• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13
  1. #1
    Matricola
    Data registrazione
    21-01-2005
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    26

    fare master, specializzazioni?

    ciao!
    io sono psicologo, iscritto all'albo. Mi chiedo, se non trovando lavoro, abbia senso seguire corsi di specializzazione, master, perfezionamento, se dopo di essi, si riesce piu facilmente se si è bravi, se si ha modo di conoscere qualche professionista dei corsi, a inserirsi nella professione. O è solo un modo per perdere soldi e tempo? meglio buttarsi su altri campi?

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    Ciao, io sto ancora studiando... pero' ti posso riportare quella che e' stata la mia esperienza diretta e indiretta.. che ho raccontato in un altro thread e che ti linko qua
    http://www.opsonline.it/forum/psicol...ane-25609.html

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    ciao,
    io penso che sia un discorso molto soggettivo io ad esempio non ho nè il tempo nè la costanza per mettermi a leggere uno o più manuali per specializzarmi su un argomento... quindi preferisco fare un corso o anche solo una conferenza, almeno ascolto raccolgo materiali magari intreccio conoscenze e possibilità di nuove collaborazioni... però chiaramente le conoscenze che poi acquisisci le devi saper sfruttare magari proponendo qualche progetto, pubblicizzandoti o costruendoti una rete di contatti e di invianti se il tuo scopo è avere pazienti
    almeno, questo è quello che è successo a me: ho fatto un master, un corso online e sto facendo la scuola di psicoterapia, e ho acquisito un sacco di competenze che hanno cambiato (in meglio) la mia professionalità e prima di tutto il mio modo di percepirmi come professionista e penso che sia proprio questo il punto cruciale, cioè come uno si presenta... se uno sa presentarsi nel modo giusto, i corsi possono anche non servire, magari bastano un paio di manuali mentre in altri casi, magari se hai bisogno di una "spinta" per rimetterti in moto, il corso ti può essere utilissimo

    ...ma il nocciolo non sta nel "quanto è utile fare un corso", bensì nel "come ti presenti e spendi le competenze che hai acquisito ANCHE attraverso il corso"
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  4. #4
    Matricola
    Data registrazione
    21-01-2005
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    26

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    grazie della risposta arwen...ma mi chiedo....tu come hai cominciato? io parto da zero, non ho conoscenze particolari...vado alla camera di commercio, apro la partita iva e poi??? aspetto che il mio medico generico mi mandi qualcuno? o che venga qualcuno col self marketing??

  5. #5
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    Citazione Originalmente inviato da ti12345678 Visualizza messaggio
    grazie della risposta arwen...ma mi chiedo....tu come hai cominciato? io parto da zero, non ho conoscenze particolari...vado alla camera di commercio, apro la partita iva e poi??? aspetto che il mio medico generico mi mandi qualcuno? o che venga qualcuno col self marketing??

    ti fai conoscere, magari presso medici o altri professionisti. Magari proponi loro qualche cosa da fare insieme, io ad esempio sto organizzando delle serate con una naturopata, in cui parliamo del benessere psico-fisico della persona. Oppure ti fai conoscere "da solo", mettendo il tuo nome in internet, pubblicizzandoti su siti che offrono consulenze online gratuite da parte di medici ecc... oppure scrivi qualche progetto di intervento e lo proponi alle scuole, ai centri e alle associazioni del tuo paese... magari fai brochure o volantini (anche in bianco e nero) da mettere in giro, nelle farmacie, presso gli studi medici, nelle scuole ecc

    ...ovviamente devi avere un indirizzo a cui vedere pazienti, quindi meglio se trovi anche una stanza, ci sono molti studi di psicologi che affittano stanze per un giorno a settimana o altri posti (associazioni, altri studi ecc) a cui chiedere

    in bocca al lupo
    Chiara
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  6. #6
    Partecipante Figo L'avatar di klaudia82
    Data registrazione
    20-09-2007
    Residenza
    in un meraviglioso paesino del nord
    Messaggi
    862

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    concordo anche io però credo bisogni essere specializzati in qualche cosa o con un master o con una specializzaz. insomma se arriva un pz si deve essere in grado di fare un ottima diagnosi ma anche un buon intervento altrimenti fai diagnosi e poi x il trasttamento devi mandarlo a qlcuno altro quindi il pz sceglierà direttamente chi sa fare diagnosi e intervento. qs è ciò che penso io.

  7. #7
    Matricola
    Data registrazione
    21-01-2005
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    26

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    si ma tu dici se arriva il paziente..ovvio..ma arriva? è piu facile che arrivi con il master, specializzazione etc..?
    chiedo poi a Arwen, veramente mi interessa, se ha iniziato davvero l'attività aprendo stanza, partita iva..etc...aspettando il primo invio del medico generico o qualcuno conosciuto in conferenze etc...o se forse almeno un gruppetto minuto di pazienti lo aveva "ereditato" da qualche parte.
    grazie per l'informazione!!

  8. #8
    Partecipante Figo L'avatar di klaudia82
    Data registrazione
    20-09-2007
    Residenza
    in un meraviglioso paesino del nord
    Messaggi
    862

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    AL pz non frega nulla se sei ps o terapeuta, se vai a chiedere a loro manco sanno la differenza, quinid dipende da cosa stanno cercando, la gente nella parola psicologo inserisce una persona che possa migliorare la loro qualità della vita sostenendola e rinforzando le loro risorse quindi per fare questo serve solo un master e non una specializzazione!la specializzazione serve se nel pz c'è anche una patologia:in tal caso necessita essere terapeuti!

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    certo fare specializzazioni, corsi, master, seminari, ecc, è sempre utile, è anche un obbligo dentologico, tanto che l'art. 5 ci "prescrive" di aggiornarci continuamente, mantenere e garantire uno standard sempre elevato di servizi...Quindi ok aggiornarsi, però è chiaro che non basta per trovare lavoro. Cioè, puoi fare 10 master, i migliori, i più costosi, che ti formano veramente, ma con quei master hai agito solo su una varabile, cioè su di te, e non basta, perché il lavoro non dipende solo da te, dalle tue competenze, dai tuoi titoli, ma anche e soprattutto...dal tuo contesto! Lo diceva anche Lewin, il comportamento è una funzione della persona e del contesto, c= f(A,P). La risorsa strategica per avere lavoro è proprio il contesto, cioè in soldoni: conoscere qualcuno, diporre di una rete di relazioni strategiche, crearsi contatti professionali, conoscere persone che ti possono segnalare opportunità, che ti possono inviare pazienti, che ti introducono in alcuni ambienti lavorativi, che ti fanno partecipare a progetti, ecc. Insomma avere una rete, essere dentro un sistema. Finché sei "solo", anche con 100 master, si rischia di non farci un tubo... Mettiamo che ti piacerebbe fare perizie di parte: bene, ti fai il migliore master biennale di psico giuridica, poi ti fai il migliore master biennale di psicodagnostica, poi ti fai pure un corso di psicopatologia, poi ti fai anche un altro master in diritto del minore, diritto penale, diritto del cavolocappuccio in fiore...insomma tutto, acquisisci tutte le competenze assolute, saresti perfetto. Ma se non conosci avvocati che ti affidano le perizie, è tutto pressoché inutile. Le tue competenze restano nella tua stanza. A volte basta anche un avvocato, che poi a sua volta ti segnala a un altro, che a sua volta ti segnala a un altro...però almeno un avvocato nella tua cerchia ci vuole. Altrimenti è tutto inutile. A volte è melgio intervenire su una piccola variabile del contesto, cioè crearsi una relazione strategica, e si lavora più che con 100 master. Quini ok perfezionarti, ma occorre avere anche un minimo di risorse esterne, altrimenti è pressoché tutto vano. Se non hai altrettante risorse esterne, quindi relazioni con altri professionisti, se non conosci, ecc, quello che spendi, rimane a te e basta. Chi non dispone già di queste risorse ambientali determinanti (come me ), se le dovrà creare, dovrà cercare di conoscere altri e crearsi una rete...il che è difficilissimo, molto + difficile ed estenuante che fare 10 master...ma non c'è alternativa. Anche l'esame di psicologia di comunità ci avverte di questo, di non illuderci di poter agire da singoli, per quanto bravi, perché se sei bravo ma non hai l'ambiente ecologico adatto, è tutto inutile.
    Ultima modifica di ste203xx : 01-09-2010 alle ore 19.55.32

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    Citazione Originalmente inviato da ste203xx Visualizza messaggio
    certo fare specializzazioni, corsi, master, seminari, ecc, è sempre utile, è anche un obbligo dentologico, tanto che l'art. 5 ci "prescrive" di aggiornarci continuamente, mantenere e garantire uno standard sempre elevato di servizi...Quindi ok aggiornarsi, però è chiaro che non basta per trovare lavoro. Cioè, puoi fare 10 master, i migliori, i più costosi, che ti formano veramente, ma con quei master hai agito solo su una varabile, cioè su di te, e non basta, perché il lavoro non dipende solo da te, dalle tue competenze, dai tuoi titoli, ma anche e soprattutto...dal tuo contesto! Lo diceva anche Lewin, il comportamento è una funzione della persona e del contesto, c= f(A,P). La risorsa strategica per avere lavoro è proprio il contesto, cioè in soldoni: conoscere qualcuno, diporre di una rete di relazioni strategiche, crearsi contatti professionali, conoscere persone che ti possono segnalare opportunità, che ti possono inviare pazienti, che ti introducono in alcuni ambienti lavorativi, che ti fanno partecipare a progetti, ecc. Insomma avere una rete, essere dentro un sistema. Finché sei "solo", anche con 100 master, si rischia di non farci un tubo... Mettiamo che ti piacerebbe fare perizie di parte: bene, ti fai il migliore master biennale di psico giuridica, poi ti fai il migliore master biennale di psicodagnostica, poi ti fai pure un corso di psicopatologia, poi ti fai anche un altro master in diritto del minore, diritto penale, diritto del cavolocappuccio in fiore...insomma tutto, acquisisci tutte le competenze assolute, saresti perfetto. Ma se non conosci avvocati che ti affidano le perizie, è tutto pressoché inutile. Le tue competenze restano nella tua stanza. A volte basta anche un avvocato, che poi a sua volta ti segnala a un altro, che a sua volta ti segnala a un altro...però almeno un avvocato nella tua cerchia ci vuole. Altrimenti è tutto inutile. A volte è melgio intervenire su una piccola variabile del contesto, cioè crearsi una relazione strategica, e si lavora più che con 100 master. Quini ok perfezionarti, ma occorre avere anche un minimo di risorse esterne, altrimenti è pressoché tutto vano. Se non hai altrettante risorse esterne, quindi relazioni con altri professionisti, se non conosci, ecc, quello che spendi, rimane a te e basta. Chi non dispone già di queste risorse ambientali determinanti (come me ), se le dovrà creare, dovrà cercare di conoscere altri e crearsi una rete...il che è difficilissimo, molto + difficile ed estenuante che fare 10 master...ma non c'è alternativa. Anche l'esame di psicologia di comunità ci avverte di questo, di non illuderci di poter agire da singoli, per quanto bravi, perché se sei bravo ma non hai l'ambiente ecologico adatto, è tutto inutile.
    completamente d'accordo!!!
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  11. #11
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    Citazione Originalmente inviato da ti12345678 Visualizza messaggio
    si ma tu dici se arriva il paziente..ovvio..ma arriva? è piu facile che arrivi con il master, specializzazione etc..?
    chiedo poi a Arwen, veramente mi interessa, se ha iniziato davvero l'attività aprendo stanza, partita iva..etc...aspettando il primo invio del medico generico o qualcuno conosciuto in conferenze etc...o se forse almeno un gruppetto minuto di pazienti lo aveva "ereditato" da qualche parte.
    grazie per l'informazione!!
    sì anche io ho iniziato così: non ho creato uno studio mio, ma ho trovato (cercando, rispondendo ad annunci, andando a vedere di persona stanze e spazi ecc) un'associazione che affittava spazi e studi a 10 € all'ora , poi ho aperto la partita iva

    ti faccio un breve resoconto dei pazienti che ho/ho avuto: nell'anno 2010 ho visto (almeno per un primo colloquio) 3 persone, così divise:
    - 1 è arrivato trovando il mio nome sul volantino del MIP (Maggio di Informazione Psicologica)
    - 2 mi hanno trovato cercando in internet una psicologa nella loro zona

    di queste 3 persone ne è rimasta solo una, ma comunque è da mettere in conto anche questo

    oltre a ciò, puoi aggiungere anche un altro paziente che non ho ancora visto, ma che probabilmente mi chiamerà a breve, inviatomi da una naturopata con cui collaboro e 1 che devo vedere a breve per la prima volta, arrivato dall'associazione stessa che mi affitta lo spazio (ha chiamato chiedendo supporto per uno specifico tema di cui casualmente mi occupavo solo io)

    questo sostanzialmente significa che io, nel 2010, ho partecipato al MIP e ad altre manifestazioni divulgative sulla psicologia organizzate dall'Ordine o da altre realtà, ho intrecciato contatti e collaborato con l'associazione e con la naturopata, più chiaramente tutti gli incontri con altri professionisti che non hanno funzionato (perchè non ci siamo piaciuti, o perchè non c'era modo di collaborare), ho speso tempo per pubblicizzarmi in internet o per realizzare volantini, brochure ecc da lasciare in giro...

    Per fare tutto questo le specializzazioni che ho fatto NON mi sono servite, nel senso che i pazienti mi sono arrivati da canali che nulla centrano con esse. Invece mi sono servite:
    - inventiva, per propormi a queste persone con cui collaboro in modo costruttivo e vantaggioso per entrambi (non è che vai dal medico o da chi per esso dicendo "ciao, inviami i pazienti"... puoi proporti come collaboratore, puoi proporre di fare insieme delle serate di informazione, delle convenzioni ecc)
    - nozioni spicciole di marketing: come e a chi proporsi, web marketing per sfruttare internet per diffondere il mio nome ed il mio sito
    - sicurezza in me, perchè se nemmeno sai di cosa vuoi/sai occuparti, difficilmente puoi risultare convincente... e qui, e sottolineo, SOLO QUI le competenze delle specializzazioni mi sono servite, perchè ero più sicura dei mezzi e degli strumenti che avevo appreso, proprio nel master... però, anche qui: ad esempio, io faccio consulenze anche alle coppie o ai singoli con difficoltà sessuali. Mi son comprata due manuali sull'argomento, chiaramente dopo averli scelti aculatamente tra molti, e tale lettura ha sostituito egregiamente qualunque corso sull'argomento.

    ...e poi, aggiungo: perchè focalizzarsi solo sullo studio? perchè non aprire la partita iva e proporre gruppi di auto-mutuo aiuto o di supporto, gruppi di formazione, gruppi sull'autostima, corsi o incontri magari facendosi pagare una cifra simbolica, progetti in qualche scuola o centro o asilo nido eccc...
    Ultima modifica di arwen : 02-09-2010 alle ore 12.57.25
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  12. #12
    Partecipante Figo L'avatar di klaudia82
    Data registrazione
    20-09-2007
    Residenza
    in un meraviglioso paesino del nord
    Messaggi
    862

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    grande arwen!infatti, credo che l'università e i vari tirocinii non siano del tutto inutili.incassi per poi mettere in atto tali competenze!io vorrei approfondire l'ambito scolastico tramite master però il servizio che vorrei proporre un futuro lo vorrei allargare anche alle tematiche apprese da autodidatta o dall'università o ancora dai tirocinii...non si può fare un master per tutte le categorie!magari svolgere del tirocinio o del volontariato da affiancare per una maggiore sicurezza e conoscenza dell'argomento ma credo che quello che serva a noi psicologi sia proprio capacità di marketing,strategie per proporsi e sicurezza in sè stessi e negli argomenti che equivale ad avere un alta stima di sè e della propria professionalità!

  13. #13

    Riferimento: fare master, specializzazioni?

    Ringrazio soprattutto Arwen perchè nelle tue parole si intravede una via da poter seguire.
    Effettivamente a me manca soprattutto la capacità di fare rete. Mi impegnerò per aprirmi ai contesti, affinchè il mio dare non sia svincolato dall'ecosistema, anche se continuo a prendere le distanze da troppe realtà. Ma senza scendere a patti con la terra, non si va avanti.

Privacy Policy