• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante L'avatar di Dadedid˛
    Data registrazione
    16-01-2009
    Messaggi
    56

    Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeuti

    Una domanda che potrÓ sembrarvi anche strana...se uno psicologo apre lo studio, poi inizia (chiedendo l'approvazione all'ordine per ogni dettaglio) una serie di operazioni per la sua "promozione" (distribuzione di brochures informative e bigliettini in erboristerie, centri benessere, palestre, studi medici, creazione e cura quotidiana del sito web, pubblicazione di piccole guide sui disturbi psicologici, aggiornamento di un blog, ecc...) per farsi conoscere, avere visibilitÓ dichiarando CHIARAMENTE di fare consulenza, crescita personale (lavorando non sul disturbo in sÚ come in psicoterapia, ma sulle parti sane, sulle risorse e potenzialitÓ, sulla creativitÓ e sull'autostima in un'ottica di riabilitazione e sostegno) e fÓ diagnosi anche utilizzando alcuni tests proiettivi........possono nascere problemi con gli psicoterapeuti operanti nello stesso territorio? Ho adottato da subito un approccio "di marketing" secondo me degno (aprendo la mia part iva regolare, ovviamente rispettando tutte le incombenze fiscali e dell'ordine): non vendendo fumo, parlando chiaro di ci˛ che faccio e di ci˛ che non faccio e contemporaneamente non disdegnando di farsi un p˛ di pubblicitÓ ma seria, corretta, deontologicamente controllata, trasparente.....con chi e come secondo voi, se nascono, possono nascere problemi?

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Re: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeuti

    perchÚ dovrebbero nascere problemi con gli psicoterapeuti operanti nello stesso territorio? Mica hai dichiarato di fare psicoterapia senza averne il titolo. Per tutte le altre 148 attivitÓ del tariffario, sei perfettamente autorizzata dalla L. 56/89. Cosa dovrebbero avere da ridire?

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di klaudia82
    Data registrazione
    20-09-2007
    Residenza
    in un meraviglioso paesino del nord
    Messaggi
    862

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    infatti mi sembra tutto regolare!

  4. #4
    Partecipante L'avatar di Dadedid˛
    Data registrazione
    16-01-2009
    Messaggi
    56

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    ...ok comunque, sapete, io mi riferivo anche all'aspetto dei rapporti fra "colleghi"...mi spiego, e non sar˛ tenero: CI SIAMO RESI CONTO CHE IN ITALIA OGGI PER LA GENTE (AHIME' SOPRATTUTTO DEL SETTORE) GODONO DI CONSIDERAZIONE SOLAMENTE GLI PSICOTERAPEUTI? VOglio dire: io facendo l'educatore mi sono ritrovato innumerevoli volte a contatto con psicoterapeute (spesso asl ma anche private) e c'Ŕ sempre un momento in cui ti rendi conto che nella loro mente esiste ed ha una dignitÓ tecnica esclusivamente la psicoterapia. Addirittura di recente mi sono sentito trattare con la solita superioritÓ spocchiosa e aggiungere "...Ŕ come guidare senza la patente. FinchÚ non si Ŕ specializzati....!". A me ricorda molto la situazione in cui era il servizio civile quando l'ho scelto io. Non era "IL servizio civile", con una sua dignitÓ. Era visto come la "via di fuga" dal sano e tradizionale militare "che forgiava gli animi e le menti" e faceva diventra euomini i ragazzi. MentalitÓ da 1800, che in questa italia primitiva e arretrata secondo me perdura. AVete mai lavorato in un CIM di un'Asl? Avete presente in che stato (spesso, non sempre, ma molto spesso) versano? Dove io ho fatto volontariato per 2 anni non avevano i soldi per aggiustare i computer! Le asl, i consultori....tutto lascia formare nelle teste della gente l'equazione "psicologo=psicoterapia". Dall'altro lato c'Ŕ il settore privato: monopolizzato da scuole e scuolette e da terapeuti magari di altre generazioni per cui la semplice "consulenza" Ŕ solamente una falsa etichetta per chi non si Ŕ potuto permetter euna specializzazione. E' dur conquistarsi dignitÓ come semplici psicologi. L'idea che pi¨ titoli si hanno pi¨ efficace sia il "prodotto venduto" , molto provinciale e arretrata, secondo me in italia ancora molto presente.......ciao

  5. #5
    schanuel
    Ospite non registrato

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    .......................................
    Ultima modifica di schanuel : 05-01-2013 alle ore 01.14.22 Motivo: richiesta cancellazione account e rimozione nick dai post

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    dadadid˛, anch'io ho un'esperienza diversa, cioŔ nelle realtÓ che ho vissuto, la gente non considera di pi¨ lo psicoterapeuta, anzi Ŕ proprio confusa, non sa la differenza tra psicologo, psicoterapeuta, psichiatra, psicoanalista. Quando insegnavo nelle scuole, i colleghi delle altre materie (quindi ti parlo di persone laureate, titolare e acculturate), avevano la stessa confusione, e diceva "eh, ame servirebbe un'analista!" "con questi ragazzi ci vorrebbe proprio un'analista"! CioŔ anche persone con un livello di istruzione, riducono tutto all"analista!" E spesso Ŕ la stessa categoria degli psicologi ad appiattirsi sulla psicoterapia, a infilarsi subito in una scuola di psicoterapia. Si tratta di due profili completamente diversi. Attualmente la psicoterapia non ha mercato, mentre la psicologia ha un mercato in crescita (lo hann oconfermato numerose statistiche non fatte da pinco pallino, ma dall'Ordine della Lombardia, Lazio, Emilia Romagna e da alcuni prof come Carli, scusate se Ŕ poco...). Se vogliamo ancora credere che sarÓ la psicoterapia a risolvere il problema del lavoro che non c'Ŕ, o delle competenze o delle guerre nel mondo, invece di approcciarsi al mercato con i dovuti strumenti (quali? Quelli di qualunque professionista e impresa che si immette sul mercato: business plan, analisi dei bisogni, strategie di promozione, ecc), perderemo molte occasioni.

  7. #7
    Partecipante L'avatar di Dadedid˛
    Data registrazione
    16-01-2009
    Messaggi
    56

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    Vi ringrazio moltissimo per le vostre risposte; vi sembrerÓ magari strano ma ho molto bisogno di confronto in questa fase delicata di inizio....comunque non vi ho detto che sono in contatto con una collega psicoterapeuta psicodinamica breve all'incirca della mia etÓ e della mia generazione di laureati che - dopo molti consigli e confronti "tecnici"- alla stessa domanda mi ha risposto "mah! non credere che le scuole di spec. poi diano cosý tanto...alla fine, l'inquadramento teorico oggi dovrebbe essere integrato e dunque personale e "riformulato" sul proprio stile, pazienti raro che ne inviino, contatti non molti, magari ti inserisci di pi¨ in una rete di invianti. Semmai, lavorando da psicologo devi un p˛ guardarti dagli psicoterapeuti per il pericolo di invadere il campo della psicoterapia facendo consulenza, proprio perchÚ la legge italiana non chiarisce assolutamente la differenza fra l'una e l'altra"........questo il senso di ci˛ che mi ha detto.....io quando parlo di ci˛ che faccio lo qualifico chiaramente come CONSULENZA PSICOLOGICA (il counseling Ŕ un termine inglese che detesto e trovo un'altra etichetta commerciale), DIAGNOSI E CRESCITA PERSONALE....dico di utilizzare come strumento tecnico il COLLOQUIO PSICOLOGICO CLINICO, I TESTS PROIETTIVI. All'ordine ho chiesto per quanto riguarda l'orientamento teorico e inaspettatamente (e mi hanno deluso qua tantissimo!!!!) mi sono sentito rispondere che ldell'orientamento teorico possono parlare solamente gli psicoterapeuti, che noi possimao solamente parlare di consulenza e diagnosi e supporto psicologico facendo molta attenzione a non sconfinare nel "sacro" (aggiungo io) territorio delle psico-terapie. A parte un ordine professionale che ha messo la bandierina del vero successo sul fatto di appartenere o meno all'elite degli psicoterapeuti facendosi cosý dl male da solo, ma mi domando: ....perchÚ, non Ŕ possibile che una consulenza sia di orientamento teorico psicodinamico piuttosto che cognitivo-comportamentale piuttosto che strategico? Io penso invece di sý.....che ne pensate? GRAZIE PER LE VOSTRE OPINIONI!!!!!!! P.S......sono un ragazzo

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di nudaveritas
    Data registrazione
    24-06-2008
    Messaggi
    323

    Riferimento: Psicologo libera professione, pubblicita' e psicoterapeut

    Citazione Originalmente inviato da Dadedid˛ Visualizza messaggio
    All'ordine ho chiesto per quanto riguarda l'orientamento teorico e inaspettatamente (e mi hanno deluso qua tantissimo!!!!) mi sono sentito rispondere che ldell'orientamento teorico possono parlare solamente gli psicoterapeuti, che noi possimao solamente parlare di consulenza e diagnosi e supporto psicologico facendo molta attenzione a non sconfinare nel "sacro" (aggiungo io) territorio delle psico-terapie. A parte un ordine professionale che ha messo la bandierina del vero successo sul fatto di appartenere o meno all'elite degli psicoterapeuti facendosi cosý dl male da solo, ma mi domando: ....perchÚ, non Ŕ possibile che una consulenza sia di orientamento teorico psicodinamico piuttosto che cognitivo-comportamentale piuttosto che strategico? Io penso invece di sý.....che ne pensate? GRAZIE PER LE VOSTRE OPINIONI!!!!!!! P.S......sono un ragazzo
    La questione Ŕ puramente "d'etichetta", cioŔ, quando siamo usciti dalla specialistica, il nostro titolo era "PSICOLOGO", senza tener conto della specialistica fatta.
    Ovviamente questo non Ŕ giusto, perchŔ a seconda della specialistica fatta, ognuno di noi ha acquisito conoscenze e competenze diverse.
    Purtroppo per noi sembra che ci venga riconosciuta una "differenziazione" solo con 4 -5 anni di specializzazione
    In ogni caso, se pu˛ consolarti, anche io ho il mio orientamento, a cui sono molto fedele e con il quale ho intenzione di lavorare!
    Nudaveritas
    La morte Ŕ insopportabile per chi non riesce a vivere

Privacy Policy