer
    Ospite non registrato
    Ciao Fay, io l'ho presentata ad un congresso l'anno scorso individualmente ma d'accordo con la mia prof di tesi. Io credo che tu possa farlo ma forse dovresti sentire il tuo relatore e quantomeno dirgli che vorresti presentarla a questo congresso (è quello AIP?) e inoltre se ci tenessi anche a pubblicarla in un secondo tempo, o almeno a provarci (e te lo consiglio vivamente), parlane ancora con lui, dicendogli che (se hai buona volontà) ci pensi tu a sistemarla (loro non hanno mai tempo/voglia di farlo) come vorranno dalla rivista a cui deciderete di mandarla. Se la tua tesi è buona (e da qual poco che ho letto mi sembra) non lasciarti sfuggire queste occasioni. Oltretutto non ho guardato per questo congresso perchè è kilometricamente troppo lontano però temo che tu debba guardare bene i tempi perchè l'anno scorso i lavori li hanno raccolti presto se non ricordo male. Se posso esserti ancora utile scrivimi pure anche un PM se desideri. Ciao

  5. #5
    swwetfay76
    Ospite non registrato
    grazie Beecharmer!!
    dunque, non avevo deciso DOVE potenzialmente presentarla! mi ero solo ricollegata al post che parlava di queste cose per approfondire i miei dubbi!
    Dovrei informarmi dove sarebbe più idoneo presentare una tesi che tratta dei disturbi di personalità nei pazienti con disturbi alimentari.... tu hai qualche idea?!
    per il pubblicare la tesi, beh.... l'ho chiesto più volte al mio relatore, che mi aveva appunto detto di fare tutte le pratiche e poi di attendere la sua approvazione....
    l'articolo, impostato secondo le norme della rivista scelta dal relatore, tradotto in inglese e rivisto nella bibliografia, è pronto da prima di Natale.... ma il relatore ognivolta fa orecchie da mercante... (deve probabilmente prima spingere qualche altro "pupillo"!)
    Quindi continua a lasciare il mio articolo (giudicato perfetto dal correlatore) in un cassetto.... siccome probabilmente non avrò più nulla a che fare nè col mio relatore, nè con la struttura in cui ho fatto tirocinio (sempre con il mio relatore), contavo di provare a pubblicarla per i fatti miei (ho letto una sentenza della cassazione che dice che la tesi è un lavoro personale e che il candidato può farne ciò che vuole!).... tu che ne dici?
    una mia excompagna di uni ha presentato la sua in un congresso di sua iniziativa.... volevo fare lo stesso perchè la mia tesi, costata 3 anni di fatica e di raccoglimento dati, mi sembra venuta proprio bene e mi spiacerebbe vederla diventare "vecchia" senza alcun "merito"....
    hai qualche consiglio in merito?

    grazie mille
    fay*

  6. #6
    Beecharmer
    Ospite non registrato
    Per quanto riguarda il dove poterla eventualmente presentare pensavo al Congresso AIP nella sessione di psicologia clinica ma ho visto sul sito (www.aipass.org) che la scadenza per la presentazione dei lavori era a maggio ma magari guardaci meglio tu. Comunque potresti vedere se ci sono altri congressi di psicologia clinica in cui presentarla. Per quanto riguarda la pubblicazione per come sono fatta io se fossi nella tua situazione (e ti sento determinata e informata) io andrei dal relatore ancora una volta per l'ultimatum finale e gli direi che voglio prensentarla con o senza di lui e che decida cosa vuole fare. Dopo di che fai tutto da sola se lui ancora latita

  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Re: che cosa è un poster?

    Originariamente postato da wwwlaura

    ho letto nel programma di una serie di congressi che si terranno a sciacca in settembre ( a proposito, per informazioni al riguardo, potete consultare il sito www.psicologia.unipa.it/sciacca2004.htm)
    A Sciacca? Ma io abito a 20km da Sciacca! E uno degli organizzatori il mio prof.! E non ne sapevo niente! Scusate se sono andato
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

Privacy Policy