• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: Bambina dislessica

  1. #1
    Neofita
    Data registrazione
    17-02-2010
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    7

    Bambina dislessica

    Salve a tutti, scusate ma non sapevo in che argomento mettere la mia discussione.
    Premetto di non essere una psicologa ma di essere al secondo anno di psicologia.
    Aiuto una bambina di 11 anni dislessica a fare i compiti, soprattutto quelli orali. Il suo problema, per˛, Ŕ che si distrae molto facilmente, non ascolta quello che dico e soprattutto si lamenta per ogni piccola cosa (se deve sottolineare, se deve ripetere una seconda volta, ecc...). Il mio problema non Ŕ non riuscire a gestirla, ma che non riesca a imparare sul serio quello che studia! Come posso fare?qualche consiglio? Grazie mille

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di luciamaria
    Data registrazione
    16-01-2008
    Residenza
    roma
    Messaggi
    207

    Riferimento: Bambina dislessica

    Una bambina dislessica non segue lo stesso metodo di lavoro degli altri, proprio per le sue peculiaritÓ. E' seguita dalla asl o da qualche psicologo? Occorre parlare con chi la segue. Io normalmente mi comporto cosý, si fa un trattamento specifico e si danno indicazioni su come operare a casa. Fa parte del mio lavoro a studio.
    lucia

  3. #3
    Partecipante Figo
    Data registrazione
    09-09-2008
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    925

    Riferimento: Bambina dislessica

    Ŕ abbastanza ovvio che la bambina si distragga e si lamenti: chiunque trova noioso affrontare del materiale che non capisce! spero che la bambina sia seguita da un logopedista che la aiuti man mano a "compensare" le carenze nella lettura. per quanto riguarda il tuo lavoro di sostegno scolastico, l'unica cosa che puoi fare Ŕ limitarti a diminuirle il carico di lavoro evitando prove in cui Ŕ lei a dover leggere o identificare la frase da sottolineare. potresti, ad esempio, preparare prima il materiale oggetto della lezione (occorre un ottimo rapporto con i genitori e, se si riesce, con la scuola...) in modo da "raccontarglielo" tu e basare l'apprendimento piu sulla riflessione che sulla lettura e memorizzazione.
    Una strategia che spesso i dislessici usano per leggere (gli esperti in DSA mi scuseranno x la banalizzazione) Ŕ associare l'immagine globale della parola al suono corrispondente, per compensare la difficoltÓ che hanno nel discriminare e convertire i singoli suoni (ad es non leggono C+A+S+A ma leggono CASA), quindi un'alternativa potrebbe essere metterle comunque il testo davanti ma leggerlo tu e farle riconoscere e ripetere molte volte i vari significati delle parole.
    Prima di pensare ad una strategia di lettura,per˛, secondo me ti conviene basarti su quelle che si chiamano STRATEGIE METACOGNITIVE: deve studiare un particolare argomento di storia? falla riflettere sui contenuti, su cosa vuol dire per lei quel particolare argomento e falle creare anche delle mappe concettuali in cui identifica quali sono le nozioni che si possono trovare... il tutto, come ti ho detto, affiancato ad un apprendimento in cui la lettura non parte da lei ed in cui verifichi man mano che conosca il significato delle parole: la ripetizione "una seconda volta" non ha nessun senso se per lei il materiale immagazzinato non ha significato nemmeno la prima volta!

Privacy Policy