• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    25-09-2009
    Messaggi
    138

    Stimolazione cognitiva con demenza?

    Ciao,
    Amici hanno una famigliare che da quel che mi han detto pare affetta da demenza vascolare, non so molto di preciso siccome è una mia interpretazione dei sintomi che mi hanno riferito (è molto rimbambita e ha grossi problemi di memoria) e di quel che ha detto loro a voce il neurologo: in pratica gli ha spiegato che così è la vita, che si può rallentare il decadimento ma non arrestare. Però di fatto quest'uomo non gli ha dato niente se non un farmaco (senza molta convinzione).
    Devo consigliargli di fare una visita dal neuropsicologo o non ha senso? Cioè un neuropsicologo può fornire mezzi o strategie utili ai famigliari per trattare meglio con questa donna o è meglio risparmiare i soldi? (che lamentano esser già pochi a causa della badante)

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Stimolazione cognitiva con demenza?

    La demenza vascolare è un ipotesi tua o del neurologo?
    comunque detto brutalmente, è vero quello che ha detto il neurologo, il decadimento si può rallentare ma non arrestare. La stimolazione cognitiva, in una fase iniziale di malattia, ha la stessa efficacia della terapia farmacologica (ci sono studi che lo dimostrano). E ovviamente la terapia combinata (farmacologica+stimolazione) è quella che ha l'efficacia migliore. Però sempre nel rallentare la malattia. Che sembra poco ma non lo è.
    Una valutazione neuropsicologica fatta bene è senz'altro utile per identificare i punti di forza e debolezza della persona, e poi lavorare su quali sono ancora le sue risorse. Nella mia esperienza è anche utile un supporto psicologico ai familiari, perchè diventa molto stressante assistere un paziente di questo tipo, e devono essere preparati a quello che vanno incontro.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    25-09-2009
    Messaggi
    138

    Riferimento: Stimolazione cognitiva con demenza?

    Non mi hanno saputo dire la diagnosi del neurologo ma solo quanto gli ha detto in modo così semplificato, forse gliel'avrà scritta nel referto.
    Per il momento è solo un'ipotesi mia ma penso sia abbastanza ragionevole sulla base di quel che mi han detto (sintomi cognitivi e vascolari).
    La persona, sebbene siano passati solo 7-8 mesi da quando ha dato i primi segni (disorientamento temporale), è peggiorata molto (tra l'altro mi han riferito che al test mini mental che gli ha fatto è andata piuttosto male).
    Il neuropsicologo ha senso a questo stadio? Cioè anche se trova le sue risorse, a breve saranno perse?
    E' necessaria una visita privata eventualmente o è possibile tramite ospedale?

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Stimolazione cognitiva con demenza?

    non tutti i centri ospedalieri hanno un neuropsicologo.....ad esempio dove sono io all'umberto I di roma c'è, ma appunto nel reparto dove sono, in altri reparti, sempre di neurologia no.
    In genere il disorientamento temporale non è uno dei primi sintomi, e un peggioramento così rapido neanche. Per il MMSE c'è da vedere perchè è andata male. Alla fine l'orientamento temporale sono 5 punti, se va male in quello già il punteggio non è buono. E poi se c'è ad esempio un problema di linguaggio, inficia anche tutte le altre prove.
    Una valutazione neuropsicologica io la farei, poi per la terapia si vedrà, ma almeno dalla valutazione si possono dare indicazioni ai familiari.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    25-09-2009
    Messaggi
    138

    Riferimento: Stimolazione cognitiva con demenza?

    Citazione Originalmente inviato da Calethiel Visualizza messaggio
    non tutti i centri ospedalieri hanno un neuropsicologo.....ad esempio dove sono io all'umberto I di roma c'è, ma appunto nel reparto dove sono, in altri reparti, sempre di neurologia no.
    In genere il disorientamento temporale non è uno dei primi sintomi, e un peggioramento così rapido neanche.
    I primi sintomi di cui si sono accorti diciamo, prima non era stata notata alcuna defaillance.
    Quali sono i primi sintomi di solito?

    Citazione Originalmente inviato da Calethiel Visualizza messaggio
    Per il MMSE c'è da vedere perchè è andata male. Alla fine l'orientamento temporale sono 5 punti, se va male in quello già il punteggio non è buono. E poi se c'è ad esempio un problema di linguaggio, inficia anche tutte le altre prove.
    Problema di linguaggio non credo, mi hanno riferito che ha sbagliato le prove di orientamento, quella di MLT, quella di memoria di lavoro (100-7, 93-7, ...) e quella di disegno (altro non mi hanno saputo riferire)

    Citazione Originalmente inviato da Calethiel Visualizza messaggio
    Una valutazione neuropsicologica io la farei, poi per la terapia si vedrà, ma almeno dalla valutazione si possono dare indicazioni ai familiari.
    Ok grazie riferisco, come fare eventualmente per trovare/scegliere un neuropsicologo per chi non ne conosce?
    (ed eventualmente uno psicologo per i famigliari)
    Ultima modifica di victormancini : 14-02-2011 alle ore 11.38.32

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Stimolazione cognitiva con demenza?

    In genere si inizia con dimenticanze, non ricordo dove ho messo un oggetto, un azione in corso, scordo le pentole sul fuoco ecc.....ovviamente se c'è stato un ictus invece i deficit dipendono dalla sede dell'ictus.
    Per trovare un neuropsicologo invece....non è così semplice, potrei dirti di guardare sul sito benessere4u ma credo di essere l'unica registrata come neuropsicologa
    potresti sentire anche dal neurologo da cui è seguita, magari ha qualcuno a cui si appoggia abitualmente, o sentire in ospedale se c'è un servizio di neuropsicologia. Oppure (anche tramite pm) puoi dirmi in che città vive la persona, e vedo se conosco qualcuno li

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

Privacy Policy