• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11
  1. #1

    Insegnare tecniche di valutazione rischio stress ad altre figure

    L'altro giorno un mio amico ingegnere, mi ha detto: "guarda che il mio ordine ha mandato un invito per partecipare ad un corso di formazione per la valutazione dello stress lavoro correlato" e conoscendo le mie attuali difficoltà lavorative "possibile che vi stiate facendo scippare anche questo?". Ciò che dice è vero, ingegneri RSPP e medici del lavoro pressano perché siano loro ad occuparsi in via esclusiva della cosa, ma quando ho letto il documento contenente il programma del corso non ci ho visto più, chi tiene il corso è un laureato in discipline della ricerca psicologico sociale. Non essendo iscritto all'albo non è tenuto al rispetto dell'art. 21 del Codice, ma allora chi è iscritto si trova in una situazione di svantaggio rispetto a chi non deve rispettare tali regole.
    Mi infastidisce anche l'ipocrisia delle altre professioni che non vogliono riconoscere le competenze dello psicologo per questo tipo di valutazione, però poi chiamano persone provenienti dalla nostra area disciplinare per tenere i corsi di formazione

    Ho segnalato la questione all'Ordine degli Psicologi tramite email.....nessuna risposta.
    Ultima modifica di rollo tommasi : 03-03-2011 alle ore 15.45.42

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di frenzi80
    Data registrazione
    09-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    86

    Riferimento: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegneri

    ci sono sviluppi? L'Ordine ha risposto?
    frenzi

  3. #3

    Riferimento: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegneri

    No purtroppo la mia interrogazione è caduta nel vuoto più assoluto e ti confido che pensavo non importasse a nessuno prima del tuo intervento.
    Ciao

  4. #4
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Insegnare tecniche di valutazione rischio stress ad altre

    Citazione Originalmente inviato da rollo tommasi Visualizza messaggio
    e conoscendo le mie attuali difficoltà lavorative "possibile che vi stiate facendo scippare anche questo?"..
    cosa vuoi che ti diciamo, digli che non è colpa tua, nostra, e quindi non è che "ce lo stiamo" facendo scippare, ma che invece la figura e i confini professionali dello psicologo in Italia sono una ciofeca perché non ci sono leggi che stabiliscono quali debbano essere le NOSTRE competenze specifiche. Tuttalpiù gli potresti dire che un ingegnere non sa un emerito NULLA di psicologia e che quindi non è in grado di leggere e interpretare i risultati di un test psicologico (un test da solo non fa diagnosi, ma va integrato con altri strumenti in un processo di valutazione più ampio!!!!!!!!!!!), dunque per coscienza dovrebbe evitare di fare questo tipo di lavoro, perché il rischio è quello di rovinare la vita della gente e lasciare che se ne occupino altre figure e fra l'altro non hanno neanche il codice deontologico che norma queste prestazioni psicologiche!
    Ultima modifica di Johnny : 20-03-2011 alle ore 14.08.58

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717

    Re: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegneri

    Esatto Johnny! Allo stato attuale, le uniche due riserve professionali ottenute dagli psicologi in vent'anni di vita sono: a) diagnosi psicologica; b) somministrazione di test finalizzati alla selezione del personale.

    Ergo gli ingegneri non fanno niente di contrario alla legge.

    Sono convinto da molti anni delle necessità di abolire l'Ordine. Ogni giorno che passa, ogni cosa che accade, rinforza sempre di più questo mio convincimento.

  6. #6

    Riferimento: Re: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegne

    Citazione Originalmente inviato da quattrostracci Visualizza messaggio

    Ergo gli ingegneri non fanno niente di contrario alla legge.
    Nessuno ha detto questo, fanno solo i loro interessi come hanno sempre fatto, buon per loro, anche se c'è da dire che ai convegni ai quali ho assistito hanno sempre minimizzato la figura dello psicologo, stranamente chiamano un laureato in psicologia per apprendere queste competenze.
    La valutazione del rischio stress lavoro correlato era un'occasione di vedere riconosciuto un ambito di studi dove la psicologia del lavoro ha dato tanto, alcuni colleghi hanno iniziato a sfruttare la situazione, ma a livello politico non siamo riusciti a far valere la nostra professionalità e la prospettiva è quella che non saranno gli psicologi ad occuparsi della valutazione del rischio.
    Nel caso specifico, non mi aspetto che l'Ordine risolva la cosa, ma che sollevi il problema e che se ne faccia portavoce o che almeno dia una risposta ad un suo iscritto, anche se per dargli torto, perché altrimenti non capisco che senso abbia iscrivercisi (lo so mi hai già risposto).
    Mi fanno piacere le vostre risposte e capisco che questo non è né il primo, né l'ultimo dei problemi.
    Ultima modifica di rollo tommasi : 22-03-2011 alle ore 10.54.25

  7. #7

    Riferimento: Re: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegne

    Citazione Originalmente inviato da quattrostracci Visualizza messaggio

    Ergo gli ingegneri non fanno niente di contrario alla legge.
    Nessuno ha detto questo, fanno solo i loro interessi come hanno sempre fatto, buon per loro, anche se c'è da dire che ai convegni ai quali ho assistito hanno sempre minimizzato la figura dello psicologo, stranamente però chiamano un laureato in psicologia per apprendere queste competenze.
    La valutazione del rischio stress lavoro correlato era un'occasione di vedere riconosciuto un ambito di studi dove la psicologia del lavoro ha dato tanto, alcuni colleghi hanno iniziato a sfruttare la situazione, ma a livello politico non siamo riusciti a far valere la nostra professionalità e la prospettiva è quella che non saranno gli psicologi ad occuparsi della valutazione del rischio.
    Nel caso specifico, non mi aspetto che l'Ordine risolva la cosa, ma che sollevi il problema e che se ne faccia portavoce o che almeno dia una risposta ad un suo iscritto, anche se per dargli torto, perché altrimenti non capisco che senso ha iscrivercisi (lo so mi hai già risposto).

  8. #8
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717

    Re: Riferimento: Re: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ing

    Citazione Originalmente inviato da rollo tommasi Visualizza messaggio
    Mi fanno piacere le vostre risposte e capisco che questo non è né il primo, né l'ultimo dei problemi.
    No, infatti... E comunque il giudizio sull'Ordine non può che essere duro. La rappresentanza politica degli psicologi dovrebbe essere data dall'Ordine...

    Dove stavano i nostri rappresentanti quando in Parlamento si discuteva quella Legge? Perché poi, si è sollevata la questione degli ingegneri, ma non dimentichiamoci quella dei medici. Il peso politico e contrattuale degli psicologi è pari a zero, ergo anche in questo frangente (stress lavoro correlato) i medici di medicina del lavoro la faranno da padroni.

  9. #9
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Re: Riferimento: Re: Insegnare tecniche di valutazione st

    Citazione Originalmente inviato da quattrostracci Visualizza messaggio
    No, infatti... E comunque il giudizio sull'Ordine non può che essere duro. La rappresentanza politica degli psicologi dovrebbe essere data dall'Ordine...

    Dove stavano i nostri rappresentanti quando in Parlamento si discuteva quella Legge? Perché poi, si è sollevata la questione degli ingegneri, ma non dimentichiamoci quella dei medici. Il peso politico e contrattuale degli psicologi è pari a zero, ergo anche in questo frangente (stress lavoro correlato) i medici di medicina del lavoro la faranno da padroni.
    forse sarò un po' paranoico a dire ciò, ma sembra quasi che "i medici" (in generale, la categoria nel senso politico) si prendano mansioni che sono di tipo psicologico scippandole agli psicologi e le condividano con altre figure (tipo gli ingegneri) così sono medici e ingegneri ad occuparsi della cosa. Poi, dopo un po', magari i medici diranno "eh no, ma questa attività è delicata, è di tipo sanitario, medico e qiundi ce ne dobbiamo occupare solo noi". Scommettiamo che tra qualche anno accadrà? altrimenti non mi so spiegare perché medici e ingegneri

  10. #10

    Riferimento: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegneri

    Io credo che medici e ingegneri non vedano di buon occhio l'ingresso di altre figure perché hanno un "potere" consolidato da difendere ed essendo già coinvolti vuoi come medici del lavoro o come responsabili per la sicurezza, per ora preferiscono mantenere quest'equilibrio.

    C'è comunque tanta ignoranza circa il mestiere di psicologo, e non parlo di ignoranza nel senso di poca istruzione, ma di approssimazione nella conoscenza e di pregiudizio. Tempo fa mi è capitato di assistere ad un dibattito sulla valutazione del rischio stress lavoro correlato alla quale partecipavano i "massimi" esperti regionali in rappresentanza delle categorie professionali coinvolte (per fortuna c'era anche lo psicologo), il rappresentante dei medici ha escluso ogni partecipazione esterna perché esiste già un medico del lavoro, basta che abbia un atteggiamento del buon padre di famiglia, dando consigli ecc. e non esisterà nessun rischio stress (sue testuali parole). Il rappresentante degli avvocati ha affermato che la valutazione è destinata ad estinguesi perché si scontra con la tutela della privacy. Al di la di tutte le considerazioni che possono nascere circa i contenuti, queste due persone non sapevano neanche che la valutazione rischio stress non è un intervento sul soggetto, ma sull'organizzazione, quindi pensano anche che lo psicologo faccia un intervento di tipo clinico. Il problema che sono queste persone che hanno peso politico ad orientare le decisioni.

  11. #11
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717

    Re: Riferimento: Insegnare tecniche di valutazione stress agli ingegne

    Citazione Originalmente inviato da rollo tommasi Visualizza messaggio
    Io credo che medici e ingegneri non vedano di buon occhio l'ingresso di altre figure perché hanno un "potere" consolidato da difendere ed essendo già coinvolti vuoi come medici del lavoro o come responsabili per la sicurezza, per ora preferiscono mantenere quest'equilibrio.
    Risposta esatta.

    Inoltre, per il medico, esiste anche un altro tipo di problema. Come ho già avuto modo di dire svariate volte, sempre su questo forum, un medico può sostanzialmente occuparsi di tutto ciò che è "salute" in senso lato, senza rischiare di incorrere in nessun tipo di censura e/o sanzione.

    Tanto per intendersi: un medico, qualcunque cosa faccia, non sarebbe MAI perseguibile per esercizio abusivo della professione di psicologo. Un medico generica è autorizzato ad occuparsi di qualunque cosa, specializzazione comprese (fanno eccezione l'anestesia, la medicina nucleare, la radiologia, la medicina del lavoro e la medicina legale).

    That's it...

Privacy Policy