• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23
  1. #1

    I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao a tutti! Dopo una luuunga odissea passata tra tirocini e esame di stato sono finalmente arrivata alla specializzazione in psicoterapia! Ho girato un po' di scuole in campania e, alla fine, la settimana prossima ho il colloquio all'ITeR di Napoli.. mi piacerebbe davvero iscrivermi, ma prima della decisione finale vorrei chiedere a qualcuno, magari già iscritto, quache informazione in più..come vi siete trovati?? Ne ho avuto una buona impressione ma vorrei saperne di più da chi la vive in prima persona! Thanks!!

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di xxwavexx
    Data registrazione
    31-01-2005
    Messaggi
    449

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao, io sono uno studente dell'iter, dire che mi sto trovando meravigliosamente è poco, questa scuola è un vero e proprio centro ci si forma come persona, come membro di una famiglia e come psicoterapeuta. Proprio per quanto riguarda questo ultimo ambito, ovvero quello della professione di psicoterapeuta, posso dirti che questo istituto riesce a garantire in maniera eccellente una formazione più che adeguata nel momento in cui ti troverai a svolegere questa professione.
    Durante i quattro anni di scuola, tramite il confronto con il tuo gruppo, la supervisione dei docenti e la focalizzazione sulla tua famiglia d'origine riesci a far chiarezza sui tuoi tratti di personalità e ad assumere una consapevolezza di te stessa e dell'altro tale da riuscire a creare una relazione terapeutica efficace con chi avrai dinanzi...d'altronde, come afferma la nostra direttrice "Nessuno, infatti, seguirebbe chi conduce lungo un sentiero che non abbia gia' percorso a sua volta". Spero di cuore che dall'anno prossimo sarai una dei nostri.

  3. #3

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao a tutti, intervengo in questa discussione come terapeuta sistemico-relazionale, formata con la dott.ssa Aurilio. Devo dire che l'ho vissuta "in prima persona" e quindi mi sento titolata per poter rispondere a stellina. La mia esperienza con la Aurilio mi ha portato negli anni a sperimentare appieno il modello ed oggi lo sento come la mia casa, mi muovo attraverso esso con la certezza di una appartenenza che sento garante sia per me che per i pazienti che a me si affidano. Sono completamente d'accordo con la risposta precedente sulla questione dell'accuratezza formativa rispetto al sè del terapeuta, che permette di operare poi con efficacia quando "incontri" l'altro. In realtà penso che la caratteristica distintiva dell'iter sia la varietà e ricchezza sia dei contenuti teorici che di quelli esperenziali, la possibilità di vedere, "osservare" con occhi sistemici e di entrare in contatto relamente con l'area clinica (particolarmente curata) attraverso una supervisione che non si asaurisce con il quadriennio formativo, sono tutti elementi sapientemente dosati che (oggi col senno di poi) posso dire realmente efficaci per acquisire una veste professionale salda, che è quello poi che, in fondo, tutti noi abbiamo chiediamo ai nostri formatori. Io oggi mi muovo con autonomia, pur sapendo che ho alle mie spalle sempre un punto di riferimento (l'ho sempre trovato) al quale tornare per confrontarmi e continuare ad evolvere.
    In bocca al lupo
    Lizzy

  4. #4

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    ciao! conosco perfettamente l'odissea di cui parli e soprattutto è vivo dentro di me il ricordo del disorientamento che sentii quando anch'io come te ero alle prese con la scelta della scuola.
    ti racconto la storia della mia scelta..mi sono formata alla federico 2 e l'orientamento che lì la fa da padrone è quello dinamico. la mia scelta nasce per opposizione a questo modello che ho sentito che mi ha dato tanto, ma dove poi tante cose non mi ritornavano più, e soprattutto volevo una scuola che avesse il coraggio di uscire da un livello solo individuale, che si prendesse la "responsabilità" non solo di guardare le "relazioni" e non più solo il singolo, ma di fotografarle prima da un'angolatura e poi dall'altra per poi ritornare alla prima e così via. volevo una scuola che non semplificasse la realtà, attribuendo ad un evento un' unica e sola spiegazione (.."causalità lineare"), ma che rischiasse di guardare le relazioni come qualcosa di più "complesso", che è sempre più, o anche meno, della somma delle sue parti. una scuola dove ad un evento poter trovare tanti fattori che abbiano potuto influenzarlo. è una scuola l'I.TE.R. che mi sta insegnando quanta "circolarità" ci sia, per cui abbandonata una causalità più lineare, mi ritrovo spesso a fare i conti con quanto sia una questione di "punteggiatura" il modo con cui si leggono le relazioni, l'angolatura da cui si sta fotogrando.. vien da sè che partendo da quest'ottica non ha neanche più senso trovare il "colpevole" o capire se abbia avuto inizio prima l'uovo o la gallina, ma acquisisce senso il punto in cui le persone sono adesso, nella relazione che li lega, il motivo per cui sono spinti a chiedere aiuto in terapia, cosa sia cambiato tra loro. e poi c'è il "cambiamento"..volevo una scuola che desse importanza all' "impegno". senza questo non solo non si ha nessun cambiamento, che è il cuore della terapia, ma soprattutto volevo una scuola in cui non si parlasse di "colpevoli" ed "innocenti" ma dove ognuno gioca il proprio ruolo nel determinare una data relazione, dove tutti, allo stesso modo, c'hanno messo il proprio impegno.
    tutto questo, e tutto quello che ancora devo imparare, fa parte dell'I.TE.R., e a proposito del nome della scuola, iter..è veramente un viaggio quello che si fa con i docenti e i propri compagni. qualche volta li amerai, qualche volta li odierai, ma faranno parte di te, del tuo cammino, che non è solo quello formativo in cui impararei a far tuoi degli "strumenti" per far terapia, ma saranno innanzitutto le persone con cui continuamente ti confronterai su questioni che un giorno toccheranno più te, un altro giorno più un altro. i docenti faciliteranno questo cammino con simulate, giochi relazionali, sculture, e soprattutto cercando di far rischiare un pò d'intimità in più al gruppo. con i compagni vi conoscerete come nessuno vi avrà mai conosciuto e sarà proprio la conoscenza di voi il primo punto da cui partire per fare terapia. l'I.TE.R. non obbliga ad un percorso personale ma lo consiglia, perchè nessuno può far percorrere una strada che non abbia a sua volta percorso per primo..è dalla conoscenza di sè che ha inizio tutto. i compagni saranno una grande risorsa..ti daranno la possibilità di confrontare quel che sentono loro con ciò che sentirai tu, e ti stupirai quando persone tanto diverse da te, che magari non ti ispirano neanche un pò di simpatia, diventeranno quelle di cui oggi non puoi fare a meno..
    questo è quel che è capitato a me e quando ho scelto questa scuola certo non sapevo a cosa andavo incontro. come te mi sono fidata delle mie sensazioni e oggi la sceglierei altre mille volte per tutto quello che mi da. e l'incertezza, quella di non sapere se starai facendo la scelta giusta, è e sarà una costante sempre della vita e così anche durante tutto il percorso. i dubbi sono tanti..ti chiederai se ne sarai all'altezza, se mai ci riuscirai a diventare un buon terapeuta..ma non potevo neanche pensare di raggiungere un obiettivo credendo di scendere per una strada dritta e senza fossi..sono caduta e sono sicura che cadrò ancora, ma l'obiettivo resta lì. sono al mio 2° anno e la risceglierei ancora altre mille volte! in bocca al lupo e buon iter..

  5. #5
    Matricola
    Data registrazione
    09-01-2010
    Messaggi
    19

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao stellinaman
    Sono una futura studentessa I.TE.R,se andrà tutto bene per te, saremo compagne di corso. E' stato molto utile anche per me avere tutte queste informazioni così dettagliate sulla scuola. Di mio voglio aggiungere delle considerazioni molto pratiche La possibilità della borsa di studio.(sarà fatto il concorso prima dell'inizio del corso. La segreteria dice che non è stata ancora fissata la data. Dobbiamo controllare sul sito.) Ed il costo che mi sembra molto onesto per quello che offre con la possibilità di pagare con rate mensili. Forse saranno banalità in confronto a quello che è stato detto, ma possono avere la loro importanza

  6. #6
    Postatore OGM L'avatar di Tara_McLay
    Data registrazione
    21-04-2005
    Residenza
    Sul trono degli dei [Tronista inside]
    Messaggi
    4,943

    Re: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Al quasi terzo anno, mi riscriverei altre 100 volte
    - Diversamente Intelligente - Ha l'amore di tutti ma non è l'amore di nessuno

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di xxwavexx
    Data registrazione
    31-01-2005
    Messaggi
    449

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    io domani ho training e non vedo l'ora di naufragare dolcemente in quel mare

  8. #8

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao, sono un ex allievo dell'Iter.....e conosco molto bene questa tua confusione e il desiderio di avere certezze, e credo fermamente che la vera certezza è ....quella dei dubbi, il concime del nostro fantasstico lavoro. Sintetizzo in tre parole il mio post-formazione Iter: Sapere; Saper essere; Saper fare. Non temere cara, se credi in quello che desideri, molte porte che pensavi ormai chiuse da sempre si apriranno.....
    Buon viaggio.

  9. #9

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Grazie per queste risposte.
    E' così difficile orientarsi nella formazione postlaurea che solo le esperienze personali riescono a dissipare le incertezze
    Spero che continuiamo questo scambio. Io vi dirò la mia dopo il colloquio.
    Non mi mollate

  10. #10

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Salve, non sono ancora vicinissima al momento della scelta della scuola di psicoterapia, ma mi reputo, da un certo punto di vista, fortunata perchè sto vivendo, in piccola parte sulla mia pelle, l'approccio sistemico... in quanto svolgo il tirocinio magistrale post lauream presso l'ambulatorio di psicoterapia del policlinico dove c'è la Dott.ssa Aurilio. Anche se non sono a conoscenza delle tecniche, dei metodi e degli strumenti dell'approccio e ignoro, quasi totalmente, il mondo che c'è dietro mi affascina giorno dopo giorno sempre di più, mi elicita emozioni positive già l'osservazione dei colloqui svolti sia dalla dottoressa e sia da alcune sue eccellenti collaboratrici, nonchè allieve agli anni avanzati della scuola; Come tirocinante sono molto serena poichè la Dottoressa tiene molto in considerazione la mia come l'idea delle altre colleghe tirocinanti.Quindi potrei dire solo cose positive dell'approccio sistemico per quel poco che sto vivendo. Grazie e in bocca al lupo...la scelta è un'alternativa che predomina!

  11. #11

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    L' ITER è un' ottima scelta decisamente da vivere con tutta la sua intensità...in bocca al lupo

  12. #12

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    L' ITER è un' ottima scelta, decisamente da vivere con tutta la sua intensità...in bocca al lupo!

  13. #13
    Matricola
    Data registrazione
    18-04-2007
    Residenza
    Giappone
    Messaggi
    21

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Ciao a tutti!!! per me manca ancora un po' di tempo alla scuola di specializzazione, ma comunque posso dare delle piccole informazioni a riguardo. Sto svolgendo il tirocinio post-lauream presso il Primo Policlinico con la Dott.ssa Aurilio e devo dire che per me questa esperienza si sta rivelando estremamente positiva. La Dott.ssa infatti ci permette di osservare dei casi clinici e ci coinvoge nelle varie attività che si svolgono preso l'ambulatorio, inoltre si dimostra attenta alle nostre esigenze, dubbi o rihieste di ulteriori chiarimenti.
    Ho partecipato anche alla giornata di presentazione dell'ITER, ed un aspetto che mi ha particolarmente colpita è che la Dott.ssa non si è esclusivamente focalizzata sugli aspetti teorici del modello sistemico, ma gran parte della presentazione si è focalizzata su dimostrazioni e simulazioni pratiche; questo quindi ci ha permesso di entrare subito nel vivo del modello sistemico.Spero di esservi stata comunque utile.....Ciaoooo

  14. #14

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    ciao, per me non è ancora arrivato il momento di iniziare la scuola di specializzazione, xò penso di avere le idee già abbastanza chiare. stò facendo il tirocinio post-lauream specialistica con la dott.ssa Aurilio presso il Primo Policlinico di Napoli, quindi assisto ai colloqui dove viene utilizzato l'approcio sistemico-relazionale, e dalla mia poca esperienza posso dirvi ke è un approccio molto molto valido. La dott.ssa Aurilio è una persona molto disponibile, è sempre pronta a darci delucidazioni e chiarimenti su quello che osserviamo. Ho partecipato anche alla giornata di presentazione dell' I.T.E.R, dove l'attenzione è stata focalizzata su dimostraioni e simulazioni pratiche, permettondoci in tal modo di avere un' esperieza diretta dell'approccio sistemico. Dal poco della mia esperienza, e da ciò ke mi viene riferito dalle specializzande, è una scuola molto valida....spero di esservi stata di aiuto, CIAO

  15. #15

    Riferimento: I.TE.R.di Napoli e Caserta

    Voglio ringraziare tutti per l'aiuto veramentevalido.Sono finalmente serena e molto soddisfatta della scelta sia per l'approccio sistemico sia per l'I.TE.R.(sede Napoli).Giusto in tempo !!Posti esauriti per Gennaio 2011.Non vedo l'ora di iniziare il "viaggio".Grazie ancora

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy