• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di Jorja
    Data registrazione
    12-12-2004
    Residenza
    Neverland
    Messaggi
    91

    Master o seconda laurea in economia?

    Ciao a tutti,
    mi sono laureata nel 2007 ad indirizzo clinico ma attualmente il mio interesse si sta spostando molto sull'area della psicologia del lavoro, in particolar modo sulla selezione e gestione del personale e sul marketing.
    Il problema è questo: per quanto rigurda le human resources mi sembra ci siano molte più possibilità per i laureati in economia.
    Quindi mi sto chiedendo se potrebbe essere utile fare un Master in human resources o se, armandomi di tanta buona volontà, mi conviene prendere la laurea triennale in economia aziendale facendo nel frattempo stage.

    Contano i master oppure conviene fare direttamente un corso di laurea?

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,913

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Mah.. secondo me devi per prima cosa riflettere sul percorso professionale che hai in mente... Nel senso.. la laurea in economia e commercio a tutto serve forche' a fare selezione del personale.. anzi direi che e' un lavoro quasi sprecato ... in quanto servono maggiormente competenze di altro tipo.. le competenze di tipo economico su paghe e contributi, contrattualistica che servono sono un valore aggiunto che ti fanno essere maggiormente presa in considerazione dalle aziende per cui nelle risorse umane avere conoscenze di quel tipo o anche di ambito giuridico gli permettono di usarti a tutto tondo... non solo per fare colloqui di selezione .. ma per redigere e lavorare sui contratti e sulla gesione economica delle risorse umane...
    Economia e commercio e' una laurea ottimamente spendibile ma per fare il commercialista e lavori piu' prettamente economici... fare economia e commercio per lavorare nella selezione del personale e' come fare ingegneria per andare a fare l'elettricista....
    Secondo me.. mia personale opinione... dovresti cercare a quel punto un'occasione..tipo master o corso di formazione, piu' che in risorse umane generico proprio in direzione e amministrazione del personale... leggendoti da autodidatta qualche manuale sulla selezione e sulle risorse umane... in quel modo approfondiresti la parte piu' gestionale economica.. ma senza fare un'altra universita'....

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di Jorja
    Data registrazione
    12-12-2004
    Residenza
    Neverland
    Messaggi
    91

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Mah.. secondo me devi per prima cosa riflettere sul percorso professionale che hai in mente... Nel senso.. la laurea in economia e commercio a tutto serve forche' a fare selezione del personale.. anzi direi che e' un lavoro quasi sprecato ... in quanto servono maggiormente competenze di altro tipo.. le competenze di tipo economico su paghe e contributi, contrattualistica che servono sono un valore aggiunto che ti fanno essere maggiormente presa in considerazione dalle aziende per cui nelle risorse umane avere conoscenze di quel tipo o anche di ambito giuridico gli permettono di usarti a tutto tondo... non solo per fare colloqui di selezione .. ma per redigere e lavorare sui contratti e sulla gesione economica delle risorse umane...
    Economia e commercio e' una laurea ottimamente spendibile ma per fare il commercialista e lavori piu' prettamente economici... fare economia e commercio per lavorare nella selezione del personale e' come fare ingegneria per andare a fare l'elettricista....
    Secondo me.. mia personale opinione... dovresti cercare a quel punto un'occasione..tipo master o corso di formazione, piu' che in risorse umane generico proprio in direzione e amministrazione del personale... leggendoti da autodidatta qualche manuale sulla selezione e sulle risorse umane... in quel modo approfondiresti la parte piu' gestionale economica.. ma senza fare un'altra universita'....
    Duccio, hai ragione, ma quante aziende in Toscana (e altre regioni) posssono permettersi di assumere una psicologo che faccia solo selezione del personale? Nell'azienda dove lavoro io, per esempio, il responsabile delle Human Resources è laureato in economia e si occupa di contratti, buste paga, aspettativa, soluzione di problemi ecc... La selezione è fatta sbrigativamente dalle agenzie interinali...
    Se leggi tutti gli annunci di "gestione del personale" richiedono minimo la triennale in economia... è vero che uno può apprendere da solo tutte le nozioni economiche che vuoi, ma onestamente alle aziende interessa di più che tu prima abbia la laurea in economia e eventualmente delle conoscenze in ambito psicologico piuttosto che viceversa.
    L'impressione che ho, è che il master in human resources con un una laurea in psicologia, sia poco spendibile nel mondo del lavoro reale (a meno che uno non ne faccia uno alla Bocconi, ma nemmeno). Se non ho capito male, te hai fatto un master in risorse umane, ti è servito per inserirti nel mondo del lavoro? Oppure avete fatto il calssico stage-contentino a fine corso e poi arrivederci e grazie?

    Comunque mi piacerebbe lavorare nelle risorse umane, compresa la formazione, e anche occuparmi dell'aspetto marketing... e poi male che vada potrei fare la commercialista... hai detto niente

    In ogni caso, a breve comincerò a fare stage in human resurces per accumulare esperienza, nel frattempo mi iscrivo a economia... do con calma gli esami (non c'è frequenza obbligatoria per ora) e cerco di accumulare esperienza lavorativa... poi se ho fortuna, e nel frattempo riesco a inserirmi da qualche parte, non sono mica obbligata a finire il corso in economia

    Credo che lo psicologo come "selezione del personale" se lo possono permettere solo i corpi militari... o sbaglio?

  4. #4
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,913

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Citazione Originalmente inviato da Jorja Visualizza messaggio
    Duccio, hai ragione, ma quante aziende in Toscana (e altre regioni) posssono permettersi di assumere una psicologo che faccia solo selezione del personale? Nell'azienda dove lavoro io, per esempio, il responsabile delle Human Resources è laureato in economia e si occupa di contratti, buste paga, aspettativa, soluzione di problemi ecc... La selezione è fatta sbrigativamente dalle agenzie interinali...
    Se leggi tutti gli annunci di "gestione del personale" richiedono minimo la triennale in economia... è vero che uno può apprendere da solo tutte le nozioni economiche che vuoi, ma onestamente alle aziende interessa di più che tu prima abbia la laurea in economia e eventualmente delle conoscenze in ambito psicologico piuttosto che viceversa.
    L'impressione che ho, è che il master in human resources con un una laurea in psicologia, sia poco spendibile nel mondo del lavoro reale (a meno che uno non ne faccia uno alla Bocconi, ma nemmeno). Se non ho capito male, te hai fatto un master in risorse umane, ti è servito per inserirti nel mondo del lavoro? Oppure avete fatto il calssico stage-contentino a fine corso e poi arrivederci e grazie?

    Comunque mi piacerebbe lavorare nelle risorse umane, compresa la formazione, e anche occuparmi dell'aspetto marketing... e poi male che vada potrei fare la commercialista... hai detto niente

    In ogni caso, a breve comincerò a fare stage in human resurces per accumulare esperienza, nel frattempo mi iscrivo a economia... do con calma gli esami (non c'è frequenza obbligatoria per ora) e cerco di accumulare esperienza lavorativa... poi se ho fortuna, e nel frattempo riesco a inserirmi da qualche parte, non sono mica obbligata a finire il corso in economia

    Credo che lo psicologo come "selezione del personale" se lo possono permettere solo i corpi militari... o sbaglio?

    Volevo fare una precisazione... tu hai detto in pratica la stessa cosa che ho detto io....
    Quello che volevo dire e' che prendere una laurea in economia e' un'ottima cosa per approfondire e aumentare certe competenze...anche se secondo me a quel punto conviene una volta laureata in economia.. lasciar perdere la psicologia del lavoro e buttarsi in ambiti maggiormente proficui e renumerativi... Ok, s'e' detto e ridetto che all'universita' insegnano molte cose a mio parere piu' per puro accademismo che per vera utilita' formativa... e si vede infatti nell'interfaccia del mondo lavorativo...
    Ritengo pero' che in teoria il discorso che fai tu non faccia una piega ed e' anche molto nobile e denota volonta di mettersi in gioco e in discussione... In pratica lo trovo poco probabile in quanto dal momento che lavori giustamente e intraprendi la laurea in economia... si ok potrai trovare qualche progetto, qualche occasione nel frattempo nel campo psicologico... dopodiche' ti laurei in economia e commercio e poi diventi commercialista... insomma la vedo un po' dura fare il commercialista 8 ore al giorno e poi nel tempo libero andare a fare se capita consulenza aziendale, selezione e formazione...
    Piu' che altro perche' prima cosa manca il tempo per fare tutte queste cose.. la formazione in genere .. riguardo ai corsi ci sono la sera e il fine settimana... la selezione si fa in azienda ... e in genere e' basata su ditte esterne centri per l'impiego ecc... e la vedo un po' utopistica l'idea di fare il commercialista e lo psicologo del lavoro anche saltuariamente insieme... Ho diversi amici che fanno i commercialisti... gente molto in gamba laureata in poco tempo con voti alti... hanno passato un esame di stato molto duro.. Credo che quello di economia sia fra i piu' duri e difficili... lavorano 10 ore il giorno in ufficio ... e hanno tempo per cenare, andare a letto e ricominciare la mattina.... Il lavoro non gli manca... ma di sicuro non avrebbero tempo neanche lontanamente di pensare di fare altre cose .... Anche perche' fare formazione o selezione.. non e' una cosa che vai una mattina e fai lezione o fai i colloqui... Il corso di formazione va progettato, vanno preparate le lezioni, e questo necessita di un lavoro a monte abbastanza impegnativo... a meno che non sia la formazione cosiddetta a pacchetto che sai gia' cosa propinare ai formandi... e anche per fare selezione c'e' un iter a monte abbastanza lungo prima di andare a fare la selezione vera e propria...
    Insomma credo che qualora inizierai a fare economia e commercio e ti laureerai... (ovviamente per diventare commercialista ci vogliono i 5 anni ... non certo 3) arriverai a dover scegliere cosa fare... non credo francamenre possibile conciliare due lavori .. che comunque entrambi sono impegnativi...
    Poi e' ovvio, nessuno fa solo ed esclusivamente selezione del personale... anche perche' francamente credo sia fra le cose piu' meccaniche e ripetitive e poco stimolanti che ci siano.. Chi fa lo psicologo del lavoro... fa una serie di cose... consulenza, analisi di clima, anche selezione, formazione ecc... ma come libero professionista.. Oggi giorno non si viene assunti da un'azienda in maniera fissa per queste cose... Questo finche' non ci sara' una netta definizione delle competenze e di quello che puo' fare uno psicologo del lavoro e di quello che puo' fare solo lui....
    Ti posso dire che molti clinici... molti psicologi clinici che conosco ... non ragazzi ma proprio professionisti che lavorano da 10., 15 anni... mi hanno detto che si sono buttati nel mondo della psicologia del lavoro perche' con la psicoterapia non ci si mangia oggi giorno... e' ovvio che uno si deve un po' riformare perche' sono due approcci e mentalita' abbastanza diverse... con prospettive teoriche, metodologiche differenti.... pero' insomma lo fanno in tanti... e in molti anche da autodidatta... quindi non credo sia impossibile

  5. #5
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,913

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Poi un'ultima cosa... come ti dissi il corso di formazione che feci, ovviamente aggratisse, non aveva l'intento di insegnarci a lavorare nelle risorse umane.. 15 giorni.. uno su ogni specifico argomento non fa degli esperti nel campo.. fa delle persone con una mentalita' maggiormente aperta ad approfondire certe tematiche... Infatti ci ha aperto un mondo e ci ha dato tantissime informazioni che all'universita' non ci hanno dato, in primis una visione pratica su quello che e' l'attivita' nel mondo del lavoro... un pensare in maniera pratica e pragmatica... che mancava...
    Il mestiere pratico lo impari non li... ma purtroppo negli stage sottopagati dove spesso e volentieri ti fanno fare cose che non ci incastrano molto con la professione.. pero' e' li che impari realmente.... ed e' una cosa da cui bene o male dobbiamo o dovremo passare tutti...
    Quindi io piuttosto che fare master o corsi di formazione... ti consiglierei di cercare piuttosto subito degli stage.. che ce ne sono a sfare... mi arrivano tipo 6, 7 mail al giorno di offerte di stage tramite la ventina di siti ..banche dati.. a cui mi sono iscritto...
    e nel frattempo approfondire da autodidatta qualche manuale di formazione e soprattutto sulla selezione del personale... I master sono spesso specchietti per le allodole e fatti per far fare cassa all'universita'...
    Addirittura ce lo sconsigliarono per questo motivo uno dei docenti del corso di formazione che ho fatto dicendoci che lui insegnava ad uno di questi che costava anche parecchio ma che alla fine non valeva la pena... un master sulle risorse umane parecchio pubblicizzato...

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di Jorja
    Data registrazione
    12-12-2004
    Residenza
    Neverland
    Messaggi
    91

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Volevo fare una precisazione... tu hai detto in pratica la stessa cosa che ho detto io....
    Quello che volevo dire e' che prendere una laurea in economia e' un'ottima cosa per approfondire e aumentare certe competenze...anche se secondo me a quel punto conviene una volta laureata in economia.. lasciar perdere la psicologia del lavoro e buttarsi in ambiti maggiormente proficui e renumerativi... Ok, s'e' detto e ridetto che all'universita' insegnano molte cose a mio parere piu' per puro accademismo che per vera utilita' formativa... e si vede infatti nell'interfaccia del mondo lavorativo...
    Ritengo pero' che in teoria il discorso che fai tu non faccia una piega ed e' anche molto nobile e denota volonta di mettersi in gioco e in discussione... In pratica lo trovo poco probabile in quanto dal momento che lavori giustamente e intraprendi la laurea in economia... si ok potrai trovare qualche progetto, qualche occasione nel frattempo nel campo psicologico... dopodiche' ti laurei in economia e commercio e poi diventi commercialista... insomma la vedo un po' dura fare il commercialista 8 ore al giorno e poi nel tempo libero andare a fare se capita consulenza aziendale, selezione e formazione...
    Piu' che altro perche' prima cosa manca il tempo per fare tutte queste cose.. la formazione in genere .. riguardo ai corsi ci sono la sera e il fine settimana... la selezione si fa in azienda ... e in genere e' basata su ditte esterne centri per l'impiego ecc... e la vedo un po' utopistica l'idea di fare il commercialista e lo psicologo del lavoro anche saltuariamente insieme... Ho diversi amici che fanno i commercialisti... gente molto in gamba laureata in poco tempo con voti alti... hanno passato un esame di stato molto duro.. Credo che quello di economia sia fra i piu' duri e difficili... lavorano 10 ore il giorno in ufficio ... e hanno tempo per cenare, andare a letto e ricominciare la mattina.... Il lavoro non gli manca... ma di sicuro non avrebbero tempo neanche lontanamente di pensare di fare altre cose .... Anche perche' fare formazione o selezione.. non e' una cosa che vai una mattina e fai lezione o fai i colloqui... Il corso di formazione va progettato, vanno preparate le lezioni, e questo necessita di un lavoro a monte abbastanza impegnativo... a meno che non sia la formazione cosiddetta a pacchetto che sai gia' cosa propinare ai formandi... e anche per fare selezione c'e' un iter a monte abbastanza lungo prima di andare a fare la selezione vera e propria...
    Insomma credo che qualora inizierai a fare economia e commercio e ti laureerai... (ovviamente per diventare commercialista ci vogliono i 5 anni ... non certo 3) arriverai a dover scegliere cosa fare... non credo francamenre possibile conciliare due lavori .. che comunque entrambi sono impegnativi...
    Poi e' ovvio, nessuno fa solo ed esclusivamente selezione del personale... anche perche' francamente credo sia fra le cose piu' meccaniche e ripetitive e poco stimolanti che ci siano.. Chi fa lo psicologo del lavoro... fa una serie di cose... consulenza, analisi di clima, anche selezione, formazione ecc... ma come libero professionista.. Oggi giorno non si viene assunti da un'azienda in maniera fissa per queste cose... Questo finche' non ci sara' una netta definizione delle competenze e di quello che puo' fare uno psicologo del lavoro e di quello che puo' fare solo lui....
    Ti posso dire che molti clinici... molti psicologi clinici che conosco ... non ragazzi ma proprio professionisti che lavorano da 10., 15 anni... mi hanno detto che si sono buttati nel mondo della psicologia del lavoro perche' con la psicoterapia non ci si mangia oggi giorno... e' ovvio che uno si deve un po' riformare perche' sono due approcci e mentalita' abbastanza diverse... con prospettive teoriche, metodologiche differenti.... pero' insomma lo fanno in tanti... e in molti anche da autodidatta... quindi non credo sia impossibile
    Duccio non mi hai capito.... non voglio fare la commercialista e la psicologa...
    Non voglio fare la psicologa del lavoro..... voglio lavorare nella gesione del personale aziendale con tutte le mansioni annesse e connesse.
    Non mi laureo in economia per fare la commercialista, ho detto che male che vada, posso buttarmi sulla libera professione di commercialista.... male che vada nel senso "se non riuscissi a lavorare in azienda".
    Tutte le professioni che ti ho elencato, sono quelle che mi piacerebbe fare... non le vorrei fare contemporaneamente.
    Non ho avuto modo di fare master finanziati dalla provincia, però ho avuto modo di lavorare part-time in azienda, quindi mi sono fatta un'idea della diffferenza tra università e lavoro. I master, le scuole di specializzazione, i corsi di formazioni, sono l'unico modo che ha lo psicologo per guadagnare. Cioè, noi poveri laureati disoccupati, siamo il pane per gli psicologi più "anziani"... spero che prima o poi questa buffonata finisca.

    PS Duccio, lavorare 8-9 ore al giorno non mi spaventa... ricordati che lavoro da anni Quello che mi spaventa è lavorare 8-9 ore con uno stipendio da fame....

  7. #7
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,913

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Ok perche' da come lo avevi scritto pareva che volevi fare la commercialista e nel frattempo quando capita selezione, formazione ecc...
    Ora mi e' piu' chiaro.. e condivido la tua scelta.. Io tornassi indietro probabilmente avrei fatto una delle facolta' mediche.. (dato che ho un approccio anche mentale molto piu' scientifico e mi piace molto l'ambito medico e sanitario) dato che ho visto che per chi fa psicologia per avere qualche speranza deve fare altri 2,3 anni di formazione successiva e stage sottopagati... quindi sinceramente l'avessi capito prima.. mi sarei regolato di conseguenza... un'altra laurea ora come ora non ci penserei.. sarebbe per me una cosa che vedrei troppo a lungo termine... Cmq in bocca al lupo per tutto

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di Jorja
    Data registrazione
    12-12-2004
    Residenza
    Neverland
    Messaggi
    91

    Riferimento: Master o seconda laurea in economia?

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Ok perche' da come lo avevi scritto pareva che volevi fare la commercialista e nel frattempo quando capita selezione, formazione ecc...
    Ora mi e' piu' chiaro.. e condivido la tua scelta.. Io tornassi indietro probabilmente avrei fatto una delle facolta' mediche.. (dato che ho un approccio anche mentale molto piu' scientifico e mi piace molto l'ambito medico e sanitario) dato che ho visto che per chi fa psicologia per avere qualche speranza deve fare altri 2,3 anni di formazione successiva e stage sottopagati... quindi sinceramente l'avessi capito prima.. mi sarei regolato di conseguenza... un'altra laurea ora come ora non ci penserei.. sarebbe per me una cosa che vedrei troppo a lungo termine... Cmq in bocca al lupo per tutto

    Crepi!
    Tornare indietro non si può... spero che psima o poi questo sistema sfrutta studenti cambi!

Privacy Policy