• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    01-05-2005
    Messaggi
    229

    psichiatria, pareri, esperienze personali

    Salve a tutti, (mi scuso se ho eventualmente sbagliato sezione del forum) avrei bisogno di pareri e consigli visto che sono totalmente confusa e in alto mare.
    Cercherò di essere breve il più possibile e di fare un quadro della situazione SPERO abbastanza chiaro.
    Il mio ragazzo a giugno ha subito un TSO, in seguito ad una "crisi", un eccesso di rabbia dicono (non chiedetemi che tipo di crisi perchè i genitori non me lo hanno detto e sono stati molto vaghi) ed è stato chiuso in un cms per 1 mese, durante il quale lo hanno sedato di medicine, e una volta uscito lo hanno dato in mano ad una psichiatra di base la quale lo incontra ogni settimana, gli chiede come sta e se prende le medicine, ovvero risperdal (un antipsicotico) e tavor, + iniezione settimanale;
    gli ho suggerito di accompagnare questa terapia farmacologica ad una psicoterapia dal momento che il suo problema sta tutto nelle relazioni interpersonali, nei genitori (separati da quando era piccolo) e forte ambivalenza verso la madre, e il controllo della rabbia, insomma, roba che la psicoterapia dinamica saprebbe gestire benissimo, gli ho fornito anche dei nominativi ma lui su suggerimento della madre ha preferito chiedere nomi alla psichiatra la quale gli ha detto che le avrebbe fatto LEI psicoterapia, cosa che mi ha lasciato MOLTO perplessa, ed infatti alla prima seduta gli ha detto che lui è malato e che deve prendere farmaci a vita.

    Tutto ciò mi preoccupa,a me sembra che lo psichiatra preferisca non tanto effettivamente curarlo, ma agisce invece di tenerlo stabilmente attutito mediante farmaci. Vi sembra una cura questa? In più questa psichiatra ripete a pappagallo che deve prendere i farmaci, a lui e ai genitori, i quali ormai sono così convinti che questa sia la soluzione giusta che sono irremovibili, e se non va ad uno di questi controlli partono telefonate, e visite a casa, se chiede se potrà interrompere i farmaci gli viene risposto con la minaccia di un altro tso, a me sembra tutto pazzesco...

    i farmaci lo sedano, non riusciamo piu a fare l'amore, ha dei brutti effetti collaterali che sono stati rimediati con altre pasticche, lui non riesce più a provare sentimenti forti, non ama, non odia, non si arrabbia, e mi fa stare male. non si può secondo me affidare la propria vita a dei farmaci, senza attuare una trasformazione dentro di sè, come potrebbe fare una psicoterapia, magari lunga anche anni, ma sempre meglio di tutto questo, gli voglio bene, lo amo, e sto MALE a vedere tutto questo, a chi posso rivolgermi? come posso fare? dovrei parlare con i genitori? ho paura di farlo, perchè sono veramente convinti che la psichiatria risolva ogni male, e loro stessi prendono antidepressivi e ansiolitici da anni, e la loro convinzione è che il ragazzo abbia un difetto genetico, INCURABILE. Magari ci sta anche la predisposizione genetica, ma non mi sembra che sia incurabile tutto il resto.

    Vorrei chiedervi i vostri pareri, o esperienze personali, consigli (vi prego), vorrei solo che ne uscisse da questo circolo vizioso di farmaci a vita, di psichiatri terroristi psicologici e mi chiedo se mai può essere legale una cosa del genere, è uno scempio alla vita.


    vi lascio un articolo che spiega effettivamente la situazione: Lo psichiatra di base miope burocrate pauroso | Forum antipsichiatrico di "No!Pazzia!"

    grazie
    odio i brillantini

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    ciao
    chiariamo una cosa, lo psichiatra non fa terapia nè sostegno psicologico... o meglio, lo psichiatra può dare farmaci, può fare dei colloqui per non somministrare i farmaci a caso (e infatti la specializzazione in psichiatria prevede anche delle nozioni di psicologia), ma comunque il percorso di terapia è molto, molto, molto diverso

    detto ciò, mi spiace molto per la tua situazione e mi vengono alcuni pensieri

    prima cosa, non è detto che il dosaggio dei farmaci sarà sempre uguale... può darsi che in futuro glielo diminuiscano, comunque in genere c'è bisogno di un certo tempo per capire se la dose dei farmaci è giusta o meno e non è detto che col tempo il tuo ragazzo non migliori, soprattutto se la crisi che ha avuto non è qualcosa di ricorrente ma è stato un episodio sporadico... cerca di parlargli e di capire se lui vorrebbe fare anche un percorso di supporto psicologico/terapia in questo momento, prova tu a cercare un professionista e a proporglielo, magari facendogli vedere l'indirizzo in internet se c'è ecc ecc...magari è scettico all'inizio, poi ci va e l'aggancio funziona

    per i rapporti con lo psichiatra, io mettendomi nei tuoi panni, per come è fatto il mio carattere, pretenderei di saperne di più, e soprattutto di conoscerlo per capire come lavora... non se se tu sei una studentessa in psicologia, o una professionista che lavora nell'ambito, ma se lo sei hai anche degli strumenti in più che ti permettono di valutare la situazione... se non lo sei, sei comunque la sua fidanzata, hai il diritto di sapere che è successo al tuo ragazzo parla anche con i suoi genitori, chiedi spiegazioni

    ...e soprattutto, non sottovalutarti in questo tuo ruolo di supporto al tuo ragazzo è poco e sicuramente quando qualcuno che ci è caro sta male si vorrebbe fare di più, ma l'avere una persona che anche semplicemente lo accompagna a bere qualcosa ogni tanto è importante e lui certamente lo saprà

    in bocca al lupo
    Chiara
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di disappear
    Data registrazione
    14-01-2008
    Messaggi
    864

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da arwen Visualizza messaggio
    ciao
    chiariamo una cosa, lo psichiatra non fa terapia nè sostegno psicologico... o meglio, lo psichiatra può dare farmaci, può fare dei colloqui per non somministrare i farmaci a caso (e infatti la specializzazione in psichiatria prevede anche delle nozioni di psicologia), ma comunque il percorso di terapia è molto, molto, molto diverso

    Chiara
    ciao a tutte!
    intervengo non per dare un contributo diretto al post di miracleblade, ma per fare una precisazione rispetto a quanto scritto da arwen. in realtà la specializzazione in psichiatria può abilitare anche all'esercizio della psicoterapia, senza necessità di frequentare una scuola di specializzazione apposita. è sufficiente che nel corso della specializzazione in psichiatria si sostengano alcuni specifici esami.
    detto questo, è ovvio che dall'avere il titolo, al saper attuare una psicoterapia valida ed efficace, senza aver effettuato una formazione ad hoc, ce ne passa...
    in bocca al lupo miracleblade
    Ultima modifica di disappear : 31-07-2010 alle ore 17.24.12
    "Because Destiny, John, is a fickle bitch" (Benjamin Linus)

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da disappear Visualizza messaggio
    ciao a tutte!
    intervengo non per dare un contributo diretto al post di miracleblade, ma per fare una precisazione rispetto a quanto scritto da arwen. in realtà la specializzazione in psichiatria può abilitare anche all'esercizio della psicoterapia, senza necessità di frequentare una scuola di specializzazione apposita. è sufficiente che nel corso della specializzazione in psichiatria si sostengano alcuni specifici esami.
    detto questo, è ovvio che dall'avere il titolo, al saper attuare una psicoterapia valida ed efficace, senza aver effettuato una formazione ad hoc, ce ne passa...
    in bocca al lupo miracleblade
    cavolo vero... non sapevo di questa cosa, io sapevo che possono fare psicoterapia se avevano preso la specializzazione ad hoc (esempio, molti psichiatri sono anche psicoanalisti o con altre specializzazioni)
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di disappear
    Data registrazione
    14-01-2008
    Messaggi
    864

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da arwen Visualizza messaggio
    cavolo vero... non sapevo di questa cosa, io sapevo che possono fare psicoterapia se avevano preso la specializzazione ad hoc (esempio, molti psichiatri sono anche psicoanalisti o con altre specializzazioni)
    OT: è ovvio che poi sta alla, chiamiamola coscienza, del professionista frequentare una specializzazione ad hoc che gli dia le reali competenze per esercitare la psicoterapia. ma legalmente chi si specializza in psichiatria ha la possibilità di fare inserire il proprio nome negli elenchi (non parlo di albo perchè non esiste un albo di psicoterapeuti) degli psicoterapeuti.
    fine OT
    "Because Destiny, John, is a fickle bitch" (Benjamin Linus)

  6. #6
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    ho risposto in privato.

    Qui mi preme scrivere 2 cose:
    - la specializzazione in psichiatra per legge abilita a fare anche psicoterapia. Per la verità, la psicoterapia la può fare anche il medico dunque senza nessuna specializzazione!!! al tempo spesso essi possono accedere alle scuole di specializzazione in psicoterapia, che è dal mio punto di vista un controsenso grosso come una casa (cioè, non ha senso poter fare un'attività -la psicoterapia- e al tempo stesso poter accedere a specializzazioni per fare quella stessa attività). Gli psichiatri seri che vogliono fare psicoterapia, prendono anche una specializzazione in psicoterapia dopo quella in psichiatria; ce ne sono parecchi che fanno così, e sono (dal mio punto di vista) il massimo perché hanno una visione completa, cioè sia "biologica" che "psicologica".
    - Il secondo punto è che, pur non conoscendo nei dettagli il caso specifico e non potendo esprimere opinioni in merito, in generale se un paziente vuole intraprendere una psicoterapia con uno psicoterapeuta (quindi una figura diversa da colui che lo sta seguendo, che è psichiatra e non psicoterapeuta) e vuole scegliere a quale terapeuta rivolgersi è libero di farlo, anzi è un segno di autonomia notevole e andrebbe sviluppato e non strozzato.

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di disappear
    Data registrazione
    14-01-2008
    Messaggi
    864

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    Per la verità, la psicoterapia la può fare anche il medico dunque senza nessuna specializzazione!!!
    scusa johnny ma questa me la devi spiegare...
    "Because Destiny, John, is a fickle bitch" (Benjamin Linus)

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da disappear Visualizza messaggio
    ciao a tutte!
    intervengo non per dare un contributo diretto al post di miracleblade, ma per fare una precisazione rispetto a quanto scritto da arwen. in realtà la specializzazione in psichiatria può abilitare anche all'esercizio della psicoterapia, senza necessità di frequentare una scuola di specializzazione apposita. è sufficiente che nel corso della specializzazione in psichiatria si sostengano alcuni specifici esami.
    detto questo, è ovvio che dall'avere il titolo, al saper attuare una psicoterapia valida ed efficace, senza aver effettuato una formazione ad hoc, ce ne passa...
    in bocca al lupo miracleblade
    Mmmm... non essere esattevolmente così, diceva il brucaliffo.
    Questo è quello che dice la legge 56 del 1989 "Ordinamento della professione di Psicologo"

    Art. 3
    (Esercizio dell'attività psicoterapeutica)
    1. L'esercizio dell'attività psicoterapeutica è subordinato ad una specifica formazione professionale, da acquisirsi, dopo il conseguimento della laurea in psicologia o in medicina e chirurgia, mediante corsi di specializzazione almeno quadriennali che prevedano adeguata formazione e addestramento in psicoterapia, attivati ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, presso scuole di specializzazione universitaria o presso istituti a tal fine riconosciuti con le procedure di cui all'articolo 3 del citato decreto del Presidente della Repubblica.
    2. Agli psicoterapeuti non medici è vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica.
    3. Previo consenso del paziente, lo psicoterapeuta e il medico curante sono tenuti alla reciproca informazione.
    Almeno, questo è quello che so io se poi ci sono state delle modifiche non le ho trovate.
    Dunque MiracleBlade, se lo Psichiatra che sta seguendo il tuo fidanzato non è iscritto alla sezione Psicoterapeuti del suo ordine professionale, a me non risulta che possa fare Psicoterapia. La Psicoterapia è un percorso complesso che passa attraverso la parola e che in alcuni casi può essere aiutato dall'affiancamento di una terapia farmacologica, ma che non si ferma mai al solo farmaco.
    E' pieno diritto della persona in cura richiedere delle cosulenze diverse da quelle dello psichiatra di base.
    Detto questo sposto la discussione nella stanza di Psicoterapie che mi sembra più adatta. In bocca al lupo
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  9. #9
    Partecipante Figo L'avatar di disappear
    Data registrazione
    14-01-2008
    Messaggi
    864

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da Antopsi Visualizza messaggio
    Mmmm... non essere esattevolmente così, diceva il brucaliffo.
    Questo è quello che dice la legge 56 del 1989 "Ordinamento della professione di Psicologo"

    Citazione:
    Art. 3
    (Esercizio dell'attività psicoterapeutica)
    1. L'esercizio dell'attività psicoterapeutica è subordinato ad una specifica formazione professionale, da acquisirsi, dopo il conseguimento della laurea in psicologia o in medicina e chirurgia, mediante corsi di specializzazione almeno quadriennali che prevedano adeguata formazione e addestramento in psicoterapia, attivati ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, presso scuole di specializzazione universitaria o presso istituti a tal fine riconosciuti con le procedure di cui all'articolo 3 del citato decreto del Presidente della Repubblica.
    2. Agli psicoterapeuti non medici è vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica.
    3. Previo consenso del paziente, lo psicoterapeuta e il medico curante sono tenuti alla reciproca informazione.

    EDIT:questa sezione si rivolge chiaramente a psicologi e medici generici, non a medici specializzati in psichiatria. cercherò la legge di regolamentazione della professione medica, vediamo se c'è qualche articolo che disciplina lo svolgimento dell'attività psicoterapica per medici generici e con specializzazione in psichiatria.
    intanto linko una discussione un po' datata in cui si parlava proprio di questa cosa
    http://www.opsonline.it/forum/psicol...a-2-76644.html
    Ultima modifica di disappear : 31-07-2010 alle ore 22.42.11
    "Because Destiny, John, is a fickle bitch" (Benjamin Linus)

  10. #10
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da disappear Visualizza messaggio
    scusa johnny ma questa me la devi spiegare...
    E' sicuro che lo psichiatra "può fare" psicoterapia. Per quanto riguarda la possibilità anche da parte di un semplice medico le mie conoscenze a riguardo le ho apprese qui su questo forum in alcune discussioni inerenti l'argomento, quindi non ti so dire di più, anche se mi piacerebbe molto che questa informazione fosse sbagliata! Per approfondimenti rimando a queste discussioni (in genere si trovano nella stanza "la professione di psicologo" o "psicoterapie").

    qui ho trovato un altro forum che tratta questo tema

    Psichiatri: per fare psicoterapia necessitano di specializzazione? del 16/12/2007 | MEDICITALIA.it
    Ultima modifica di Johnny : 31-07-2010 alle ore 22.39.05

  11. #11
    Partecipante Figo L'avatar di disappear
    Data registrazione
    14-01-2008
    Messaggi
    864

    Riferimento: psichiatria, pareri, esperienze personali

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    E' sicuro che lo psichiatra "può fare" psicoterapia. Per quanto riguarda la possibilità anche da parte di un semplice medico le mie conoscenze a riguardo le ho apprese qui su questo forum in alcune discussioni inerenti l'argomento, quindi non ti so dire di più, anche se mi piacerebbe molto che questa informazione fosse sbagliata! Per approfondimenti rimando a queste discussioni (in genere si trovano nella stanza "la professione di psicologo" o "psicoterapie").

    qui ho trovato un altro forum che tratta questo tema

    Psichiatri: per fare psicoterapia necessitano di specializzazione? del 16/12/2007 | MEDICITALIA.it
    sullo psichiatra-automaticamente-psicoterapeuta non ho dubbi. è sul medico che mi sorgono, e anche seri...certo, se consideriamo che nel proprio studio, ognuno, medico generico o psicologo che sia, possa fare quello che vuole, quindi anche la psicoterapia, ok...ma altro conto è dire che il medico può fare psicoterapia...l'unica cosa che mi viene da pensare, e in cui spero fortemente, è che ci possano essere state incomprensioni o da parte di chi ha letto le discussioni cui fai riferimento, o da parte di chi ha scritto i post sul medico che può fare psicoterapia...
    "Because Destiny, John, is a fickle bitch" (Benjamin Linus)

Privacy Policy