• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    monica123
    Ospite non registrato

    per favore...importanza esame di stato

    Salve a tutti.
    >Sono una laureanda in psicologia
    >La mia domanda è inerente al post-laurea: QUANTO E' IMPORTANTE L'ISCRIZIONE
    >ALL'ALBO PROFESSIONALE DOPO LA LAUREA? E' INDISPENSABILE PER PARTECIPARe A CONCORSI PUBBLICI O LAVORARE NEL PRIVATO ECC.?Senza esservi iscritte dove e' possibile l'inserimento?Non ho piu' la possibilita' di continuare......che faccio???'Vi prego chiarite i miei dubbi.....grazie



  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di terry77dgl
    Data registrazione
    02-12-2002
    Residenza
    Monza x lavoro, Napoli nel cuore
    Messaggi
    5,743
    Ciao Monica,
    la laurea ti permette l'accesso ai concorsi che richiedono solo quel titolo di studio, ma io penso che quando si guarda il curriculum e c'è solo ( diciamo "solo"...chi ha studiato sa quanti sacrifici ci vogliono per laurearsi...) la laurea in psicologia, è quasi normale che debbano richiedere anche abilitazione ed iscrizione all'Albo, penso che in effetti completino un percorso che inizia con la laurea e che poi eventualmente porta alla scuola di specializzazione.
    Non so a cosa serva la laurea in psicologia nel privato sinceramente.
    Ciao!

  3. #3
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Da quanto ne so io la professione di psicologo è esercitabile solo con iscrizione all'albo, come per i medici, i commercialisti e non so chi altro.
    Perciò con la laurea puoi fare qualsiasi lavoro meno lo psicologo!
    Perciò potresi lavorare come educatore o nella selezione del personale qualora la posizione coperta non sia in qualità di psicologo (se per esempio non devi fare test e la tua posizione potrebbe essere coperta anche da un laureato in lettere o economia).
    So che comunque molti aspettano di chiarirsi le idee e di avere qualche contatto e poi si iscrivono all'albo quando le cose stanno per concretizzarsi, in quanto la quota non è bassissima e pagarla quando non è necessario...
    Ciao
    Vimae

  4. #4
    GRIMILDE
    Ospite non registrato
    Come ti ha già detto vimae in realtà ci sono alcuni campi nel privato in cui puoi lavorare solo con la laurea, selezione, formazione e ovviamente tutti i concorsi per laureati generici, senza specificazione a cui partecipano quindi laureati in lettere, scienze politiche, giurisprudenza etc...
    come educatore ora è un pò difficile, perchè adesso c'è una legge che stabilisce che non basta più l'esperienza ma serve la qualifica (il titolo di studio) di educatore, ma alcune cooperative prendono ancora lo stesso.
    Non potrai fare nulla come psicologa e alcune realtà private ti chiederanno comunque l'iscrizione all'albo perchè a loro serve per partecipare ai bandi di appalto per i progetti...
    insomma buona fortuna
    Se ti può consolare io sto facendo il tirocinio ma non ho intenzione di iscrivermi all'albo, è anche vero che ho deciso di non lavorare nel campo psicologico...

  5. #5
    HT Sirri
    Ospite non registrato

    Re: per favore...importanza esame di stato

    Originariamente postato da monica123
    Salve a tutti.
    >Sono una laureanda in psicologia
    >La mia domanda è inerente al post-laurea: QUANTO E' IMPORTANTE L'ISCRIZIONE
    >ALL'ALBO PROFESSIONALE DOPO LA LAUREA? E' INDISPENSABILE PER PARTECIPARe A CONCORSI PUBBLICI O LAVORARE NEL PRIVATO ECC.?Senza esservi iscritte dove e' possibile l'inserimento?Non ho piu' la possibilita' di continuare......che faccio???'Vi prego chiarite i miei dubbi.....grazie


    L'iscrizione all'albo serve nei concorsi solo se espressamente richiesto.
    Per quello che riguarda l'ambito privato l'iscrizione e' necessaria se ti occupi di clinica, "opzionale" per quello del lavoro (oltre a problematiche fiscali, contributive, di modo di presentarsi, bisogna tenere presente che alcuni test sono acquistabili solo con l'iscrizione).

    Una cosa importante e' tenere in considerazione tutte le implicazioni, per esempio gli sgravi contributivi a cui possiamo attingere solo durante i primi 3 anni di iscrizione.

    Consiglio:
    per iscriversi normalmente basta un mese, quindi va fatto nel momento giusto e non "nell'attesa", in quanto si rischia di perdere alcune opportunita' (soldi).

    Un abbraccio,

    Stefano
    Ultima modifica di HT Sirri : 28-04-2004 alle ore 15.57.26

Privacy Policy