• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Ospite non registrato

    altro quesito: che dire dello psicologo nei tribunali?

    Ok, penso sia di conoscenza comune che il ruolo dello psicologo in un tribunale possa essere inerente alle perizie in ambito civile e/o penale (come ctu e consulente tecnico di parte).

    Ho presentato domanda presso il Tribunale della mia città come vuole la prassi...ma ho la netta impressione che una volta iscritti all'albo dei periti, non ci sia una vera e propria graduatoria con relativi punteggi, in base anche ai titoli; piuttosto, credo che la nomina di un perito sia a discrezione del giudice, in base alle sue conoscenze.

    Ora, considerato che nel tribunale dove ho presentato domanda c'è un gran numero di avvocati e funzionari interni sposati con psicologi/ghe e che come periti non ci si può iscrivere ad altri tribunali oltre a quello del posto in cui risiede, devo dedurne che è molto improbabile che un giorno io possa essere chiamata a svolgere una qualsiasi perizia?!?

    Fatemi sapere, specialmente se qualcuno di voi ha avuto la mia stessa impressione.

    E poi, sapete consigliarmi un libro di testo specifico sulle perizie psicologiche dei ctu e ctp?

    Thanx

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di terry77dgl
    Data registrazione
    02-12-2002
    Residenza
    Monza x lavoro, Napoli nel cuore
    Messaggi
    5,743
    Ciao agrimony,
    anch'io ho sentito da più voci che per lavorare nei tribunali e in particolare per quanto riguarda le perizie, è preferibile che si conoscano gli avvocati ed i giudici, altrimenti non ti chiamano.La graduatoria dovrebbe esserci, ma di solito il perito, o consulente tecnico d'ufficio, è nominato dal giudice secondo un criterio di conoscenza personale o di precedenti esperienze di lavoro.
    Ho sentito parlare tempo fa di una collega che si è laureata molto prima di me che aveva seguito un corso di grafologia, e che ogni tanto veniva chiamata per effettuare la perizia grafologica su documenti, testi e varie.Poi non ne ho saputo più niente.
    Ciao!

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di Pedrita
    Data registrazione
    08-07-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,880
    Blog Entries
    2
    ciao anche a me piacerebbe l'ambito del tribunale, ma mi è stato detto da una psicologa, spudoratamente, che le le fa perchè ha un amico giudice...
    Ciao

    [<<<Tutti sul lettino>>>clikka!
    questo è un video di sedute psicoanalitiche nei diversi film!
    il mio avatar è un quadro di BoB ArT

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di terry77dgl
    Data registrazione
    02-12-2002
    Residenza
    Monza x lavoro, Napoli nel cuore
    Messaggi
    5,743
    Quindi pare proprio che anche l'area dei tribunali sia riservata ad una casta specifica...e figurati!
    ciao

  5. #5
    Matricola L'avatar di shrink
    Data registrazione
    13-04-2004
    Messaggi
    15
    Ma, quali competenze bisogna avere, oltre la laurea? Non so, tipo corsi di psicodiagnosi Etc...
    Per agrimony: mi dici qcs in più sul tribunale di residenza?
    ciao

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di terry77dgl
    Data registrazione
    02-12-2002
    Residenza
    Monza x lavoro, Napoli nel cuore
    Messaggi
    5,743
    bisogna essere iscritti all'albo per quello che so io, poi non so se ulteriori corsi possono darti maggiore punteggio.
    Ciao!

  7. #7
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    08-01-2003
    Residenza
    TV
    Messaggi
    63
    Allora, per poter lavorare nei tribunali, dovrebbe bastare la laurea ( di 5 anni) e l'iscrizione all'albo, ovviamente sarebbe preferibile approfondire le conoscenze con un master o un corso di perfezionamento in psi. giuridica. io l'ho fatto, mi è servito molto, anche perchè si tratta di ambiti molto delicati che presuppongono una buona competenza.
    In bocca al lupo!

  8. #8
    Ospite non registrato
    Rispondo a shrink : per legge, uno psicologo che vuole lavorare come perito (ctu e ctp) deve iscriversi ad un solo tribunale, quello della città dove ha la residenza.

    Per quanto riguarda il post di Benny, aggiungo una postilla. certo, è utile specializzarsi in un settore giuridico se si vuole svolgere al meglio questo tipo di lavoro. Ma posso dirti una cosa. nella mia città conosco una psicologa che con la sola iscrizione all'albo si ritrova a lavorare in tantissimi settori: orientamento al lavoro e scolastico, selezione del personale, perizie in tribunale e libera professione....
    il tutto senza manco avere una specializzazione. Però, è sposata con un pezzo grosso del tribunale, che a sua volta è ben aggangiato a livello comunale e provinciale...
    E, non è per fare la solita retorica, questo mi fa pensare molto, soprattutto perchè sto spendendo un mucchio di soldi in una specializzazione quadriennale...

  9. #9
    Partecipante Affezionato L'avatar di almaserena
    Data registrazione
    02-11-2002
    Messaggi
    114
    agrimony
    un gran numero di avvocati e funzionari interni sposati con psicologi/ghe
    conosco una psicologa che con la sola iscrizione all'albo si ritrova a lavorare in tantissimi settori:
    Se ti può consolare ne ho conosciuta una che prima faceva l'infermiera...poi ha deciso di fare carriera e non so come si è ritrovata a lavorare in una struttura pubblica...oggi collabora attivamente col tribunale....e sta insieme ad un tipo che lavora per la ASL come psichiatra ma non esercita nello stesso posto dove sono gli altri, a lui hanno dato una sede speciale...

    W l'Italia!!!
    In parte la salute mentale è una forma di conformismo.
    John Nash

  10. #10
    Matricola L'avatar di shrink
    Data registrazione
    13-04-2004
    Messaggi
    15
    tutto ciò mi da TANTISSIME SPERANZE x il futuro!
    bleah!

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di terry77dgl
    Data registrazione
    02-12-2002
    Residenza
    Monza x lavoro, Napoli nel cuore
    Messaggi
    5,743
    Io direi W i matrimoni e le conoscenze, non W l'Italia...

  12. #12
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Io lavoro in una grande città, dove non si sa chi sia sposato con chi o con cosa, comunque le persone che vedo ben inserite a livello lavorativo o con cariche importanti, sono in genere psicologhe più anziane di me che possono vantare sicuramente un'esperienza sul campo che io ancora non ho (sui motivi per cui poi non si riesca a fare esperienza se ne potrebbe parlare per ore...).
    In quanto alla formazione concordo sul fatto che spesso queste persone non abbiano fatto master o perfezionamenti sul tema in questione, ma fino a qualche anno fa esistevano praticamente solo le scuole di specializzazione e non c'era il bisogno di tenere i giovani psicologi impegnati con i corsi (visto che non li si può impegnare con il lavoro!), nè c'era la concorrenza che c'è ora e il conseguente bisogno di poter offrire un'ottima preparazione per "sbaragliare" i concorrenti.

    Non credo che tutto dipenda solo da matrimoni e conoscenze, ma semplicemente dal fatto che all'inizio è difficile crearsi degli spazi appropriati, in quanto non si ha molta esperienza ed è difficile competere con chi invece ne ha (per molti l'esperienza è sinonimo di competenza, senza compiere valutazioni più approfondite).
    Io non mi sento particlarmente pessimista per il futuro: alla fine riusciremo a fare un pò di esperienza e potremmo anche contare su una buona formazione che altri non hanno....
    Ciao
    Vimae

  13. #13
    swwetfay76
    Ospite non registrato
    1- voi siete certi che non sia NECESSARIO per iscriversi alla lista dei CTU fare un corso di specializzazione in psicodiagnostica forense, criminologia o simili?
    --> io sono di milano e avrei voluto fare questo lavoro, ma ho trovato siti di corsi di specializzazione che dicevano "se fai questo corso ti puoi iscrivere alla lista dei CTU"... quindi pensavo fosse necessario farli e non un optional x avere solo più punti in graduatoria!
    2- nel caso servisse solo l'iscrizione all'albo (pregate che sto facendo l'eds proprio in questo periodo!!! :-P), una volta iscritta, a chi mi devo rivolgere?! qualcuno di voi ha già fatto l'iter e mi sa dare qualche dritta pratica su COSA e COME fare?

    grazie

    fay

  14. #14
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    08-01-2003
    Residenza
    TV
    Messaggi
    63
    E' uscita da poco una normativa (la trovi anche nel sito dell'ordine) che dice che bisogna essere iscritti all'albo A da almeno tre anni, aver fatto un corso post-laurea in Psi. Giuridica di almeno 100 ore........
    CIAO!

  15. #15
    attila
    Ospite non registrato
    Ciao! Mi spiace confermare questa "bella" situazione, ma l'anno scorso ho seguito un corso di perfezionamento in Psicodiagnostica forense a Padova e i docenti stessi ci hanno avvertiti che sarebbe stata MOOOLTO dura entrare nel "giro" dei tribunali: in teoria dovrebbe esserci un elenco dei vari CTU che, a rotazione, vengono chiamati dai giudici, in pratica invece il giudice chiama pressochè sempre il CTU che già conosce e che sa lavorare bene..ecco. Averlo saputo prima, magari..! Cmq al corso suggerivano di provare a contattare qualche studio legale e, se si è fortunati o si conosce qualche avvocato, magari è possibile affiancare (gratis, of course!) un CTP esperto (che però, secondo me, non sarà molto contento della futura possibile concorrenza..). Cmq non disperiamo, chissà: in bocca al lupo, ciao!

Privacy Policy