• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Toni
    Ospite non registrato

    Madrid, bombe sui treni "Oltre sessanta morti"

    MADRID - Oltre sessanta morti e un numero imprecisato di feriti. E' il bilancio ancora tutto del tutto provvisorio, fornito dal ministero dell'Interno, di tre potenti esplosioni che hanno investito stamane quasi contemporaneamente tre stazioni ferroviarie a Madrid, colpendo tre convogli affollati di pendolari, due regionali e un treno superveloce. Una quarta esplosione si è avvertita dopo diverse ore.

    La conta delle vittime è ancora incerta e numeri e fonti si accavallano: la sensazione è che il bilancio finale sarà pesantissimo. Se gli Interni parlano di oltre sessanta vittime, la tv di Stato ne conta oltre 80. Per i vigili del fuoco sono almeno 30 le vittime nella sola stazione di El Pozo del Tio Raimundo, lungo la linea che collega Madrid a Guadalajara, dove transitano i treni dei pendolari. Le altre stazioni colpite sono Atocha e Santa Eugenia, anche queste frequentate, specie al mattino, da treni di gente che va a lavorare nella capitale spagnola. Secondo fonti ufficiali alla televisione privata Telecinco, i morti sarebbero almeno 45, per la stampa locale più di 60. Un tragico balletto di cifre in questi primi concitati momenti.

    Secondo testimoni e autorità i 'modi' degli attentati sarebbero attribuibili al gruppo terrorista separatista basco. Ma al momento non è arrivata alcuna rivendicazione.

    Le esplosioni si sono susseguite a breve distanza di tempo fra le 7.30 e poco dopo le 8 (ora italiana) in tre snodi centrali del traffico ferroviario della capitale spagnola. Secondo le prime ricostruzioni l'attentato più violento (29 morti) ha distrutto quattro vagoni di un treno pendolare della linea C1 mentre entrava nella stazione di Atocha, uno degli snodi ferroviari più importanti del Paese. La stazione è stata totalmente isolata dalle forze dell'ordine, che hanno installato un improvvisato ospedale da campo nelle vicinanze per accudire i numerosi feriti. Nella stessa stazione di Atocha, diverse ore più tardi, una seconda esplosione.

    Non meno violenta sembra l'esplosione che ha scosso la stazione di El Pozo del Tio Raimundo, a poca distanza dal parlamento regionale di Madrid, nella parte sudorientale della città, dove ci sarebbero stati 18 morti. Altre 15 vittime nella terza stazione ferroviaria, quella di Santa Eugenia, alla periferia della città.

    Nella capitale spagnola è caos e panico. I soccorritori utilizzano i taxi per trasportare i feriti perché non ci sono ambulanze a sufficienza, mentre decine di persone si sono affollate intorno a un ospedale da campo improvvisato in via del Commercio, a poca distanza da Atocha. Le autorità hanno sospeso i treni in tutta la rete di periferia e nella prima linea della metropolitana madrilena.

    In risposta a un appello urgente del governo spagnolo alla cittadinanza, centinaia di madrileni si sono messi in fila negli ospedali e davanti alle unità mobili per donare il loro sangue per le vittime delle stragi. Il governo catalano ha fatto sapere di aver inviato 500 sacche di sangue.

    Il portavoce del governo, Eduardo Zaplana, intervistato in diretta dalla televisione ha definito gli attentati "un'omicidio di massa, un massacro, un chiaro attentato contro la democrazia", e ha puntato il dito contro i separatisti baschi del'Eta che ha definito un "banda criminale di assassini".

    A differenza dello 'stile' adottato dall'Eta, questa volta non c'è stato nessun avvertimento da parte del gruppo terrorista su un imminente attacco. Lo ha sottolineato il ministro degli Interni Angel Acebes, che ha parlato di decine di morti e feriti senza indicare un numero preciso. Alla stazione di Atoche, ha aggiunto, oltre a bombe su un treno c'erano forse anche cariche esplosive sui marciapiedi lungo i binari.

    L'attentato arriva quando mancano quattro giorni alle elezioni politiche nazionali in Spagna. Il Partito popolare spagnolo del premier Josè Maria Aznar, come tutti gli altri, hanno sospeso le loro campagne elettorali. Il premier Aznar ha convocato una riunione urgente del gabinetto di crisi del suo governo al Palazzo della Moncloa, dopo la quale parlerà ai suoi concittadini in un messaggio radiotelevisivo.

    Alla fine di febbraio la polizia credeva di aver sventato un attentato che l'Eta voleva compiere nella capitale in vista delle elezioni: due membri del gruppo indipendentista erano stati arrestati mentre, a bordo di un furgone con mezza tonnellata di esplosivo, si dirigevano verso Madrid. Il capo del governo regionale basco, Juan Jose Ibarretxe, ha convocato una conferenza stampa, mentre il premier spagnolo ha cancellato una conferenza che avrebbe dovuto tenere al Club dell'Industria, della tecnologia e delle miniere e si tiene in contatto con il ministro dell'Interno, Angel Acebes, per essere aggiornato sulla situazione.

    Fonte: Repubblica

  2. #2
    Azzu82
    Ospite non registrato
    Non ci sono parole....

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di MaRtHa_79
    Data registrazione
    22-01-2004
    Residenza
    °Iglesias*Melito°
    Messaggi
    1,986
    Ho ViSTo Le iMMaGiNi...SoNo SCoNVoLTa....CHe TRaGeDia..VoRRei SoLo SaPeRe PeRKè uCCiDeRe DeGLi iNNoCeNTi?

  4. #4
    kiky
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da MaRtHa_79
    Ho ViSTo Le iMMaGiNi...SoNo SCoNVoLTa....CHe TRaGeDia..VoRRei SoLo SaPeRe PeRKè uCCiDeRe DeGLi iNNoCeNTi?
    mA pErcHè ScRivi CoSì???????????

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di MaRtHa_79
    Data registrazione
    22-01-2004
    Residenza
    °Iglesias*Melito°
    Messaggi
    1,986
    PeRCHè Mi PiaCe

  6. #6
    indiana
    Ospite non registrato
    Forse è vero in certe situazioni nn ci sono parole che possono esprimere il grado di sconcerto che certi eventi scaturiscono, credo, in ognuno di noi. Forse il silenzio è l'unica risposta. Ed è stato il silenzio la mia risposta davanti a quelle immagini di panico, di dolore. Ad una domanda lecita sul perchè uccidere degli innocenti, risposte politiche, economiche, religiose, forse corrette, che ci possano spiegare di certo le dinamiche complesse del terrorismo, possono bastare?
    Domanda stupida, banale, ma nn smetterò mai di domandarmi se l'odio per gli altri individui, che ci porta a scatenare tali barbarie, è insito nell'uomo o frutto di un indottrinamento?

  7. #7
    kiky
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da indiana
    Forse è vero in certe situazioni nn ci sono parole che possono esprimere il grado di sconcerto che certi eventi scaturiscono, credo, in ognuno di noi. Forse il silenzio è l'unica risposta. Ed è stato il silenzio la mia risposta davanti a quelle immagini di panico, di dolore. Ad una domanda lecita sul perchè uccidere degli innocenti, risposte politiche, economiche, religiose, forse corrette, che ci possano spiegare di certo le dinamiche complesse del terrorismo, possono bastare?
    Domanda stupida, banale, ma nn smetterò mai di domandarmi se l'odio per gli altri individui, che ci porta a scatenare tali barbarie, è insito nell'uomo o frutto di un indottrinamento?
    è la natura dell'uomo.
    poi è ovvio che fattori ambientali, culturali e relazionali influenzano ed esasperano il lato disumano dell'uomo.

  8. #8
    Partecipante L'avatar di STAR
    Data registrazione
    13-06-2003
    Residenza
    Brescia
    Messaggi
    35
    Originariamente postato da kiky
    è la natura dell'uomo.
    poi è ovvio che fattori ambientali, culturali e relazionali influenzano ed esasperano il lato disumano dell'uomo.
    già bella domanda..forse è un po l'un un po l'altro. Io so solo una cosa...la voce dell'innocenza...dei bambini...degli inoocenti..quella non si deve mai spegnere perchè è l'unica che, forse, ci fa capire quanto l'uomo può essere brutale...
    è una cosa che mi fa....incaz..... non ci possono andare di mezzo sempre i piu deboli..quelli che non c'entrano niente...chi aveva una vita serena e tranquilla!Amore...l'amore deve vincere...non la guerra
    Fatti non foste a viver come bruti , ma per seguir virtute e canoscenza . ( Dante , Inferno XXVI )
    La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente. (Freud)






  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Sarina84
    Data registrazione
    27-12-2003
    Residenza
    near Pisa
    Messaggi
    458
    E' davvero orrendo ciò che è successo in Spagna.
    E il pensare che oltre il 20% delle persone morte erano studenti che,come tanti di noi,passavano parte del giorno in treno...mi rende ancora più triste....E' davvero terribile!!!
    Non ci sono parole per questi avvenimenti tragici...

  10. #10
    La natura dell'uomo si, del maschio in particolare.

  11. #11
    indiana
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Scarlet
    La natura dell'uomo si, del maschio in particolare.

    Uhm.....che sia innata la paura dell'estraneo, concordo..ma sul fatto che il maschio sia più incline della femmina, nn sono molto d'accordo. Prendi l'attentato al teatro a mosca, e nn solo, erano donne kamikaze, vedove cecene....ma ce ne sono molti altri di esempi di cronaca, anke all'ordine del giorno e che nn si riferiscono al terrorismo in senso stretto. Credo invece che uomi e donne adottino solo diverse strategie comportamentali per esprimere aggressività e odio nei confronti del prossimo. Voi che ne dite?

  12. #12
    Postatore Epico L'avatar di belanda
    Data registrazione
    25-09-2002
    Residenza
    Il mondo
    Messaggi
    5,261
    Visi di xsone..occhi pieni di lacrime..visi segnati dal sangue...queste sono le immagini ke la tv,i giornali ci hanno fatto vedere di questa immensa tragedia...ma anzicchè far rivedere1000volte queste immagini xké nn fanno vedere tutte le foto di questi STR...,tutti i loro possibili travestimenti?
    Poi nn capisco come i kamikaze si facciano saltare in aria così...so ke la loro cultura li porta a questo,so ke é l'onore x il loro paese ke li porta a comportarsi così..ma nn pensano ke ammazzano gente innocente?
    Ci dovremmo unire tutti contro il terrorismo...nn dovremmo +assistere a queste cose...
    E presi coscienza che la forza invincibile che ha spinto il mondo, non sono gli amori felici bensì quelli contrastati.
    (Gabriel García Márquez)

  13. #13
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Originariamente postato da belanda
    Visi di xsone..occhi pieni di lacrime..visi segnati dal sangue...queste sono le immagini ke la tv,i giornali ci hanno fatto vedere di questa immensa tragedia...ma anzicchè far rivedere1000volte queste immagini xké nn fanno vedere tutte le foto di questi STR...,tutti i loro possibili travestimenti?
    Poi nn capisco come i kamikaze si facciano saltare in aria così...so ke la loro cultura li porta a questo,so ke é l'onore x il loro paese ke li porta a comportarsi così..ma nn pensano ke ammazzano gente innocente?
    Ci dovremmo unire tutti contro il terrorismo...nn dovremmo +assistere a queste cose...
    Credo che più o meno tutti siano contro il terrorismo,le differenze riguardano come si ritiene si debba intervenire;
    come è sempre successo,poi,la lotta al terrorismo è diventata una bandiera per coprire le scelte più crudeli e che hanno ben altri scopi;come la guerra in Iraq.
    La guerra,da sempre,danneggia economicamente chi la subisce,ma è fonte di ricchezza e guadagni per chi la fa.

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di belanda
    Data registrazione
    25-09-2002
    Residenza
    Il mondo
    Messaggi
    5,261
    Quali sono stati i guadagni x le famiglie ke hanno xso i proprio cari?
    E presi coscienza che la forza invincibile che ha spinto il mondo, non sono gli amori felici bensì quelli contrastati.
    (Gabriel García Márquez)

  15. #15
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Per loro nessuno;evidentemente i governi che decidono di fare guerre non hanno come prima preoccupazione la sorte dei loro soldati

Privacy Policy