• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1

    psicologi asl e part time

    Salve,
    oggi avevo una discussione con una collega, lei sostiene che un dirigente psicologo asl se non supera il 50% di part time può fare libera professione. A me non risulta, abbiamo provato a guardare un po' su internet ma senza trovare una definitiva chiarezza. E' vero che Brunetta ha esteso la libera professione ai dipendenti statali se non superano il 50% ma non credo si riferisca anche agli psicologi quanto invece agli infermieri o altre figure...almeno a me pare sia esclusa la dirigenza ( e gli psic sono dirigenti se assunti a tempo indet)che hanno giustappunto un rapporto che contempla l'esclusività. Qualcuno ha le idee più chiare? Grazie.

  2. #2

    Re: psicologi asl e part time

    Salve, volevo fare una domanda simile e stavo pensando di aprire un topic in proposito, ma siccome c'è già porto su questo (sperando di avere più fortuna e qualche risposta...)

    Volevo appunto chiedere a chi se ne intende, se uno psicologo impiegato dell'asl (nel mio caso non so se dirigente) possa anche esercitare privatamente in un suo studio. Insomma, poiché ha già un impego da statale mi verrebbe da pensare di no, ma se come dice l'utente sopra ci sono state delle variazioni... E poi come si fa a capire che tipo di contratto ha una persona che lavora lì? (non è che posso mettermi a fare domande su queste cose...)

  3. #3
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,888
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Re: psicologi asl e part time

    Ciao Erin Green. Non so darti una risposta precisa, anche perchè non so se ogni Regione o adirittura ogni asl all'interno della stessa regione possa applicare normative differenti in merito; tuttavia, avendo lavorato per 3 anni nel servizio pubblico (borse di studio e co co co vari) e 1 anno in una struttura privata convenzionata, quello che notavo era che alcuni miei colleghi esercitavano la libera professione nel loro studio privato, non tutti. Quelli che lo facevano avevano un contratto che li inquadrava come dirigenti psicologi (seppure a tempo determinato) ma non avevano aderito al rapporto di esclusiva con l'asl. Vale a dire che questi percepivano lo stipendio base di un dirigente senza però la possibilità di ulteriori introiti legati alle diverse voci relative a posizione e aumenti vari che si vanno a sommare al guadgano lordo di ogni dirigente che abbia invece un rapporto di esclusiva. Non so se possa essere questa la variabile che permette di esercitare anche la libera professione. Io davo comunque per scontato che non fosse possibile per un dipendente a regime e a tempo pieno.
    Per capire il tipo di contratto basta collegarsi al sito dell'asl in cui lo psicologo opera: l'operazione trasparenza rende pubblica la lista dei dirigenti ed il loro compenso (almeno nel Veneto)...se non compare tra i dirigenti allora ha un contratto di altra natura (cococo cocopro sumai...) che gli permette poi di operare anche in altri contesti
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

  4. #4

    Riferimento: psicologi asl e part time

    Ciao a tutti,
    vi posso spiegare come funziona nella mia asl, in piemonte. Cominciamo a fare chiarezza però sulle normative.
    Gli psicologi che lavorano in asl si dividono prima di tutto in due fasce: strutturati (dipendenti a tempo indeterminato) e non strutturati (convenzionati, sumaisti, ecc..).
    Per i secondi non ci sono limiti, possono esercitare libera professione in quanto il loro stesso contratto con asl è di questa natura.
    Per i primi ( i dipendenti in senso stretto) invece le cose sono diverse. Intanto sono inquadrati a livello dirigenziale e quindi seguono le norme che disciplinano il contratto dei dirigenti in merito alla lib. prof.
    Si può avere un contratto di tipo esclusivo con asl e allora la lib. prof diventa intramoenia e può essere esercitata per ore eccedenti al normale orario di servizio, oppure extra moenia ma lo stipendio è sensibilmente ridotto in quanto il contratto non è più di esclusività con asl (non la sceglie praticamente nessuno).
    A scanso di equivoci occorre ricordare che essendo un contratto dirigenziale nessun dirigente con contratto esclusivo con asl può svolgere libera professione se in regime di part-time (al contrario di quanto avviene nel comparto).Questo per ovvie ragioni, se un dirigente ottiene un PT è per seri motivi, tali da impedirgli attività maggiore quindi l'azienda ovviamente non può accettare che egli trovi invece il tempo per lavorare privatamente , in questo caso deve rinunciare al rapporto esclusivo e optare per l'extra moenia.
    Spero di essere stata chiara, ciao a tutti.

  5. #5
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,888
    Blog Entries
    4

    Riferimento: psicologi asl e part time

    Come immaginavo. Grazie delle corrette e puntuali informazioni. Per altri motivi (dare un senso ad una situazione molto triste) mi interessava capire questa questione nel dettaglio e questa mattina mi sono informato, poi leggendo il post di nikiniki ho avuto ulteriore conferma. Sei stata molto chiara. Un caro saluto.
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

  6. #6

    Re: psicologi asl e part time

    grazie mille ad entrambi per le vostre risposte!

    purtroppo da quel che ho visto consultando il sito asl della mia regione sembrano mancare diverse informazioni... vabè, continuerò a cercare

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di lovingpsico
    Data registrazione
    16-12-2005
    Residenza
    lombardia
    Messaggi
    1,094

    Riferimento: psicologi asl e part time

    La mia domanda si discosta leggermente dal titolo del thread....
    Psicologo dipendente in una struttura privata ma convenzionata con il SSN per un part time, può aprire una partita iva ed operare privatamente? Se sì, deve chiedere un permesso al datore di lavoro?
    E potrebbe svolgere lo stesso servizio svolto nell'azienda di cui è dipendente?
    Inevitabilmente, tutti i grandi uomini conservano qualcosa di infantile. S.Freud

Privacy Policy