• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1

    Gelosia Diretta e Gelosia Proiettiva

    In modo più o meno consapevole, un membro della coppia può proiettare sull'altro la sua voglia di tradimento accusandolo di essere lui a voler tradire?
    Secondo me è possibile, come è possibile che paradossalmente il proiettante soffra della situazione che lui stesso ha creato.
    Secondo voi?
    E sopratutto: questa gelosia fa sempre parte della gelosia, anche quando questa è diretta? o si tratta di una situazione soggettiva?
    e' possibile poi che la proiezione dipenda da un'infedeltà subita più che al trasferimento sull'altro della propria voglia di tradire non accettata?
    Se così fosse è meglio parlare di gelosia reattiva o proiettiva?

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di QuInCyyyyyy...
    Data registrazione
    13-03-2007
    Residenza
    sempre altrove,con la testa
    Messaggi
    5,944
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Gelosia Diretta e Gelosia Proiettiva

    beh,io credo che sicuramente,in alcune coppie possa verificarsi il fenomeno della gelosia "proiettiva",non credo sia sempre così,nel senso che,non necessariamente si tratta dell unico tipo di gelosia che si può provare,potrebbe benissimo trattarsi di paura di perdere l altro senza che ci siano di mezzo proiezioni relative a propri impulsi inaccettabili,potrebbero esserci di mezzo "semplicemente" scarsa fiducia dell altro(perchè magari non lo si conosce bene,o non è proprio un santo),oppure appunto,come tu stessa hai detto,un'infedeltà passata,sia con lo stesso partner che con uno precedente...credo inoltre che non ci sia-perlomeno non all inizio-consapevolezza da parte del proiettante del processo che egli stesso realizza:si tratta di un meccanismo di difesa,che come tale,è inaccessibile alla coscenza,e fintanto che c è mancanza di consapevolezza,sicuramente il proiettante soffre per il processo che egli stesso realizza,convinto che però,alla base del suo disagio ci sia tuttaltro...nel momento in cui si spiega al proiettante(sempre che la sua gelosia derivi da una simile difesa),da cosa deriva il suo disagio,lo si mette in condizione di vedere le cose in maniera diversa.



    HuNgEr Of LiFe!



  3. #3
    L'avatar di claudia1976
    Data registrazione
    23-01-2005
    Residenza
    Lodi
    Messaggi
    455

    Riferimento: Gelosia Diretta e Gelosia Proiettiva

    Come dice Quincy, sono tante le cose sa valutare/verificare.
    Provo a risponderti secondo il mio modo di lavorare:

    In modo più o meno consapevole, un membro della coppia può proiettare sull'altro la sua voglia di tradimento accusandolo di essere lui a voler tradire?

    Si

    è possibile che paradossalmente il proiettante soffra della situazione che lui stesso ha creato.
    Secondo voi?


    Certo, la proiezione è incosapevole, no? Perciò per il soggetto le proprie fobie, sono reali, perciò ne soffre*.
    (come un paranoico che vede complotti ovunque, sono inesitenti, ma per lui reali e perciò ne soffre)

    *a meno che il soggetto non voglia machiavellicamente indurre l'altro a commettere infedeltà, per potersi "vendicare" e agirla egli/ella stesso/a!.

    E sopratutto: questa gelosia fa sempre parte della gelosia, anche quando questa è diretta? o si tratta di una situazione soggettiva?

    Non capisco bene questa tua domanda, puoi spiegarti meglio?
    Il sentimento di gelosia, nel caso fosse una proiezione di desiderio di tradimento, stai chiedendo se è gelosia vera?
    Questo intendi? Per il soggetto che la vive ciò che prova è gelosia, in senso lato (timore di perdere la persona amata, l'amore che il partner prova, la relazione),
    certo per lo Psicologo, potrebbero essere altri i sentimenti che la governano; per il soggetto che la prova è gelosia, sta allo Psicologo, indagando, scoprire se ci sono altri sentiemnti sottendono quest'ultima.

    Oppure il soggetto è insicuro dei propri sentimenti,
    (desidera passare del tempo da solo, senza il partner o ha delle simpatie verso altri/e? Allora il dubbio lo induce che anche per l'altro sia lo stesso?)
    e ciò che proietta è proprio questo, non tanto il desiderio di voler tradire. (Subdola come cosa ma altrimenti non sarebbe nè inconscia, nè una proiezione...sarebbe altro...vedi macchinazione machiavellica sopra!!!)

    e' possibile poi che la proiezione dipenda da un'infedeltà subita?

    Scusa, se uno ha subito un tradimento in questa o in una relazione precedente, più che di proiezione è non aver risolto un trauma subito:
    senso di non sicurezza in se stessi e nella relazione,
    scarsa capacità di fidarsi del partner, (fai il test della fiducia per verificarlo, se possibile!!!), più che di proiezione.
    Quindi un altro piano su cui lavorare, non trovi?

    Non hai pensato anche a "i segreti di famiglia?" ossia precedenti familiari, dove ci sono episodi di tradimento e improvvisamente,
    apparentemente senza alcuna motivazione, un soggetto inizia a temere situazioni del genere (?).
    Nel caso occorrerebbe fare un genogramma! Solo per verificare tale ipotesi.
    Poi io non sono Psicanalista, non ho approfondito le teorie freudiane, ma potrebbe trattarsi di un conflitto edipico irrisolto? Paura dell'abbandono?

    Più che al trasferimento sull'altro della propria voglia di tradire non accettata?

    Questa sarebbe -per rispondere alle tue domande- una proiezione inconscia, bisognerebbe indagare sui sentimenti del soggetto verso altri esterni alla coppia, inoltre
    interrogare il soggetto sui propri sentimenti nella coppia (si sente libero di essere se stesso? Ci sono cose che desidererebbe fare e pensa gli siano impedite
    a causa del fatto di avere un partner? E' una persona autonoma o dall apersonalità "dipendente"?)
    A volte la mancanza di assertività e autoaffermazione comporta imputare all'altro tutta una serie di mancanze etc.
    Quando invece ciò che manca è fiducia in sè, capacità di definire e comunicare all'altro i propri desideri.

    Se così fosse è meglio parlare di gelosia reattiva o proiettiva?


    Se l'infedeltà è subita realmente, sarà gelosia reattiva (alla situazione), se invece nasce da un desiderio inconscio di tradimento sarà proiettiva.
    (però,magari, è stato agito e non viene detto? Altra macchinazione machiavellica? E a farla da padrone è un senso di colpa che non si è capaci di gestire?)


    Bhe in ogni caso buon lavoro se è una coppia che stai seguendo o una persona che soffre di gelosia
    oppure una persona che ha intuito un tradimento e non ha prove per dimostrarlo (purtroppo capita anche questo).
    Ultima modifica di claudia1976 : 17-08-2010 alle ore 12.32.37
    "Nessuno teme l'Inquisizione spagnola" (tratto da "Sliding doors")

Privacy Policy