• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di adrastea
    Data registrazione
    10-04-2009
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    80

    Concorso s. Valutazione psicologica '11

    Ciao ragazzi,

    buon nuovo anno a tutti!!!
    Allora, dopo aver passato le vacanze sui libri,
    apro una discussione specifica per chi si sta preparando
    per il concorso della scuola di valutazione psicologica.
    Io sono al ripasso, se c'è qualcuno che vuole confrontarsi
    sulle domande (ma anche su paure, paranoie, ossessioni, etc),
    io sono disponibilissima.
    Alcune domande mi hanno lasciata un pò perplessa,
    anche se ho risposto non riesco a capire fino in fondo quello
    che vorranno sentirsi rispondere...non so se è per la mia stanchezza
    o perché sono proprio incatturabili...
    Ma dico io, perché non ci hanno messo le risposte???
    In fondo cosa cambiava se non ci davano poi l'alternativa corretta???
    Un saluto.
    Io credo nelle persone, pero' non credo nella maggioranza delle persone. Anche in una società più decente di questa, mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza. (Nanni Moretti)

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di adrastea
    Data registrazione
    10-04-2009
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    80

    Riferimento: Concorso s. Valutazione psicologica '11

    Vi sottopongo una domandina, facile facile (su cui io mi sto impallando!):
    "Una classe di 20 studenti delle medie è sottoposta a metodo di insegnamento sperimentale per materie scientifiche. Il metodo adottato per periodi di un mese è alternato a periodi della stessa lunghezza in cui si utilizza il metodo tradizionale. Dopo ogni periodo di un mese è valutato, mediante test, il livello di apprendimento della classe per quanto riguarda le materie scientifiche. Il disegno sperimentale adottato è...?"

    Heeeelp....!
    Io credo nelle persone, pero' non credo nella maggioranza delle persone. Anche in una società più decente di questa, mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza. (Nanni Moretti)

Privacy Policy