• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    26-01-2009
    Residenza
    chieti
    Messaggi
    391

    la "paura" della professione di Psicologo

    salve a tutti,
    sono una ragazzza di 24 anni iscritta al 1 anno di magistrale in Psicologia clinica...e ho gia mille "paure" e perplessità per il mio futuro..
    dopo la magistrale, come sappiamo bisogna fare un tirocinio per un anno per poter poi accedere all esame di stato..be ascoltando un po di persone, ho sentito che la maggior parte di coloro che hanno fatto il tirocinio, sono state in grado di iniziare un colloquio con un paziente anche se alle spalle avevavo un supervisore..ma ora mi chiedo: sono solo io che al solo pensiero di rimanere con un paziente, e avere la responsabilità di iniziare un qualcosa con lui/lei mi fa entrare nel pallone...? soprattutto sapendo che in questi anni di università sono state più cose teoriche che pratiche...so che la professione di psicologo non si impara ma almeno qualche nozione credo sia fondamentale??? non so se ho reso l'idea delle mie perplessità, amo molto il mestiere che vorro fare ma so anche che ci vuole tanto tanto studio, dediczione e esperienza! M a mi chiedo queste paure sono state comuni a tutti??? cè qualcuno che ci è passato?? e puo dirmi la sua?? graziee

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Re: la "paura" della professione di Psicologo

    ma questi qua che non hanno timori, ansie, insicurezze, neanche davanti al primo paziente, ma c'hanno la scienza infusa, c'hanno? Sono "nati imparati", come si suol dire, tanto da condurre egregiamente anche il primo colloquio con tanta disinvoltura? Per me è strafottenza pura raccontare poi le proprie "memorabili" imprese, la propria bravura e competenza da subito! Se fossi una paziente, preferirei molto di più una persona come te, consapevole della delicatezza e della complessità del compito, piuttosto che uno sbarbatello con tutta quella sicumera, mi sembra molto più normale, anzi auspicabile...Hai tutte le carte in regola per fare molto meglio di questi "eroi", i tuoi dubbi di oggi sono il preludio delle tue competenze di domani! In bocca al lupo per il tuo percorso e spero avrai molto successo perché te lo meriti!

  3. #3
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    26-01-2009
    Residenza
    chieti
    Messaggi
    391

    Riferimento: la "paura" della professione di Psicologo

    ciao ste, ti ringrazio moltissmo per le splendide parole che hai utilizzato, pur non conoscendomi...sono piu sollevata dalla tua risposta, perchè cio significa ( come io ho sempre pensato) che parlare è faciile...farsi GRANDI pure..ma davanti a questo mestiere e sopratutto davanti alle tante difficoltà che si accompagnano be bisogna essere davvero davvero preparati...spero che il futuro ci riservi tante cose belle anche se so che sarà davvero difficile, sopratutto quando vedi Persone con un titolo che fanno il loro mestiere solo per soldi e si dimenticano di cosa vuol dire essere umile...primo requisito che deve avere uno psicologo e tutti coloro che larorano con persone con difficoltà... cmq crepiii davvero per tutto...e graziee sei stata gentilissima..

  4. #4

    Riferimento: la "paura" della professione di Psicologo

    ciao valentina, non preoccuparti. io ero ansiosissima all'inizio del tirocinio . vedrai che piano piano imparando andrà meglio. l'importante è anche trovare un bravo tutor che abbia voglia di insegnarti al meglio e se non lo trovi CHIEDI mi raccomando di ascoltare e vedere tutto ciò che puoi, facendo tutte le domande e le riflessioni che ti vengono in mente dopo aver assistito a un colloquio-test-gruppo etc....se il tutor non ha voglia di seguirti tu insisti è un tuo diritto avere la migliore formazione possibile.

Privacy Policy