• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 20
  1. #1

    psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    ho letto che sostanzialmente lo psicologo del lavoro si occupa della selezione e della formazione del personale nelle aziende,analizza contesti ambientali,psicologici,organizzativi sociali,tecnologici dell'ambito lavorativo per rilevare problemi e realizzare interventi di miglioramento e potenziamento dell'azienda.Raccoglie informazioni nell'ambito della comunicazione finalizzate a stilare un rapporto sulle tendenze di consumo del cliente.A livello pratico e concreto di cosa si occupa uno psicologo del lavoro? seleziona il personale,lo sottopone a dei corsi di formazione e fa delle indagini di mercato? tutto qui?

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Puo' essere assunto nell'ambito della selezione del personale come "direttore del personale" o comunque come "gestore delle risorse umane" ovvero occuparsi di selezione.. quindi analisi e screening dei curricula, valutazione del potenziale dei neoassunti o delle persone impiegate in azienda... fare i colloqui di selezione, rectuiting...Questa e' la cosa piu' ovvia ma anche piu' standardizzata e meno psicologica che si puo' fare... il recruiting e' oggi giorno molto piu' meccanico, standardizzato di quanto si possa pensare...
    In ambito sempre aziendale e' possibile fare indagini di clima.. piu' che altro come consulente esterno ovvero come libero professionista si viene chiamari per fare indagini di clima oppure valutazioni sullo stress lavoro correlato e sul benessere aziendale...
    Per quanto riguarda le ricerche di mercato diciamo che e' piu' ambito di economisti e statistici ma lo psicologo del lavoro puo' dire la sua riguardo sempre ad un'analisi qualitativa .. soprattutto anche in ambito pubblicitario...
    Per la formazione lo psicologo del lavoro puo' avere due tipi di impiego... progettare progetti di intervento sia in ambito sociale che organizzativo a piu' livelli... Ad esempio un progetto che presento alla provincia o comune .. una volta che si ottiene il finanziamento se il progetto vince il bando si parte con il progetto .... che ha una serie di step ecc ecc...
    Oppure come formatore.. ovvero viene impiegato a fare docenze nei corsi di formazione su tematiche prettamente psicologiche.. quelle piu' ovvie e intuitive sono la comunicazione, i gruppi e tutto cio' che riguarda le varie dinamiche intra e intergruppi quindi conflitti, leadership ecc ecc, sicurezza e benessere sul lavoro e tutto cio' che riguardi la relazione...
    Lo psicologo del lavoro puo' spendere le proprie competenze nell'ambito dell'orientamento.. sia lavorativo che studentesco.. tramite la presentazione ad esempio di progetti di questo tipo nelle scuole o nei comuni e provincie per l'orientamento professionale... Tante altre cose le trovi nel tariffario....
    A me non sembra poco.. anche se tra il dire e il fare...

  3. #3

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    e senti ce richiesta? si insomma sono ricercati professionisti in questo settore? soprattutto per quanto riguarda l'analisi del clima e la progettazione di interventi..la selezione del personale mi intriga meno...cioe secondo te si fa la fame o e' un mercato in crescita?..grazie

  4. #4
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Secondo me ogni ambito della psicologia e' abbastanza critico perche' lavoro ce ne e' poco e non c'e' una chiara definizione ancora delle competenze e delle cose che puo' fare o meno... per questo e' molto forte il problema dell'usurpazione professionale...
    Pero' se vai a vedere tutti i campi...
    Clinica.. in ambito clinico puo' lavorare negli ospedali, consultori ecc... ma e' difficilissimo entrare e ne entra uno su mille ogni anno... senno' devi prendere la specializzazione in psicoterapia di altri 4 o 5 anni.. e poi iniziare con la libera professione che unita ad altre cose ti da' da mangiare...
    Sviluppo vale il discorso di clinica...
    Sperimentale.. ambito della ricerca dottorati ecc... beh va da se' come la ricerca non sia incentivata in Italia...
    Lavoro alla fine e' quello che offre maggiro sbocchi... perche' comunque le aziende sono tante... le possibilita' di fare consulenze se uno e' in gamba e riesce a "vendersi" un po' ci sono...
    Secondo me ci spostiamo ogni giorno piu' verso la libera professione ... sempre di meno esistera' lo psicologo che timbra il cartellino alle 8 e esce alle 17...
    Ti dico solo che moltissimi psicologi clinici che conosco sono passati al lavoro nelle aziende perche' con la psicoterapia non ci si mangia...
    Ricapitolando... tra tutti gli ambiti e' quello che forse offre un po' di piu'... pero' bisogna sbattersi molto, imparare a fare tante cose.. e in piu' ambiti.. e passare quei due tre annetti fra tirocinio, stage e corsettini di lavoro non retribuito per iniziare a raccogliere i primi frutti... Sempre stando a vedere le varie esperienze di persone che laureate sono passate nel mondo del lavoro recentemente...

  5. #5

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    a misa' che hai notato anche l'altra domanda nell'alttra sezione ahahah...grazie mille di tutto comunque,di questi tempi avere informazioni attendibili sul mondo del lavoro e' diventato difficile...diciamo che le facolta' non fanno che tirare acqua al loro mulino

  6. #6
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    le facolta' al giorno d'oggi secondo la mia esperienza creano per la maggioranza dei casi corsi di laurea con esami in base agli interessi di ricerca dei docenti piu' che per una lettura critica del contesto... purtroppo....Io quel poco che ho visto e che mi hanno raccontato.. dissona molto dalla base formativa impartita almeno nella facolta' di Firenze.... per questo bisogna sempre guardarsi intorno e non dare per scontato niente

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Ciao Duccio, come stai?
    Forse ricorderai che io mi sono laureata in psicologia clinica, ma in realtà ho capito troppo tardi di essere decisamente più portata per la psicologia del lavoro (per i motivi che elencavi tu sopra e molti altri!)... per cui ho deciso di orientarmi, anziché verso una scuola di specializzazione in psicoterapia, verso un corso per esperti nello sviluppo delle risorse umane...
    Qui su ops ne ho trovato uno organizzato dalla "Scuola Romana di Psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione" ma non conosco nessuno che l'abbia frequentato o ne abbia sentito parlare, non ho termini di paragone, e prima di iscrivermi mi piacerebbe avere qualche informazione un po' più obiettiva a riguardo... tu ne sai niente? Mi sapresti consigliare?

  8. #8
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Non lo so... se pero' devo essere sincero... non spenderei soldi per un master o simili... Cioe' ti deve servire come esperienza formativa e soprattutto curriculare quindi fossi in te intanto mi aggiornerei leggendo dei buoni manuali di psicologia della formazione e di selezione del personale e cercherei nelle varie agenzie formative dei corsi di formazione o master che siano finanziabili tramite voucher della provincia o tramite la carta ila (si puo' richiedere andando al centro per l'impiego)... ma non spendere soldi... o cmq controlla che quello che trovi sia finanziabile.. spesso per quanto buona il gioco non vale la candela

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Mmhh grazie... sì, questa potrebbe essere anche un'idea... magari nei prossimi giorni perdo un po' di tempo su internet per vedere se trovo una valida alternativa per quanto riguarda i corsi finanziabili (giusto per avere qualcosa da mettere in curriculum come formazione postlauream, e per colmare la lacuna del mio indirizzo), o vado a chiedere al centro per l'impiego, che comunque è una cosa che avrei dovuto fare già da tempo... e poi vediamo...
    Ti ringrazio, sei sempre disponibile! :-)
    Ciao ciao!

  10. #10
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    allora per il voucher e' strettamente legato al finanziamento della tua provincia di residenza .. per questo si cerca generalmente nei siti delle agenzie formative della tua citta' o provincia di riferimento... o magari puo' essere finanziato dalla regione.. in ogni caso per il voucher e' l'agenzia formativa che ti fa compilare il tutto e si occupa lei di tutto quello che riguarda la richiesta del voucher, presentazione ecc... se non hai mai fatto richiesta e' quasi sicuro che te lo diano... ci sono le indicazioni anche sul sito della provincia dei corsi finanziati... pero' i siti della provincia sono generalmente poco usabili forse fai meglio a spulciare i vari siti delle agenzie.. La Carta Ila invece e' un'altra cosa, sono sempre soldi della provincia ma sono legati ad un preciso percorso formativo per il quale tu richiedi il finanziamento.. in questo caso avviene tutto tramite centro per l'impiego dove vai e dici che vuoi fare un corso ecc e finanziarlo tramite carta ila.. loro ti prendono appuntamento con un consulente della carta ila e poi avviene la richiesta... la cosa positiva della carta ila e' che non e' strettamente legata alla citta' di residenza come invece lo e' il voucher.. tu puoi richiedere il finanziamento anche per un corso in un'altra citta' senza problemi
    Tranquilla so quanto queste cose sono un po' complesse.. ho lavorato tre mesi in un'agenzia formativa e ho dovuto imparare un po' di cose )) mi ricordo bene di te.. fammi sapere poi cosa hai trovato buona serata

  11. #11
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Mi fa piacere :-)
    Beh sì, in effetti devo ammettere che al momento per me stai parlando ostrogoto... ad ogni modo nei prossimi giorni comincio con una ricerca generica sulle agenzie formative del territorio per vedere se capisco almeno di che si tratta e come funzionano!!
    E quando trovo qualcosa te lo faccio sapere, senz'altro! ;-)
    Buona serata anche a te

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Duccio ma lo sai che mi hai aperto un mondo?!
    Io ai corsi finanziati non avevo mai pensato, nemmeno ne avevo mai sentito parlare, ma in effetti ci sono un sacco di opportunità, anche per quel che riguarda l'orientamento scolastico e professionale e la selezione del personale... l'unico problema è che tutti quelli che ho trovato fino ad ora hanno già chiuso le selezioni tra giugno e agosto, quindi mi sa che ormai si tratterebbe di rimandare tutto di un altro anno... non lo so... peccato non averlo saputo prima, affiancarli al tirocinio sarebbe stato l'ideale!!
    Comunque vedremo... grazie ancora! ;D

  13. #13
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Duccio, scusa, ho un dubbio: tutti i corsi finanziabili che ho trovato finora, quelli promossi dagli enti di formazione professionale della mia città, erano finanziati da voucher formativi della regione (dico erano perché, come ti scrivevo, la domanda andava presentata entro il 4 agosto e ora bisognerà aspettare il prossimo bando, tra un anno, due o quando sarà)... nessuna traccia sono riuscita a trovare, invece, dei voucher formativi di cui parlavi tu: finanziati dalla provincia o dal comune (di Messina intendo; di altre città tipo Firenze, Prato, Bari, ecc. invece sì ma ovviamente non me ne faccio nulla!)... e mi chiedevo: può essere che alcune provincie non li eroghino affatto? O sono io che non ho saputo cercare?
    Per quanto riguarda la carta ila invece non sono ancora andata a informarmi ma lo farò appena possibile...

  14. #14
    Matricola
    Data registrazione
    22-06-2011
    Messaggi
    19

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Faccio le mie considerazioni non da psicologo ma da dipendente di una azienda medio-grande, e laureando in psicologia del lavoro.


    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Puo' essere assunto nell'ambito della selezione del personale come "direttore del personale" o comunque come "gestore delle risorse umane" ovvero occuparsi di selezione.. quindi analisi e screening dei curricula, valutazione del potenziale dei neoassunti o delle persone impiegate in azienda... fare i colloqui di selezione, rectuiting...Questa e' la cosa piu' ovvia ma anche piu' standardizzata e meno psicologica che si puo' fare... il recruiting e' oggi giorno molto piu' meccanico, standardizzato di quanto si possa pensare...
    Pura teoria: nella praica il "direttore del personale" di una azienda non è una psicologo ma un laureato in giurisprudenza. Alle aziende interessa sì il potenziale neoassunto da un punto di vista caratteriale (saper lavorare in team etc..) ma ancor di più il pagarlo il meno possibile (o cmq al prezzo di mercato) e il curriculum viene valutato non per come è scritto ma per cosa c'è scritto, sopratutto contano le esperuienze pregresse.

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    In ambito sempre aziendale e' possibile fare indagini di clima.. piu' che altro come consulente esterno ovvero come libero professionista si viene chiamari per fare indagini di clima oppure valutazioni sullo stress lavoro correlato e sul benessere aziendale...
    Per quanto riguarda le ricerche di mercato diciamo che e' piu' ambito di economisti e statistici ma lo psicologo del lavoro puo' dire la sua riguardo sempre ad un'analisi qualitativa .. soprattutto anche in ambito pubblicitario...
    Scartiamo anche questo ambito, teorico per gli psicologi ma, come hai scritto anche tu in mano ad altri professionisti

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Oppure come formatore.. ovvero viene impiegato a fare docenze nei corsi di formazione su tematiche prettamente psicologiche.. quelle piu' ovvie e intuitive sono la comunicazione, i gruppi e tutto cio' che riguarda le varie dinamiche intra e intergruppi quindi conflitti, leadership ecc ecc, sicurezza e benessere sul lavoro e tutto cio' che riguardi la relazione...
    Questo è secondo me il vero ambito "spendibile" per lo psicologo del lavoro nelle aziende. Ma occhio, anche quì non è esclusiva dello psicologo, ha la concorrenza di altre figure professionali

  15. #15
    Partecipante Assiduo L'avatar di chiaruzza
    Data registrazione
    10-01-2006
    Residenza
    Messina
    Messaggi
    243

    Riferimento: psicologia del lavoro...prospettive di lavoro

    Eppure hai scelto di diventare psicologo del lavoro... posso chiederti come mai?

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy