• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1

    rappresentatività del campione

    Ciao a tutti, avrei bisogno di aiuto...le mie nozioni di statistiva sono a dir poco arrugginite.Qualcuno sa dirmi come posso calcolare la rappresentatività di un campione? Esempio se su un campione totale di 36 persone quanti soggetti devo intervistare per avere un campione rappresentativo.

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di Empowered
    Data registrazione
    22-11-2010
    Residenza
    Foggia
    Messaggi
    442

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Su 36 soggetti ti consiglierei di intervistarli tutti, specie se stai intervenendo in azienda. Non è possibile verificare del tutto la rappresentatività di un campione.
    Ha poco senso fare inferenza su una "popolazione" così piccola.
    Inoltre trattando i dati di un' intervista non so fino a che punto sei sul quantitativo e quanto sia lecito parlare di campioni, popolazioni, inferenze.
    Posso chiederti di che tipo di intervista si tratta?
    Se ad esempio stai raccogliendo dati sul clima organizzativo potrebbe avere poco senso frammentare l'organizzazione cogliendo ad esempio solo 15 soggetti
    Perché potrebbe trattarsi di un sotto gruppo, o di una sotto cultura e non ti permetterebbe ad esempio di capire se ci sono fratture e sottogruppi informali nell'organizzazioni che in alcuni casi non giovano.

  3. #3

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Citazione Originalmente inviato da Empowered Visualizza messaggio
    Su 36 soggetti ti consiglierei di intervistarli tutti, specie se stai intervenendo in azienda. Non è possibile verificare del tutto la rappresentatività di un campione.
    Ha poco senso fare inferenza su una "popolazione" così piccola.
    Inoltre trattando i dati di un' intervista non so fino a che punto sei sul quantitativo e quanto sia lecito parlare di campioni, popolazioni, inferenze.
    Posso chiederti di che tipo di intervista si tratta?
    Se ad esempio stai raccogliendo dati sul clima organizzativo potrebbe avere poco senso frammentare l'organizzazione cogliendo ad esempio solo 15 soggetti
    Perché potrebbe trattarsi di un sotto gruppo, o di una sotto cultura e non ti permetterebbe ad esempio di capire se ci sono fratture e sottogruppi informali nell'organizzazioni che in alcuni casi non giovano.
    Grazie per la tua risposta. Penso sia a questo punto opportuno che dettagli meglio la mia richiesta: sono all'interno di un gruppo di lavoro multidisciplinare di una struttura ospedaliera. Abbiamo appena cominciato a somministrare l'OCS in un reparto e dovremo farlo con tutta la struttura. Stiamo incontrando molte difficoltà nella compilazione dei questionari (le istruzioni contenute nel manuale in merito mi sembrano poco applicabili ad una realtà come la nostra, facendo più riferimento ad un modello di tipo anglosassone), per motivi che non ti sto a dettagliare e che neanche io ho chiarissimi (difficoltà legate alla turnistica, diffidenza nei confronti dello strumento e del tipo di valutazione, scarsa compliance....?). Siamo riusciti a somministralo a circa il 70% delle persone attualemente coinvolte. So bene che l'ideale sarebbe avere una rappresentatività dell'intero reparto, ma al momento questo non sembra facilmente ottenibile. Per questo motivo mi stavo facendo la domanda a cui tu hai gentilmente risposto.
    Grazie ancora

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di Empowered
    Data registrazione
    22-11-2010
    Residenza
    Foggia
    Messaggi
    442

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Citazione Originalmente inviato da augusted Visualizza messaggio
    Grazie per la tua risposta. Penso sia a questo punto opportuno che dettagli meglio la mia richiesta: sono all'interno di un gruppo di lavoro multidisciplinare di una struttura ospedaliera. Abbiamo appena cominciato a somministrare l'OCS in un reparto e dovremo farlo con tutta la struttura. Stiamo incontrando molte difficoltà nella compilazione dei questionari (le istruzioni contenute nel manuale in merito mi sembrano poco applicabili ad una realtà come la nostra, facendo più riferimento ad un modello di tipo anglosassone), per motivi che non ti sto a dettagliare e che neanche io ho chiarissimi (difficoltà legate alla turnistica, diffidenza nei confronti dello strumento e del tipo di valutazione, scarsa compliance....?). Siamo riusciti a somministralo a circa il 70% delle persone attualemente coinvolte. So bene che l'ideale sarebbe avere una rappresentatività dell'intero reparto, ma al momento questo non sembra facilmente ottenibile. Per questo motivo mi stavo facendo la domanda a cui tu hai gentilmente risposto.
    Grazie ancora
    E' vero è una realtà in cui è difficile ottenere una risposta da tutti, mi sembra abbastanza soddisfacente in ogni caso il 70% (ho visto realtà ospedaliere dove gli psicologi si rassegnano e non usano praticamente più nessun test) . La scarsa compliance, che non è mai un dato in sè, potrebbe dipendere dal momento in cui si richiede di compilare il test. Non avete a breve giornate di formazione o momenti più rilassanti per chiedere di compilare il test?
    Certamente il metodo è dato nel manuale, ma spesso mal si applica al contesto nel quale ti trovi, e fare la "somministrazione perfetta" è difficile, dovresti trovare delle modalità per aumentare la compliance o per ridurre la diffidenza nei confronti dello strumento? Non hai dei dati di efficacia del test?
    State già pensando a un intervento sul burnout?

  5. #5

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Citazione Originalmente inviato da Empowered Visualizza messaggio
    E' vero è una realtà in cui è difficile ottenere una risposta da tutti, mi sembra abbastanza soddisfacente in ogni caso il 70% (ho visto realtà ospedaliere dove gli psicologi si rassegnano e non usano praticamente più nessun test) . La scarsa compliance, che non è mai un dato in sè, potrebbe dipendere dal momento in cui si richiede di compilare il test. Non avete a breve giornate di formazione o momenti più rilassanti per chiedere di compilare il test?
    Certamente il metodo è dato nel manuale, ma spesso mal si applica al contesto nel quale ti trovi, e fare la "somministrazione perfetta" è difficile, dovresti trovare delle modalità per aumentare la compliance o per ridurre la diffidenza nei confronti dello strumento? Non hai dei dati di efficacia del test?
    State già pensando a un intervento sul burnout?

    Mi sembra buona l'idea di inserire la compilazione del questionario all'interno di una giornata di formazione, magari all'inizio o in una pausa, accordandomi col docente. La diffidenza credo derivi almeno in parte dal fatto che siamo ormai abituati a compilare decine di questionari che arrivano da Ministero, Regione...e di cui non si ha poi nessun rimando. In questo senso una riunione di reparto in cui vengano condivisi e discussi i dati emersi dal questionario potrebbe essere utile.
    Non abbiamo ancora formalizzato con che modalità affrontare eventuali problematiche che dovessero emergere. Come ti dicevo siamo un gruppo multidisciplinare, in fase preliminare. Occorrerà tarare l'intervento su ciò che andremo a trovare e sul significato che eventuali cali di impegno assumono all'interno del contesto specifico.
    Cosa ne pensi di utilizzare lo strumento del focus group o dell' intervista, per affrontare eventuali aree di discrepanza che dovessero emergere dal questionario?
    Grazie per i tuoi consigli. A presto

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di Empowered
    Data registrazione
    22-11-2010
    Residenza
    Foggia
    Messaggi
    442

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Citazione Originalmente inviato da augusted Visualizza messaggio
    Mi sembra buona l'idea di inserire la compilazione del questionario all'interno di una giornata di formazione, magari all'inizio o in una pausa, accordandomi col docente. La diffidenza credo derivi almeno in parte dal fatto che siamo ormai abituati a compilare decine di questionari che arrivano da Ministero, Regione...e di cui non si ha poi nessun rimando. In questo senso una riunione di reparto in cui vengano condivisi e discussi i dati emersi dal questionario potrebbe essere utile.
    Non abbiamo ancora formalizzato con che modalità affrontare eventuali problematiche che dovessero emergere. Come ti dicevo siamo un gruppo multidisciplinare, in fase preliminare. Occorrerà tarare l'intervento su ciò che andremo a trovare e sul significato che eventuali cali di impegno assumono all'interno del contesto specifico.
    Cosa ne pensi di utilizzare lo strumento del focus group o dell' intervista, per affrontare eventuali aree di discrepanza che dovessero emergere dal questionario?
    Grazie per i tuoi consigli. A presto
    Credo che sia focus group che intervista vadano bene, ma forse a questo punto conviene vedere prima i risultati e decidere poi! Posso chiederti che professionalità ci sono nel gruppo multidisciplinare?
    A presto

  7. #7

    Riferimento: rappresentatività del campione

    Bè si bisogna aspettare i risultati..ti farò poi sapere. Pensavo poi al fatto che, se occorrerà fare analoga indagine a tappeto, occorrerà stabilire dei criteri che discriminino su quali siano le situazioni meritevoli di controlli più approfonditi e in quali , invece, si possa pensare di fare una valutazione longitudinale. Insomma il lavoro è tantissimo! E io finora mi sono occupata di questo nei "ritagli di tempo", di più ad oggi non mi è stato concesso. Il gruppo è composto prevalentemente da acronimi e medici competenti. Perchè?

Privacy Policy