• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Visita neuropsicologica per rinnovo patente

    Ciao a tutti,
    vorrei avere un chiarimento sulla questione patenti: sto per aprire la partita iva e, quindi iniziare a lavorarae come neuropsicologa aprendo uno studio privato... sono stata contattata da un signore ultraottantenne che per il rinnovo della patente deve effettuare una "valutazione specialistica neuropsicologica delle funzioni cognitive, psicomotorie e di personalità in relazione alla guida di autoveicoli" e mi ha chiesto se fossi abilitata a farle. Io ho sempre saputo che queste valutazioni bisogna farle nel pubblico altrimenti non hanno valore legale, ma effettivamente nel documento non c'è nessun riferimento a dove farla fare, parla solo di "documenti da allegare alla domanda". Partendo dal presupposto che questa volta dirò di no, in quanto essendomi appena avviata non ho ancora i test necessari per poter fare una valutazione di questo tipo, a livello generale è vero che un privato non può fare visite per il rinnovo oppure mi sbaglio? Grazie a tutti per le risposte!

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Visita neuropsicologica per rinnovo patente

    bella domanda....teoricamente si, credo che vadano rilasciati da una struttura pubblica, però non ne sono così sicura....
    proprio la scorsa settimana una mia amica, neuropsicologa, mi ha detto di essere stata contattata da un'autoscuola per fare un piccolissimo screening alle persone che devono fare il rinnovo della patente.
    Bisognerebbe informarsi all'ordine.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Visita neuropsicologica per rinnovo patente

    grazie Calethiel, appena possibile prendo appuntamento così chiedo un po' di cose... nel frattempo se qualcuno ne sa di più, illuminateci!

  4. #4
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    21-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    118

    Riferimento: Visita neuropsicologica per rinnovo patente

    Citazione Originalmente inviato da shinay Visualizza messaggio
    Ciao a tutti,
    vorrei avere un chiarimento sulla questione patenti: sto per aprire la partita iva e, quindi iniziare a lavorarae come neuropsicologa aprendo uno studio privato... sono stata contattata da un signore ultraottantenne che per il rinnovo della patente deve effettuare una "valutazione specialistica neuropsicologica delle funzioni cognitive, psicomotorie e di personalità in relazione alla guida di autoveicoli" e mi ha chiesto se fossi abilitata a farle. Io ho sempre saputo che queste valutazioni bisogna farle nel pubblico altrimenti non hanno valore legale, ma effettivamente nel documento non c'è nessun riferimento a dove farla fare, parla solo di "documenti da allegare alla domanda". Partendo dal presupposto che questa volta dirò di no, in quanto essendomi appena avviata non ho ancora i test necessari per poter fare una valutazione di questo tipo, a livello generale è vero che un privato non può fare visite per il rinnovo oppure mi sbaglio? Grazie a tutti per le risposte!
    L'intervento dello psicologo nel rilascio / rinnovo della patente ha due aspetti: uno giuridico e uno tecnico-professionale.

    Per quanto riguarda l'aspetto giuridico, l'esame neuropsicologico è citato nell'art. 2 della Legge Delega n. 85 del 22/03/2001, con riferimento a potenziali guidatori con danni cerebrali acquisiti:

    zz) prevedere, nei limiti dei fondi destinati al Piano nazionale della sicurezza stradale, per i responsabili delle unità di terapia intensiva o di neurochirurgia presso le quali sia avvenuto il ricovero di soggetti che abbiano subito trauma cranico o che siano in coma per altra causa, l'obbligo di comunicazione agli uffici provinciali del Dipartimento dei trasporti terrestri dei casi di coma di durata superiore alle 48 ore. In seguito a tale comunicazione, prevedere l'obbligo di sottoporre a revisione la relativa patente di guida. La successiva idoneità alla guida è valutata dalla commissione medica provinciale previo parere vincolante dello specialista dell'unità riabilitativa che ha seguito l'evoluzione clinica del paziente, il quale effettua una valutazione neuropsicologica ed una verifica su strada o su apposito simulatore, con possibilità successiva di attivare uno specifico programma riabilitativo.

    In questo caso, sebbene il testo non specifichi chi sia lo “specialista dell'unità riabilitativa”, sembra tacito che si tratti di un medico neurologo (non importa se di test neuropsicologici sa poco o niente o se il suo budget ospedaliero non gli consente di avere in repertorio più del test delle campanelle in fotocopia sbiadita).

    Nel Decreto Legislativo n. 285 del 30/04/1992 (Nuovo codice della strada), nel Decreto del Presidente della Repubblica n. 495 del 16/12/ 1992 (Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada) e nelle note all'art. 23 della recente legge 120 del 29/07/2010 (Disposizioni in materia di sicurezza stradale), per quanto riguarda il rilascio / rinnovo delle patenti, si specifica che „I medici di cui al comma 2 o, nei casi previsti, le commissioni mediche di cui al comma 4, possono richiedere, qualora lo ritengano opportuno, che l'accertamento dei requisiti fisici e psichici sia integrato da specifica valutazione psico-diagnostica effettuata da psicologi abilitati all'esercizio della professione ed iscritti all'albo professionale.”

    Quindi qualunque collega iscritto all'albo è autorizzato a svolgere la valutazione psico-diagnostica se chiamato dai medici autorizzati di cui si parla al comma 2 [dell'art. 119 del Codice della Strada], che sono:

    Medici legali delle unità sanitarie locali di residenza;
    Medico appartenente ai ruoli del Ministero della salute;
    Medico appartenente al ruolo sanitario della Polizia di Stato;
    Medico appartenente al ruolo sanitario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco;
    Medico militare in servizio permanente effettivo,
    Ispettore medico delle Ferrovie dello Stato;
    Ispettore medico del ministero del lavoro e delle politiche sociali.

    Di solito la visita per il rinnovo della patente si effettua presso le autoscuole, che sono convenzionate con medici militari, presenti in autoscuola in giorni prestabiliti.

    Le commissioni mediche locali di cui al comma 4 sono invece le uniche abilitate al rilascio / rinnovo della patente per disabili e per portatori di varie patologie (per gli approfondimenti puoi leggerti la legge 120/2010).

    Il successivo Decreto Ministeriale del 08/09/2010 estende l'obbligo della visita presso la commissione medica locale, oltre che ai disabili e portatori delle previste patologie, anche ai soggetti con più di ottant'anni.
    Dice infatti all'art. 3: “Fatto salvo quanto previsto dal comma 2, chi ha superato ottanta anni puo' continuare a condurre ciclomotori e veicoli per i quali e' richiesta la patente di categoria A, B, C, E, qualora consegua uno specifico attestato rilasciato dalla commissione medica locale di cui al comma 4 dell'articolo 119, a seguito di visita medica specialistica biennale, con oneri a carico del richiedente, rivolta ad accertare la persistenza dei requisiti fisici e psichici richiesti.”

    Per gli aspetti normativi puoi consultare anche:

    DPR 495/92 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del nuovo Codice della Strada D.lgs. 285/92)

    L. 01.08.2003 n. 214 (Modifiche ed integrazioni al Codice della Strada)

    L. 02.10.2007 n. 160 (Disposizioni urgenti modificative del Codice della Strada per incrementare i livelli di sicurezza)

    L. 29.07.2010 n. 120 (Disposizioni in materia di sicurezza stradale)

    Se sei di Roma (o per Calethiel e chi è di Roma), altre informazioni sulla Commissione Medica Locale ed i rilasci /rinnovi di patente, nonché le sedi per le visite e le modalità per gli appuntamenti, si trovano al sito http://www.aslromad.it/Servizi.aspx?...0&Tipologia=54

    mentre al sito http://www.asl-rme.it/images/stories...i_speciali.pdf
    ci sono le linee guida della ASL Roma 1 per il rinnovo della patente, dove si legge: “Per i soggetti di età superiore a 80 anni sono richiesti certificato anamnestico del medico curante, visita geriatrica, elettrocardiogramma con visita cardiologia, visita oculistica con visus naturale e corretto, campo visivo refertato con gradi sul piano orizzontale e verticale, visione crepuscolare, sensibilità all’abbagliamento e al contrasto con tempo di recupero, eventuale diplopia.”

    Considerando che il numero di incidenti stradali causati dagli anziani è nettamente inferiore a quello degli incidenti provocati dai giovani, questa legge mi sembra una vera e propria vessazione della popolazione anziana, alla quale si chiede di presentarsi a visita alla commissione ogni 2 anni, portando ogni volta referto del geriatra, del cardiologo e dell'oculista (visite ovviamente a pagamento), oltre che la ricevuta di versamento dei seguenti tributi:

    1) Marca da bollo di € 14,62
    2) Ricevuta di pagamento effettuato sul c/c postale n° 13745005 intestato ASL RM/E-Servizio Tesoreria Entrate Medicina Legale di € 18,59; il versamento dovrà avere come causale visita medica patenti speciali.
    3) Ricevuta di pagamento di € 9,00 versata sul c/c postale n° 9001 intestato a “Dipartimento Trasporti Terrestri Diritti Roma”

    Quanti anziani potranno permettersi ancora il rinnovo della patente?

    Tornando a noi psicologi, mi sembra chiaro da tutto quanto detto sopra che il tuo intervento ufficiale nel caso del guidatore ottantenne a cui ti riferisci, può essere richiesto solo dalla Commissione Medica Locale della tua città, che è l'unica istanza abilitata a rinnovare la patente dell'ultraottantenne e a poter chiedere ex art. 23 legge 120/2010 e precedenti, la valutazione psico-diagnostica effettuata da uno psicologo.

    Qui veniamo agli aspetti tecnico-professionali della visita neuropsicologica ai fini del rinnovo della patente.
    Essendo il nostro intervento puramente consiliare su delega del medico o della commissione medica in questione, la nostra diagnostica dovrebbe indirizzarsi a rispondere alle domande specifiche poste dal committente (il medico o la commissione medica, anche se poi chi paga il nostro onorario è il paziente). Quindi sarebbe opportuno sentire dal medico / commissione medica per quale ragione viene richiesta la visita psicologica e quali ambiti cognitivo-affettivo-comportamentali destano nel medico responsabile dubbi da chiarirsi tramite visita psicologica (o neuropsicologica, termine ahimè giuridicamente ancora molto ambiguo nella nostra legislazione). Dal quesito dipenderà anche il tipo di indagine di approfondimento da parte nostra e, di conseguenza, la scelta dei test a cui sottoporre il soggetto. Nella relazione andrà specificato in apertura che la visita al sig. XY viene eseguita su richiesta del dott. XY per rispondere alla domanda … / per chiarire se.... / per accertare lo stato.... , ecc.

    Nel tuo caso, Shinay, non mi è chiaro chi ti ha inviato l'anziano guidatore e perchè. Comunque una visita psicodiagnostica completa dovrebbe indagare un po' tutte le funzioni coinvolte nella guida. In assenza di un simulatore di guida, sarebbe almeno importante avere, tra i vari test, una batteria computerizzata per la misurazione dei tempi di reazione a stimoli semplici e complessi e per alcuni test delle capacità psicomotorie.

    Partendo dall'elenco delle patologie invalidanti elencate nell' Appendice II art. 320 del D.P.R. 495/92, la Commissione Medica Locale della città di Verona ha pubblicato recentemente quanto segue:

    Le funzioni coinvolte nella guida sono:
    percezione del rischio
    prontezza di riflessi
    attenzione e concentrazione
    percezione visiva e uditiva
    coordinazione motoria
    capacità di controllo delle proprie emozioni
    orientamento spazio-temporale

    I principali fattori che compromettono le funzioni coinvolte nella guida sono:
    percezione del rischio (stupefacenti, alcool, patologie psichiatriche, deficit visivi, sonnolenza,…)
    riflessi (stupefacenti, alcool, malattie neurologiche, diabete, deficit visivi, …)
    capacità attentiva (farmaci, stupefacenti, alcool, sonnolenza, demenza, stanchezza, …)
    stato di coscienza (epilessia, diabete, aritmie, colpo di sonno, …)
    capacità visiva (malattie oculari e neurologiche, stupefacenti, alcool, diabete, …)
    coordinazione motoria (patologie neurologiche, muscolari, alterazioni anatomiche, alcool, stupefacenti, …)
    capacità di controllo delle proprie emozioni (stupefacenti, alcool, malattie psichiatriche, disturbi del comportamento, ...)

    Il nostro spazio di intervento sarebbe a mio avviso assai maggiore di quanto la legge non ci demandi e ci consenta attualmente.

    Auguri per l'apertura del tuo studio!

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di shinay
    Data registrazione
    02-07-2004
    Messaggi
    88

    Re: Visita neuropsicologica per rinnovo patente

    Millelune non potevi essere più completa! Grazie mille, in realtà il signore in questione ha trovato il mio nominativo negli elenchi di psicologi on line e mi ha contattato tramite email... alla fine gli ho detto che, essendo a inizio attività, non ero in possesso di tutti i test necessari a una visita di questo tipo... grazie per gli auguri, ma sono in una specie di limbo... non so se fare il grande passo o aspettare ancora!!!

Privacy Policy