• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1

    Sognare di essere morti

    Salve a tutti, faccio spesso sogni iuttosto "strampalati" e molto complessi ma alcuni, come quello di questa notte, mi rimangono veramente impressi e vorrei saperne un po'di più se mi potete aiutare.


    Ero in un piccolo villaggio non so dove con mio marito, probabilmente in vacanza perché eravano in un camper, a un certo punto sento un rumore fortissimo e veniamo investiti da una valanga di fango... ho appena il tempo di gridare e ci ritroviamo in un treno con molte altre persone, uomini, donne, bambini e anziani.I sedili sono delle pietre tombali, capisco che siamo morti. Fuori dal finestrino si vedono montagne altissime, mi sembrano le Ande e la ferrovia cammina a tratti tutta storta, anche attraversando corsi d'acqua, ma mi dico che sono già morta quindi non devo avere paura di niente. Una signora mi chiede di aiutarla a spostarsi per stare vicino ad una sua amica, sposto lei e tutto il suo sedile/tomba, poi faccio lo stesso con altre persone perché possano stare insieme alle persone che avevano conosciuto in vita, l'atmosfera è piacevole, sembra di stare in gita! Improvvisamente il macchinista ci impone il silenzio, siamo in una zona piena di banditi, ma se non ci vedono e non ci sentono andrà tutto bene, io e una bambina di 7-8 anni facciamo da vedetta e comincio a chiedermi se questo treno ha una destinazione e quale potrebbe essere. Davanti a noi ora si vede il mare un po'agitato, con una grossa petroliera, forse dovremo attraversarlo... vado da mio marito, lui è un po'triste, io ripenso all'incidente che ci ha uccisi, mi dico "beh!, non so lui ma io non ho sofferto, non mi sono accorta di niente" poi però penso ai miei genitori e ai miei fratelli, immagino la loro disperazione per la mia morte, mi chiedo se almeno hanno ritrovato io mio corpo e mi metto a piangere... volevo fare un sacco di cose ancora prima di morire.

    Poi mi sono svegliata, ancora mi sento un po'scombussolata.

    Scusate la lungaggine ma volevo essere precisa il più possible.
    Grazie per il vostro aiuto

  2. #2
    Partecipante L'avatar di pallina68
    Data registrazione
    17-07-2010
    Messaggi
    59

    Riferimento: Sognare di essere morti

    Il sogno potrebbe essere l'"affresco" che rappresenta la situazione attuale della sognatrice.
    Mi riferisco con ciò all'esigenza avvertita, desiderata dalla sognatrice, di un cambiamento, (simbolicamente rappresentato dal tema "morte") o per qualche motivo potrebbe trattarsi di un cambiamento richiesto invece da condizioni esterne e indipendenti e magari ìmprovvise che hanno coinvolto la sognatrice stessa
    (sempre simbolicamente la "colata di fango").
    Se così fosse, ma è ben lungi da me fornire qualsiasi pur minimo tipo di consiglio o di orientamento sulla vita reale, ma solo stimolare una riflessione sul sogno in sè,
    il sogno vorrebbe non troppo velatamente consigliare alla sognatrice che non è ancora tempo per "salire alle Ande" per quanto il viaggio si presenti "piacevole"
    (per lei e non per il marito, detto per inciso).
    La sognatrice stessa guardando meglio poi (e lo fa con gli occhi di una bambina, cioè lei stessa ma da una posizione più intuitiva) comincia a chiedersi "dove porti tutto ciò, a quale destinazione"
    L'episodio della vita reale, se è questo di cui tratta, quando il sogno vi allude, ha lasciato evidentemente un segno, più su di lui che sulla sognatrice.
    Ma lei stessa si rende conto alla fine "che ha ancora tante cose da fare".
    Insomma questa "partenza" rimane davvero una incognita e richiede maggiori approfondimenti da parte della sognatrice.
    Ultima modifica di pallina68 : 13-11-2010 alle ore 17.17.11
    il miglior sistema per riuscire a comprendere un
    sogno è di porvisi di fronte come se si fosse un bambino
    ignorante o un adolescente poco esperto, andare verso
    un uomo vecchio di due milioni di anni o verso la madre
    dei giorni e chiedere: «Cosa pensate di me?»

    C.G. Jung

    Il miglior interprete di sogni è colui che sa notare le somiglianze.
    Aristotele

Privacy Policy