• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4

    "Salve vorrei fare l'esame di ambientale" - "dipende.. lei di che zona è?"

    Sono le 15 del pomeriggio.
    Alle 16 ho l'esame di psicologia ambientale.
    Incoscienza pura.
    Nn ho mai visto la prof in vita mia.
    Nn ho idea di cosa parli il programma.
    Nn so' nemmeno che libri vanno portati e come sono fatti
    Veramente un salto nel vuoto
    Cmq nn mi scoraggio: nella vita si deve sempre provare
    Alle 16:00 mi presento [PUNTUALISSIMA stranamente ] in aula magna.
    UN BOATO DI GENTE
    Terzo anno di Step-Com e Step-Lav... saremo stati tipo 400
    Localizzo Sara.
    Localizzo kentia.
    Localizzo almeno altre 398 persone che conosco
    Alla fine mi pare di essere ad un party,altro che esame! Saluti di qui, saluti di la'.. baci, abbracci, carrambate...
    Gli esami alla Sapienza sono sempre cosi'
    Peccato che ad un certo punto [16:20] si materializzino un branco di assistenti della prof [vigliacca! Ha mandato gli altri!] ...
    Uno di loro [un tizio sardo pelato con la panza ] comincia ad urlare qualcosa..
    Ora: gia' parlare a 400 persone, in un'aula che fa da effetto eco con un microfono è DRAMMATICAMENTE difficile..
    aggiungeteci:
    1) che queste 400 persone sono ROMANE [leggasi: caciarone a priori]
    2) che il tizio era SENZA microfono
    3) che il tizio aveva una voce RIDICOLA [bassa da far spavento]
    Otterrete la semplice BARAONDA piu' totale, il rapido incazzamento del pelato che alla fine riesce a dire "ALLORA! ORA DIVIDETEVI IN STEP COM E STEP LAV.. STEP COM ALLA MIA DESTRA.. STEP LAV ALLA MIA SINISTRA!!!"

    Provate voi a rimettere al posto giusto 400 persone mischiate...
    Tra l'altro senza motivazione valida [si sente un "cosi' abbiamo gia' i fogli divisi" ma ho preferito far finta di nulla]
    *baraonda pura*
    Stranamente ci sistemiamo in poco tempo [sono le 16:40 nel frattempo] .. capito alla sinistra di Sara [santa donna ] e alla destra di un amico di Sara che è chiaramente un tajo.
    Cominciamo...? forse.. si dice.. si mormora..
    CERTO CHE NO!
    "L'esame lo possono fare in teoria solo i prenotati"
    [Haruka si chiede se si è prenotata.. attimo di panico ]
    "Pero' se avanzano fogli anche i nn prenotati possono farlo"
    [Haruka spera di essersi prenotata]
    Cmq ora cominciamo a chiamare uno alla volta tutti per vedere chi è prenotato e chi no
    COOOOSA?
    Qualcuno urlacchia "PROF! IO HO UN ESAME ALLE 18:00 "
    Gli viene risposto "Se nn le sta bene fare l'esame qui, vada a fare l'altro"
    Io -> Sara-> AmicodiSara: ->
    Sono le 16:45.. finiremo alle 17:20...
    Ho davanti il mio foglio di risposte.. ma nel frattempo ho anche un grosso mal di testa...
    Cominciamo ora!?! Si certo.. cosa vuoi che manchi? Si che cominciamo..!
    Mi giro.
    Il gruppo di assistenti CHIACCHIERA.
    CHIACCHIERA AMABILMENTE DEL PIU' E DEL MENO.
    Nn resisto.
    Gli urlo :"VOLETE UNA TAZZA DI TE'? "
    nn so' se hanno sentito... fatto sta che dopo un po' mi arriva un foglio di domande...
    COMINCIA! [sono le 175 nel frattempo un'ora e 35 dopo]
    31 domande in 30 minuti.
    Scatta un copia-incolla-suggerisci-chiedi-indovina-butta a culo che fa spavento!
    Io lascio due diotrie a cercare di leggere il foglio di Sara [che tiene sempre troppo a destra o che copre con la mano o che gira all'improvviso quando ho individuato la domanda e relativa risposta ]..
    Alla fine il tempo passa... ["TRA 2 MINUTI E 41 RITIRIAMO!" ] e.. e fine! Io cerco di tirare a culo le ultime che ho lasciato in bianco.. do' il foglio alla tipa di fronte a me e le chiedo il favore di portarlo insieme al suo.
    Sono distrutta.. l'esame piu' DISORGANIZZATO che abbia mai fatto in 3 anni... ho un mal di testa feroce...
    Mi alzo per andare via seguendo con lo sguardo il mio compito..
    ALL'IMPROVVISO sento una delle assistenti urlare" Dopo il tempo prestabilito io nn accetto compiti..."
    Mi giro. Urlo :"Dopo un'ora e mezzo per fare un esame lei mi fa' problemi per 5 minuti di compito in ritardo?"
    Nn so' se ha sentito manco questo [ma conoscendo il timbro forse si]
    Fatto sta che l'ha ritirato...
    Segnando qualcosa...
    Nn so'.. nn voglio sapere cosa.
    Dico solo che in 22 anni di vita, e 3 di università nn ho MAI visto una mancanza di rispetto come questa.
    Mi sono sentita trattare come una bestia.. è uno schifo...

    *

  2. #2
    wiston
    Ospite non registrato
    o cerco di tirare a culo le ultime che ho lasciato in bianco..





    scusa se il topic era serio ma nn ho resistito

  3. #3

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    io capisco i tuoi patimenti haru ma l'hai descritta troppo da ridere

    anche perchè ti assicuro che succede così anche da noi in Bicocca
    mi porterò sempre dietro il ricordo dell'esame di psicodinamica delle relazioni familiari

    circa 300 persone, comunque un'aula da 300 posti quasi piena
    entra la prof...

    ...e si mette a dire (testuali parole, e puntando il dito a caso):
    "voi così messi non andate bene: lei signorina si sposti nel posto vuoto accanto... sì lei con il maglione blu...no no non dicevo a lei, ma alla signorina che è seduta due file più in sù accanto al signore col giubbotto di pelle...ecco sì proprio lei...no non nel posto a sinistra, ma a quello a destra....
    ....e poi vediamo...ah sì, il ragazzo con la maglia gialla... si sposti nella fila davanti... dico a lei...ehi lei mi ha sentito...quel ragazzo lassù....ma sì quello nelle ultime file..."

    sarà andata avanti per circa 20 minuti così

    cioè Ilaria immaginati la scena.... a momenti ce la mangiavamo
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

Privacy Policy