• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 20
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di Push2005
    Data registrazione
    11-01-2008
    Residenza
    Riccione
    Messaggi
    366

    Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    ciao a tutti, sono uno studente di psicologia alle fine del corso triennale in psicologia clinica, per la magistrale sono molto interessato a "neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica", pensavo a cesena perchè me ne hanno parlato molto bene come corso..ho solo un dubbio, anzi due:

    1) ma un neuropsicologo clinico, oltre alla parte diagnostica come può intervenire sulla riabilitazione neuropsicologica?

    2) un neuropsicologo può iscriversi ad un corso di specializzazione di tipo psicoterapeutico previo superamento dell'esame d'ammissione all'albo??

    Preciso che a livello lavorativo mi piacerebbe occuparmi di bambini con problemi della sfera cognitiva: linguaggio, percezione, udito...

    Ovviamente non è che mi farebbe schifo lavorare con adulti eh =)

    Grazie a tutti per l'attenzione =)
    VOGLIO POTER SCEGLIERE DI ANDARMENE APPENA SI SPEGNE LA LUCE,VOGLIO PERO' POTER DECIDERE QUANDO LA LUCE E' ANCORA ACCESA

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Ciao Push,
    per quanto riguarda le tue domande:

    1) a livello di riabilitazione il neuropsicologo lavora (o almeno dovrebbe) sulle funzioni cognitive, memoria, funzioni esecutive, attenzione e linguaggio (sempre dal punto di vista cognitivo, perché a livello "fisico" ci sono altre figure come il logopedista e il terapista occupazionale, ma in Italia come sempre si va al risparmio e spesso c'è un unica figura che si occupa di tutto).

    2) per quanto ne so la magistrale in neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica è comunque LM-51 e quindi afferente a Psicologia, quindi avresti la possibilità di iscriverti alla scuola di specializzazione in psicoterapia.

    Detto questo, ecco ciò che penso: se sei realmente convinto di voler fare il neuropsicologo, allora dovresti fare questa specialistica e poi iscriverti a una scuola di specializzazione in Neuropsicologia, come quella di Parma che, se non sbaglio, è proprio sull'età evolutiva. Se invece hai dubbi e vuoi lasciarti aperta anche la strada della Psicoterapia, non ti conviene prendere una specialistica così specifica, perché nel momento in cui decidessi di abbandonare la neuropsicologia ti troveresti con molte lacune difficili da colmare. Ovviamente è la mia opinione... io ad esempio ho fatto la specialistica in psicologia clinica e poi un master in neuropsicologia ed ora sto frequentando una scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva in cui c'è un buon programma di neuroscienze... purtroppo la figura del Neuropsicologo in Italia non è ancora ben definita e quindi il rischio è di investire molto in una strada che, una volta imboccata, non ti lascia molte alternative...

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di Push2005
    Data registrazione
    11-01-2008
    Residenza
    Riccione
    Messaggi
    366

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    grazie mille per risposta..sei l'unica che abbia dato un consiglio XD

    cmq sono molto convinto sulla neuropsicologia, più che altro perchè più studio più mi accrgo che di "curare la donna con la depressione" mi interessa poco, vorrei occuparmi di problemi veri, "tangibili"..e da qui l'interesse per la neuro...non vorrei finire a fare il ricercatore o a somministrare test per tutta la vita..ecco pquindi il perchè del lavoro nell'ambito dell'età evolutiva, dove se non erro, non ci si occupa della patologia ma della normalità..inoltre se non sbaglio la scuola di specializzazione di parma sulla neuropsicologia dell'età evolutiva rilascia il titolo di "psicoterapeuta".

    Comunque il mio dubbio non era sul lasciarmi aperte delle porte, ma solo ad un livello di sicurezza personale. Cioè, sapere che nel caso posso fare una scuola psicoterapeutica mi fa stare più tranquillo, non che ad oggi ne voglia fare una eh, ma il solo sapere che nel caso posso è una strada in più, tutto qui...
    VOGLIO POTER SCEGLIERE DI ANDARMENE APPENA SI SPEGNE LA LUCE,VOGLIO PERO' POTER DECIDERE QUANDO LA LUCE E' ANCORA ACCESA

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Ti confermo che la scuola di parma abilita alla psicoterapia.

    Per quanto riguarda la riabilitazione, si il neuropsicologo la fa, ovviamente come detto ci sono anche figura specializzate in determinati ambiti, quindi io non mi metterei mai a riabilitare un disturbo fonologico, ci sono le logopediste per queste. Per altri disturbi, come i dsa, c'è più sovrapposizione. Mentre secondo me aspetti come memoria e funzioni esecutive devono restare al neuropsicologo.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Sì, anche quella di Roma rilascia il doppio titolo, però il punto è quanto poi realmente formi alla psicoterapia. Non conosco quella di Parma, però al Santa Lucia so (se sono informazioni sbagliate correggetemi) che alla psicoterapia viene dedicato l'ultimo anno, mentre i primi quattro sono di neuropsicologia pura e non credo che con un percorso del genere si possa dire di essere formati in psicoterapia. Quindi un conto è avere il doppio titolo e "pararsi" in attesa che il neuropsicologo venga riconosciuto, un conto è poi essere realmente in grado di fare lo psicoterapeuta concentrando in un anno un percorso di quattro. Ovviamente questa è la realtà di Roma, tra l'altro riferitami da terzi, magari nelle altre scuole di neuropsicologia è diverso...
    Comunque anche io ho iniziato a seguire la neuropsicologia perché la psicologia "normale" mi stava stretta, ma devo dire che mi sto ricredendo. Considera che la "donna con depressione" ha un problema più che tangibile e ponendola sul neuroscientifico puoi trovare alterazioni a livello cerebrale nella depressione come nella demenza. Per quanto riguarda la paura di finire a fare test per tutta la vita, secondo me il test è solo uno strumento che ti serve per capire chi hai di fronte e qual è il modo migliore per aiutarlo. Il neuropsicologo è pur sempre uno psicologo e quindi a meno che non ti trovi in una realtà ultraspecializzata e utopica in cui c'è un equipe in cui ognuno si occupa di un singolo compito, ti troverai ad affrontare una serie di aspetti, tra cui la relazione con i familiari e con il paziente stesso, che richiedono abilità psicologiche e psicoterapeutiche dalle quali non si può prescindere per una presa in carico globale del paziente. Detta in soldoni, se ti trovi davanti una signora che a metà test inizia a piangere come una pazza il tuo unico pensiero non può essere che se interrompi il cronometro o le dici qualcosa puoi inficiare il risultato del test... per questo rimango dell'idea che una solida base di psicologia ci voglia e non credo che la triennale sia sufficiente a crearla.

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di monicavania
    Data registrazione
    04-08-2007
    Messaggi
    261

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    ho letto tutta la discussione e davvero sono soddisfatta di ciò che ho letto perchè molti dubbi si sono volatilizzati....mi spiego meglio...sono tirennalista laureata....e mi chiedo da un pò che indirizzo prendere per la laurea magistrale.....e dalla discussione letta ho capitoche l'indirizzo di neuropsicologia è un pò limitato....ma molto interessante....anche se io essendo insegnante di sostegno...sarebbe un arrcchimento alla mia professione studiare materie come fisiologia e neuro, però ora sono più indirizzata verso l'indirizzo clkinico....
    Fino a quando sei viva, sentiti viva.
    Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.

    Non vivere di foto ingiallite..
    Insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
    Non lasciare che si arruginisca il ferro che c'è in te.

    Fai in modo che invece che compassione,
    ti portino rispetto.
    Quando a causa degli anni non potrai correre,
    cammina veloce.
    Quando non potrai camminare veloce, cammina.
    Quando non potrai camminare, usa il bastone.
    Però non trattenerti mai!!!

  7. #7

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Ciao ragazzi,
    qualcuno di voi ha già fatto il Master della Scuola Campana di Neuropsicologia? So che fanno lo sconto di 600 euro per cho si iscrive come studente. Ne sapete qualcosa?

  8. #8

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Scusate ma secondo me c'è un poco di confusione:
    per quello che ne so io il neuropsicologo non esiste, esiste lo psicologo che si occupa di neuropsicologia (che deve avere un apreparazione specifica, come dice il codice deontologico: se non sai fare una cosa non la devi fare!). Poi esiste lo specialista in neuropsicologia (quattro gatti intutta italia) che non hanno nessun privilegio, salvo quello di poter scrivere "specialista" (i concorsi tanto non ci sono e se ci saranno un giorno se lo vanno a fare pure quelli che tengono 60 anni, figurati se aspettano a noi). Poi pEr fare la specializzazione universitaria in neuropsicologia devi vincere la lotteria, sono pochissimi posti ogni anno, ti conviene fare la specialistica su temi neuropsicologici e poi farti un buon corso dove ti insegnano veramente il mestiere, non le solite chiacchiere, quello che mi hanno detto degli psicologi anziani è che oramai la cosa migliore è saper fare le cose e lavorare privatamente, quelli bravi non si muoino mai di fame.

    sulla figura del neuropsioclogo potete leggere questo documento molto cvhiaro sul sito della'ainp:
    http://www.ainp.it/index.php?option=...d=157&Itemid=0

    puoi pure vedere il sito della span l'associazione degli psicologi che fanno la neuropsicologia ecco il link
    http://www.neuropsicologia-span.it/home.page

    Sia la diagnosi neurpopsicologica che la riabilitazione neuropsicologica la fanno gli psicologi (se la sanno fare) come sta scritto nella legge dell'ordine degli psicologi, sta sul sito dell'ordine nazionale.
    la riabilitazione neuropsicologica non consiste solo nel fare gli esercizietti e la diagnosi neuropsicologica non consiste nel fare solo i test. Sono interventi molto complessi, sono daccordo con Shinay, non è che se una si mette apiangere tu gli dici che deve copiare i disegni che gli hai dato, la riabilitazione poi coinvolge molto le famiglie, ci devi saper fare, essere un clinico.

    Calethiel: il disturbo fonologico è un disturbo cognitivo, perchè lo consideri una roba da logopeiste, quella è la disartria.

    Per Stefy: conosco quel master, lo ha fatto una mia amica, è molto contenta, dice che è roba per psicologi (ed infatti solo loro lo possono fare), ti insegnano i test, le perizie, gli esercizi, ma soprattutto la clinica, noi faremo gli psicologi, mica ssaremo dei tecnici. Io pure lo volevo fare, ma costa troppo, sto mettendo i soldi da parte e spero di potermi iscrivere alla seconda edizione, che parte a settembre e approfitto che ancora non ho finito, quindi mi danno lo sconto studenti, che posso cumulare con borsa di studio, se la vinco (mi ha detto la mia amica che alla fine del primo anno ti gfanno fare un esame con un sacco di domande a scelta multipla molto difficile, sono esigenti, poi alla fine la tesi, i migliori prendono la borsa.

  9. #9
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Sì in effetti parlando di neuropsicologo intendevo uno psicologo che si occupa di neuropsicologia, infatti ho specificato nel primo post che la figura del neuropsicologo in Italia non è definita. Per quanto riguarda la scuola di specializzazione ne stanno uscendo varie, Padova, Parma, Trieste, non so se a Bologna è stata già attivata ma se ne parlava e poi il Santa Lucia che è blindato e il Santa Chiara di Lecce che è cognitivo a indirizzo neuropsicologico, così come la Slop di Pavia. I posti sono pochi rispetto ai 15-20 delle scuola di psicoterapia, però non credo sia impossibile entrare, soprattutto in quelle private. Diverso è il discorso sulla spendibilità e su questo sono d'accordissimo, un master è spendibile a breve termine e ti mette sullo stesso livello di uno specializzato, almeno con la legislazione attuale.

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di Push2005
    Data registrazione
    11-01-2008
    Residenza
    Riccione
    Messaggi
    366

    Riferimento: Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Citazione Originalmente inviato da shinay Visualizza messaggio
    Sì in effetti parlando di neuropsicologo intendevo uno psicologo che si occupa di neuropsicologia, infatti ho specificato nel primo post che la figura del neuropsicologo in Italia non è definita. Per quanto riguarda la scuola di specializzazione ne stanno uscendo varie, Padova, Parma, Trieste, non so se a Bologna è stata già attivata ma se ne parlava e poi il Santa Lucia che è blindato e il Santa Chiara di Lecce che è cognitivo a indirizzo neuropsicologico, così come la Slop di Pavia. I posti sono pochi rispetto ai 15-20 delle scuola di psicoterapia, però non credo sia impossibile entrare, soprattutto in quelle private. Diverso è il discorso sulla spendibilità e su questo sono d'accordissimo, un master è spendibile a breve termine e ti mette sullo stesso livello di uno specializzato, almeno con la legislazione attuale.
    Intanto grazie a tutti per le risposte, ma credo ci siano state delle incomprensioni riguardo al mio pensiero. Andando per gradi:

    1) Non ho mai detto ne pensato che se "la donna con la depressione" mi piange durante il test io la faccio continuare e me ne e frego. In realtà non ho mai parlato di questa alternativa. Ho solo detto che dopo tre anni di clinica a stampo dinamico abbastanza ferrea nutro una certa insofferenza vero questo tipo di problematiche e che invece mi sto scoprendo molto più interessato a condizioni più "tangibili e meglio constatabili" (non che abbia la presunzione di aprire la testa dei miei pazienti)

    2) Per quanto riguarda la questione test, ciò che una mia mia docente di neuropsicologia cognitiva mi ha detto riguardo a questa professione è che se si rimane solo "neuropsicologo", cioè si ferma alla specialistica (in pratica ai due anni dopo la triennale, per evitare confusione) è che alla fine ci si trovi a spendere il proprio titolo solo con una somministrazione di test, per lasciare poi il posto ad altre figure nel più complesso sistema della diagnosi e riabilitazione neuropsicologica. Mentre, con la specializzazione in neuropsicologia evolutiva (essendo questo un settore dove oltre che con la patologia ci si trova a lavorare con la normalità) è più facile avvicinarsi all'ideale lavorativo di neuropsicologo clinico, inteso come quella figura poliedrica che opera dalla diagnosi alla riabilitazione.

    3) Sono ben conscio del fatto che il neuropsicologo non esiste come figura a se stante ma che rientra, giustamente, nella famiglia degli psicologi. Inoltre, dopo attenta documentazione personale ho scoperto svariate scuole di psicoterapia aperta senza problemi anche a chi a livello di specialistica si è formato in neuropsicologia, come ad esempio la SLOP.

    Per il resto ragazzi, se mi permettete una cosiderazione forse banale, che sia in clinica o altro neussuno di noi con questo titolo ha il lavoro assicurato, se lo volevamo forse ci saremmo dovuti sacrificare umanamente per studiare altro..non credete? Alla fine ogni persona deve seguire le proprie di inclinazioni...detto questo aspetto altre vostre considerazioni =)
    VOGLIO POTER SCEGLIERE DI ANDARMENE APPENA SI SPEGNE LA LUCE,VOGLIO PERO' POTER DECIDERE QUANDO LA LUCE E' ANCORA ACCESA

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Scusa Push, ma non credo che con le mie risposte io abbia frainteso il tuo pensiero, ho espresso solo la mia opinione per darti un consiglio. Per me (e sottolineo per me) fare la specialistica in neuropsicologia ti porterebbe ad avere lacune in ambito psicologico e quindi ne risentirebbe la tua preparazione di base, che anche in neuropsicologia pura è importante.
    Per la questione della specializzazione, è una scelta personale, io con il master annuale che ho fatto mi sento ben preparata sia nella valutazione che nella riabilitazione, quindi ho scelto di fare la scuola in psicoterapia perché mi interessano entrambe le cose e non per mettere il piede in due scarpe (e infatti ho scelto una scuola in cui le neuroscienze sono molto considerate).
    Credo che tutte le scuole di psicoterapia ti accetterebbero se uscissi dalla specialistica in neuropsicologia, proprio perché non è una specialistica a parte, ma è nelle lauree di psicologia.
    Per quanto riguarda il lavoro, tu non hai ancora sperimentato la sensazione di avere cinque anni di laurea, un master e cinque tirocini sulle spalle ed essere considerato a livello lavorativo meno di zero e ti auguro di non provarla mai, ma in questo periodo è bene valutare anche gli sbocchi professionali, ovviamente senza perdere di vista i propri interessi e sogni.
    Quindi il senso delle mie considerazioni era, se sei convinto di fare neuropsicologia e con un master di un anno a 3500 euro e la scuola di quattro o cinque anni a minimo 4000 euro all'anno (la slop ne costa 5000) alla fine ottieni lo stesso titolo, ti conviene? Se invece vuoi lasciarti aperta la porta della psicoterapia per il discorso è lo stesso, meglio master in neuropsicologia più scuola in psicoterapia, magari a orientamento neuropsicoogico. L'ultimo consiglio, forse un po' banale è... sfrutta tutti i tirocini possibili per lavorare in questo campo, è l'unico modo per acquisire le competenze necessarie, perché puoi fare quanta teoria vuoi ma solo quando inizi a vedere le cose in pratica le impari davvero.
    Ultima modifica di shinay : 20-06-2011 alle ore 13.07.45

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di Push2005
    Data registrazione
    11-01-2008
    Residenza
    Riccione
    Messaggi
    366

    Riferimento: Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Citazione Originalmente inviato da shinay Visualizza messaggio
    Quindi il senso delle mie considerazioni era, se sei convinto di fare neuropsicologia e con un master di un anno a 3500 euro e la scuola di quattro o cinque anni a minimo 4000 euro all'anno (la slop ne costa 5000) alla fine ottieni lo stesso titolo, ti conviene? Se invece vuoi lasciarti aperta la porta della psicoterapia per il discorso è lo stesso, meglio master in neuropsicologia più scuola in psicoterapia, magari a orientamento neuropsicoogico.
    Perdona la domanda, ma cosa intendevi dire in questo punto? Credo di non aver afferrato..comunque grazie ancora a tutti per l'attenzione
    VOGLIO POTER SCEGLIERE DI ANDARMENE APPENA SI SPEGNE LA LUCE,VOGLIO PERO' POTER DECIDERE QUANDO LA LUCE E' ANCORA ACCESA

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Intendevo dire che il master ti costa 3.500-4.000 euro, la scuola in tutto 15.000-20.000 euro e alla fine hai un titolo che ti vale poco, perché anche solo con il master puoi già lavorare come neuropsicologo, in quanto non c'è una legge che lo vieta. Quindi se proprio vuoi fare la scuola per me avrebbe senso farla in psicoterapia (e non in neuropsicologia che rilascia il doppio titolo), perché in questo modo avresti vere competenze in entrambi i settori, mentre se non te ne frega niente della psicoterapia e sei convinto di fare il neuropsicologo non hai l'obbligo di prendere una specializzazione. Chiaro?

  14. #14
    Partecipante Esperto L'avatar di Push2005
    Data registrazione
    11-01-2008
    Residenza
    Riccione
    Messaggi
    366

    Riferimento: Re: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Citazione Originalmente inviato da shinay Visualizza messaggio
    Intendevo dire che il master ti costa 3.500-4.000 euro, la scuola in tutto 15.000-20.000 euro e alla fine hai un titolo che ti vale poco, perché anche solo con il master puoi già lavorare come neuropsicologo, in quanto non c'è una legge che lo vieta. Quindi se proprio vuoi fare la scuola per me avrebbe senso farla in psicoterapia (e non in neuropsicologia che rilascia il doppio titolo), perché in questo modo avresti vere competenze in entrambi i settori, mentre se non te ne frega niente della psicoterapia e sei convinto di fare il neuropsicologo non hai l'obbligo di prendere una specializzazione. Chiaro?
    Che dire..chiaro è chiaro...però il discorso iniziale, quello di uno scuola di specializzazione era riferito alla neuropsicologia dell'età evolutiva, attualmente di mio grande interesse che per giunta mi rilascerebbe il doppio titolo...ma in questo caso è solo una fortuita coincidenza ecco...comunque so per conoscenza diretta di persone, attualmente un paio sono miei docenti, che dopo una formazione a livello di laurea specilistica in neuropsicologia ora si stanno facendo una scuola psicoteraputica in psicoanalisi freudiana e a detta loro non hhanno nessun problema lavorativo e opera tranquillamente come clinici anche perchè le conoscenze di neuro che hanno non li ostacolano ma li piuttosto li aiutano a capire meglio certe situazioni...solo il tempo saprà =)
    VOGLIO POTER SCEGLIERE DI ANDARMENE APPENA SI SPEGNE LA LUCE,VOGLIO PERO' POTER DECIDERE QUANDO LA LUCE E' ANCORA ACCESA

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica

    Io sono una dei "quattro gatti" specializzata in neuropsicologia, ho fatto questa scelta perchè era quello che mi piaceva, e devo dire che dopo qualche anno di sacrificio e gavetta, adesso il lavoro sta ingranando bene. La psicoterapia mi interessa marginalmente, se mi capita un caso "solo" di pertinenza psicoterapica lo invio ad una collega, nonostante io sulla carta abbia scritto anche psicoterapeuta.
    Ma come detto giustamente da Andrew io faccio quello che so fare, non tutto quello che mi permette il mio titolo. E per questo il disturbo fonologico preferisco che lo trattino le logopediste, perchè sono più formate di me, hanno studiato 3 anni solo linguaggio.

    Per quanto riguarda il discorso master=specializzazione, ho i miei dubbi. Certo sulle cose di base della neuropsicologia si, ma se io ho studiato 4 anni e un altro 1 anno, probabilmente tanti aspetti io li ho approfonditi meglio. Ciò non toglie che uno con lo studio personale e l'esperienza acquisisca comunque delle buone competenze. E comunque nonostante tutto il nostro lavoro ci porta a doverci aggiornare di continuo, e quindi studio studio studio

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy