mi spiego meglio... a quasi 3 anni dalla laurea mi trovo indirizzata in un certo ambito della psicologia, in procinto di iniziare dottorato di ricerca e scuola di specializzazione in psicoterapia, che non è esattamente quello a cui aspiravo una volta laureata. per vari motivi non sono riuscita/non ho voluto fare un tirocinio nell'ambito che più mi ispirava una volta uscita dall'università, quello neuropsicologico, e poi gli eventi si sono concatenati in modo che ora mi ritrovo sempre più lontana dalla possibilità di approcciarmi a quell'ambito, o almeno così mi sento.
la mia domanda è, secondo voi in generale in un futuro vicino o lontano è possibile un "cambio di indirizzo" per così dire, sia dal punto di vista formativo che professionale? soprattutto poi in un'ambito come quello neuropsicologico che mi sembra piuttosto "chiuso"?
mi piacerebbe sentire l'opinione di altri psicologi e magari sentire se qualcuno ha un'esperienza simile e se è possibile...