• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17

Discussione: counselor

  1. #1
    monica123
    Ospite non registrato

    counselor

    Ciao a tutti...una mia amica diplomata sta seguendo un corso triennale per counselor.....le hanno detto che dopo ci sara' un'iscrizione all'albo ed e' riconosciuto....io ho dei dubbi qualcuno di voi ne sa di piu'?Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di sunflower
    Data registrazione
    28-04-2002
    Residenza
    Taranto
    Messaggi
    3,664
    Blog Entries
    25
    credo che l'iscrizione all'albo nn sia regolamentata per legge...si aspetta infatti questo...

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    ma forse se chiei in un'altra stanza, ti sanno dire di più
    quando arriva Ivan (il moderatore) magari te la sposta

    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  4. #4
    Te lo sposto in SPORTELLO DI ORIENTAMENTO POST-LAUREAM, credo vada bene!

  5. #5
    HT Sirri
    Ospite non registrato

    Re: counselor

    Originariamente postato da monica123
    Ciao a tutti...una mia amica diplomata sta seguendo un corso triennale per counselor.....le hanno detto che dopo ci sara' un'iscrizione all'albo ed e' riconosciuto....io ho dei dubbi qualcuno di voi ne sa di piu'?Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    Riconosciuto da chi?

    Se la domanda e' "riconosciuto dallo stato italiano come titolo avente un qualsiasi valore giuridico" la risposta e' assolutamente no.

    Se la domanda e' "il counselor e' una figura avente un riconoscimento scientifico come tecnica efficace" mi risulta che la risposta sia un si.

    Chiunque puo' costituire un albo (nel senso di elenco di nominativi), e poi richiederne una ufficializzazione, ma .....
    L'ufficializzazione di una professione significa che esiste una legge approvata dallo stato che sancisce quella professione.

    Prova a chiederle: "il counselor e' riconosciuto, bene, con quale legge?"...... non troverai nessuna risposta.

    Un abbraccio,

    Stefano

  6. #6
    Eowin
    Ospite non registrato
    Scusa, Stefano, ma la differenza non la fa il fatto che un albo inteso come "elenco nominativo" sia o meno riconosciuto dall'Ordine della regione di apparteneza?
    Cerco di spiegarmi meglio: se è l'Ordine regionale che deve approvare l'apposizione di un titolo aggiuntivo sulla, mettiamo, targa dello studio dello psicologo, allora è importante che l'ente promotore del corso di "qualcosa" sia riconosciuto valido da quell'Ordine.
    Vista in quest'ottica i dubbi di monica123 non sono poi così peregrini, correggimi se sbaglio.

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di sunflower
    Data registrazione
    28-04-2002
    Residenza
    Taranto
    Messaggi
    3,664
    Blog Entries
    25
    l'albo dei counsellor è in via di definizione legale per il riconoscimento da parte dello Stato, quindi presto dovrebbe aversi un Albo istituito e riconosciuto legalmente a tutti gli effetti dove potranno iscriversi coloro i quali frequentano apposite Scuole di Formazione o Master...

  8. #8
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    nel maggio 2002 la S.I.Co. (Società Italiana Counseling) è stata chiamata dal CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro) a far parte della Consulta delle professioni non regolamentate.

    il fatto che un'associazione che rappresenta una specifica professione sia chiamata nella Consulta delle professioni non regolamentate, di per sè può voler dire che quella professione esiste autonomamente rispetto a quelle regolamentate

    ad oggi non esistono Albi del counseling o profili professionali regolamentati, ma solo una professione in via di definizione e con una sua autonia...

    detto ciò, concludo specificando che - da psicologo del lavoro - nn voglio e non sono in grado di adentrarmi nei contenuti specifici, ma una domanda mi sorge spontanea

    Quali sono le differenze tra uno Psicologo Clinico ed un Counselor in termini di competenze professionali, ambiti di azione, tipologie e contesti di intervento e così via?
    L'unica cosa che so per certo è: uno Psicologo Clinico deve fare un percorso universitario di 5 anni, iscriversi ad un Ordine e sborsare un botto di soldi, mentre Counselor si diventa in tre anni e spendendo molto di meno
    Insomma, vorrei capire se in prospettiva questa è l'ennesima situazione in cui professioni affini ci vengono a mangiare il "nostro sudato pane"... poi lasciamo stare il fatto che anche gli psicologi facciano corsi di counseling, perché lì sono basse questioni di business che a noi poveri "discenti" non è dato sapere

    per dovere di cronaca e per sincera trasparenza, anche con OPs abbiamo proposto tempo addietro un percorso formativo sul counseling... non è partito e sinceramente mi rincuora in quanto solo in seguito abbiamo avuto modo di approfondire aspetti in merito...

    insomma, aspetto vs risposte alla mia ingenua domanda

    un saluto e buona serata,
    nicola

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Santiago
    Data registrazione
    27-03-2004
    Messaggi
    471
    La questione che hai affrontato nico credo sia molto spinosa.
    Io sono un laureando in psicologia (ancora per poco) che da settembre frequenterà un corso di counselling clinico biennale.
    Il titolo che mi fornirà è riconosciuto dall'odine degli psicologi, e dalla società italiana di counselling.
    Essenzialmente imparerò ciò che l'università non mi ha saputo dare: la pratica.
    Personalmente trovo inamissbile che uno psicologo non preparato anche su questo versante incontri dei pazienti.
    Proprio per questo ho scelto di iscrivermi a questo corso in cui imparerò nei fatti a fare un colloquio, imparerò la testistica, tecniche specifiche, usufrurò di un gruppo di psicologi per confrontarmi (Balint) su questioni teoriche e pratiche, avrò a disposizione docenti qualificati da supervisori, e un tirocino SERIO.
    Mi mancano pochissimi esami ed io stesso ho affrontato una terapia personale (dove evidentemente apprendi il modo di far "terapeutico") eppure non mi sento ancora pronto per fare questo delicato lavoro. Per questo mi sono mosso per tempo.
    Sperando che serva.

    Per rispondere in breve alla tua domanda.
    Il counselor fa le cose che potrebbe già fare uno psicologo burocraticamente.
    Il discorso è che credo che nessun psicologo (o quasi) appena laureato, senza esperienza, sia in grado di lavorare autonomamente, aprendosi uno studio, come fa qualcuno.
    La mia coscienza non me lo permetterebbe, anche se lo stato si.

    D'altra parte, già in altri post, sottolineavo il fatto, che chi ha uno studio privato da psicologo, difficilmente non scivolerà nella psicoterapia, specie se vede il clinete più di qualche volta.
    D'altronde non credo sia lo psicologo a decidere se quello che fa sia o meno psicoterapia.
    Probabilmente chi lo decide (implicitamente, simbolicamente) è proprio chi richiede gli incontri.
    In realtà è proprio la frequenza degli incontri (seppur esistono terapie brevi) e la gravità della sintomatologia che sembrano differenziare il lavoro dello psicologo (e/o consoler) da quello del terapista.
    Al di là di queste coordinate (per altro ampiamente flessibili e facilmente mal interpretabili) credo che uno psicologo, in uno studio privato, non possa far altro che terapia (più o meno esplicitamente).

    Santiago
    "Soltanto i pesci non sanno che è acqua quella in cui nuotano, così gli uomini sono incapaci di vedere i sistemi di relazione che li sostengono" L. Hoffmann

  10. #10
    Partecipante Figo L'avatar di Aimi_Summers
    Data registrazione
    23-02-2003
    Residenza
    Prato
    Messaggi
    780
    Posso chederti presso quale scuola fai questo corso?

  11. #11
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da Santiago
    La questione che hai affrontato nico credo sia molto spinosa.
    Io sono un laureando in psicologia (ancora per poco) che da settembre frequenterà un corso di counselling clinico biennale.
    Il titolo che mi fornirà è riconosciuto dall'odine degli psicologi, e dalla società italiana di counselling.
    Essenzialmente imparerò ciò che l'università non mi ha saputo dare: la pratica.
    ciao santiago,

    sono daccordo che questi ulteriori due anni ti daranno quella pratica che il percorso universitario non è riuscito a passare, ma penso che anche altri corsi specialistici di Psicologia possano riuscire nell'intento...

    quello che dico io (perdonatemi e/o correggetemi se sbaglio) è che - più o meno - chiunque si può fare un bel triennale di counseling e cominciare la propria attività. Allora mi chiedo: perché noi Psicologi abbiamo dovuto fare (oltre ai tuoi due anni) 5 anni di università per poi poter fare - più o meno - le solite cose di chi ne ha fatti solo 3?!?
    O altrimenti: perché noi psicologi permettiamo che ciò accada ed addirittura nostri colleghi (che guarda caso hanno scuole specialistiche) continuano ad alimentare questa situazione ambigua?

    un saluto,
    nico

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di Santiago
    Data registrazione
    27-03-2004
    Messaggi
    471
    Effettivamente un counsoler clinico che non abbia dietro di sè degli studi psicologici ritengo che sia poco affidabile (a meno che riesca a compensare le sue carenze con particolari doti personali, con uno studio e un interesse proprio...ecc ecc...)
    Nel corso che frequenterò sono tutti psicologi, tranne io, perchè non sono ancora laureato, e una ragazza laureata in filosofia (mi sembra ad indirizzo psicologico).
    D'altra parte vorrei ricordare che le nuove lauree sono Triennali, e se non sbaglio, appena terminata potranno anch'essi aprire uno studio (una follia! per me...).
    Eppure credevo che psicologia, occupandosi della salute, al pari di medicina, non potesse stravolgere passare dai 5 ai 3 anni...
    3 o 5 anni, l'università non prepara al mondo del lavoro.
    Certo che esistono altri corsi e master che preparano alla pratica.
    La vera tristezza che è questo dovrebbe essere onere dell'università.
    Ho studiato Freud in tutte le minestre, ma nessuno mi ha fatto vedere come operasse...
    E' da lì che si impara!

    Santiago

    P.S. Sono comunque un appassionato di teorie... Ma non sono tanto d'accordo con Lewin, quando diceva che "non c'è niente di più pratico di una teoria". A mio parere non c'è niente di più pratico di una teoria "applicata"!
    "Soltanto i pesci non sanno che è acqua quella in cui nuotano, così gli uomini sono incapaci di vedere i sistemi di relazione che li sostengono" L. Hoffmann

  13. #13
    Partecipante Figo L'avatar di Aimi_Summers
    Data registrazione
    23-02-2003
    Residenza
    Prato
    Messaggi
    780
    Santiago, posso sapere dove ti sei iscritto per il corso di counseling?

  14. #14
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Eowin
    Scusa, Stefano, ma la differenza non la fa il fatto che un albo inteso come "elenco nominativo" sia o meno riconosciuto dall'Ordine della regione di apparteneza?
    Cerco di spiegarmi meglio: se è l'Ordine regionale che deve approvare l'apposizione di un titolo aggiuntivo sulla, mettiamo, targa dello studio dello psicologo, allora è importante che l'ente promotore del corso di "qualcosa" sia riconosciuto valido da quell'Ordine.
    Vista in quest'ottica i dubbi di monica123 non sono poi così peregrini, correggimi se sbaglio.
    La domanda era: "una mia amica diplomata sta seguendo un corso triennale per counselor".
    Forse mi sbaglio, ma io ho pensato: se l'amica e' diplomata presumo che non sia laureata, quindi tantomeno psicologa.

    A questo punto non capisco cosa centra il nostro ordine.

    Se invece un collega vuole inserire nella targhetta la dicitura "counselor", lo deve chiedere al proprio ordine, ma a quel punto non e' l'elenco ad essere riconosciuto, ma il corso stesso (ed il termine counselor).

    A presto,

    Stefano

  15. #15
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da nico
    quello che dico io (perdonatemi e/o correggetemi se sbaglio) è che - più o meno - chiunque si può fare un bel triennale di counseling e cominciare la propria attività. Allora mi chiedo: perché noi Psicologi abbiamo dovuto fare (oltre ai tuoi due anni) 5 anni di università per poi poter fare - più o meno - le solite cose di chi ne ha fatti solo 3?!?
    A me pare evidente una violazione della normativa vigente.

    A parte questo (che e' importante) noi come psicologi abbiamo molti strumenti in piu'.
    Non parlo solo della possibilita' di fare diagnosi, dell'utilizzo di strumenti validati, del riconoscimento sociale.
    Scusatemi ma credo ci sia una notevole differenza, anche pratica, tra chi ha 5 anni di psicologia + un corso, e chi ha solo quest'ultimo (per quanto possa essere fatto bene il corso).

    Poi stiamo attenti a non avvallare noi per primi questo "giochino".
    Non credo proprio fosse quello che volevi dire, ma sembra quasi di capire che i furbi sono loro e noi i fessi.
    Bene, io sono molto contento di essere tra i fessi.

    Forse sbaglio ma facendo come ho fatto sono tranquillo con me stesso (e la mia coscenza).
    Forse sbaglio, ma sono convinto di avere una preparazione professionale superiore alla loro.
    Forse sbaglio, ma credo ancora che le persone si rendano conto se tu lavori bene oppure no.

    Originariamente postato da nico
    O altrimenti: perché noi psicologi permettiamo che ciò accada ed addirittura nostri colleghi (che guarda caso hanno scuole specialistiche) continuano ad alimentare questa situazione ambigua?
    Anche qui a me pare evidente una violazione della nostra normativa.

    Perche' diversi colleghi lo fanno?
    Penso per soldi, o perche' siano convinti che l'universita' non sia poi cosi' importante in quanto la reputano comunque poco formativa, e quindi "trascurabile" (o per tutti e due i motivi).

    In ogni caso non lo so, ho tirato ad indovinare.

    Originariamente postato da Santiago
    P.S. Sono comunque un appassionato di teorie... Ma non sono tanto d'accordo con Lewin, quando diceva che "non c'è niente di più pratico di una teoria". A mio parere non c'è niente di più pratico di una teoria "applicata"!
    Anch'io sono appassionato di teorie, ma al contrario di te quella frase di Lewin mi piace molto.
    A proposito, ne' hai saltato un pezzo importante:
    "non c'è niente di più pratico di una buona teoria"
    Ovvero una teoria per poter essere considerata "buona" deve darti soluzioni pratiche.

    Un abbraccio,

    Stefano

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy