• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

Discussione: Info Associazione

  1. #1
    Partecipante Figo L'avatar di cuore.83
    Data registrazione
    06-09-2006
    Residenza
    Pugliaaa!
    Messaggi
    771

    Info Associazione

    Ciao colleghi/e,

    vorrei un'informazione.

    Dove potrei rivolgermi per chiedere informazioni sulla fondazione di una associazione culturale e di psicologia no profit?
    Ma soprattutto quali sono le attività inerenti la psicologia che si possono organizzare? (vorrei sapere i limiti che hanno le associazioni in tal senso).

    Ringrazio chiunque voglia rispondere

    Mari.
    "Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei fiori, delle stelle...e passano accanto a se stesse senza meravigliarsi"


  2. #2
    Partecipante L'avatar di morrigan09
    Data registrazione
    16-08-2005
    Residenza
    padova
    Messaggi
    36

    Riferimento: Info Associazione

    ciao!!!

    io ed una mia amica siamo nella stessa tua situazione e non sappiamo che pesci pigliare. avremo già utenza e luogo ma non appiare come creare un'associazione, n internet ne ho trovate di tutte i colori. ti posto quello più chiaro:
    Tale forma associativa, comunemente definita “associazione professionale”, è costituita da due o più persone fisiche che si uniscono per esercitare:
    - professioni per le quali è richiesta l’iscrizione in albi o ordini professionali. Per esempio possono costituirsi associazioni di avvocati, commercialisti ecc.;

    DETERMINAZIONE DEL REDDITO E COMPENSI

    L’associazione tra professionisti è equiparata alla società semplice che svolge attività di lavoro autonomo; nella pratica, pertanto:

    - il reddito è determinato secondo le regole proprie del regime analitico del lavoro autonomo ma in modo complessivo in relazione all’associazione e deve essere dichiarato dalla stessa nell’apposita dichiarazione dei redditi. Non sono applicabili i regimi super semplificato e forfetario (praticamente il reddito è costituito dalla differenza tra il totale dei compensi percepiti in ogni loro forma e il totale delle spese sostenute per l’esercizio dell’attività – art. 50 Tuir);

    - il reddito così calcolato viene tassato in base all’art. 5 del Tuir sulla base del principio di trasparenza, in pratica non è l’associazione che paga l’imposta sul reddito, ma sono i singoli associati ai quali viene attribuito, secondo le regole esposte per le s.n.c., in proporzioneee della partecipazione agli utili definita dallo Statuto;

    - pertanto, i soci ai quali viene attribuito un eventuale reddito, elaborano il loro Mod. Unico Persone Fisiche, facendo confluire nel quadro dei redditi imponibili, la quota derivante dalla propria partecipazione. In tal modo, ogni socio potrà godere delle deduzioni/detrazioni previste dal legislatore fiscale per la propria situazione soggettiva e applicare la propria aliquota IRPEF. Con tutta probabilità, la somma delle imposte pagate singolarmente sarà inferiore all’imposta totale che dovrebbe pagare l’unico soggetto giuridico associazione, in quanto il legislatore fiscale prevede varie detrazioni/deduzioni per le persone fisiche;

    - a carico della associazione c’è l’IRAP (imposta regionale attività produttive - percentuale in base al fatturato);

    - a carico dell’associazione c’è l’IVA: trimestralmente l’associazione deve effettuare la liquidazione IVA, così, 4 volte all’anno più un acconto, antecedente alla quarta rata, si vedrà a dover effettuare la somma algebrica tra l’IVA credito, formata dalla sommatoria dell’IVA, sulle fatture ricevute e la sommatoria dell’IVA a debito, sulle fatture emesse.
    Nel caso in cui l’IVA a debito sia superiore all’IVA a credito, l’associazione deve versare tale differenza, nel caso opposto, in cui l’IVA a credito sia superiore all’IVA a debito, l’associazione iscriverà un credito in bilancio da poter utilizzare nei periodi successivi per computarlo nella suddetta somma algebrica.

    - le ritenute d’acconto sono delle somme calcolate in percentuale al compensi percepiti, distratte dal totale fatturato e versate all’erario per conto dell’emittente della fattura:

    a) la somma di tutte le ritenute d’acconto viene sottratta all’imposta da versare all’erario da parte di chi li ha subite.
    b) i compensi percepiti dall’associazione sono soggetti a ritenuta d’acconto se corrisposti da sostituti di imposta (titolari P.I.).

    Le ritenute d’acconto subite dall’associazione vengono attribuite agli associati, con lo stesso criterio previsto per la distribuzione degli utili, quindi, detraibili dall’ IRPEF personale.

    ora, il punto è: quanto mi scialaquerà l'Italia Ladra?

  3. #3
    Partecipante L'avatar di morrigan09
    Data registrazione
    16-08-2005
    Residenza
    padova
    Messaggi
    36

    Riferimento: Info Associazione

    ciao!!!

    io ed una mia amica siamo nella stessa tua situazione e non sappiamo che pesci pigliare. avremo già utenza e luogo ma non appiare come creare un'associazione, n internet ne ho trovate di tutte i colori. ti posto quello più chiaro:

    Tale forma associativa, comunemente definita “associazione professionale”, è costituita da due o più persone fisiche che si uniscono per esercitare:
    - professioni per le quali è richiesta l’iscrizione in albi o ordini professionali. Per esempio possono costituirsi associazioni di avvocati, commercialisti ecc.;

    DETERMINAZIONE DEL REDDITO E COMPENSI

    L’associazione tra professionisti è equiparata alla società semplice che svolge attività di lavoro autonomo; nella pratica, pertanto:

    - il reddito è determinato secondo le regole proprie del regime analitico del lavoro autonomo ma in modo complessivo in relazione all’associazione e deve essere dichiarato dalla stessa nell’apposita dichiarazione dei redditi. Non sono applicabili i regimi super semplificato e forfetario (praticamente il reddito è costituito dalla differenza tra il totale dei compensi percepiti in ogni loro forma e il totale delle spese sostenute per l’esercizio dell’attività – art. 50 Tuir);

    - il reddito così calcolato viene tassato in base all’art. 5 del Tuir sulla base del principio di trasparenza, in pratica non è l’associazione che paga l’imposta sul reddito, ma sono i singoli associati ai quali viene attribuito, secondo le regole esposte per le s.n.c., in proporzioneee della partecipazione agli utili definita dallo Statuto;

    - pertanto, i soci ai quali viene attribuito un eventuale reddito, elaborano il loro Mod. Unico Persone Fisiche, facendo confluire nel quadro dei redditi imponibili, la quota derivante dalla propria partecipazione. In tal modo, ogni socio potrà godere delle deduzioni/detrazioni previste dal legislatore fiscale per la propria situazione soggettiva e applicare la propria aliquota IRPEF. Con tutta probabilità, la somma delle imposte pagate singolarmente sarà inferiore all’imposta totale che dovrebbe pagare l’unico soggetto giuridico associazione, in quanto il legislatore fiscale prevede varie detrazioni/deduzioni per le persone fisiche;

    - a carico della associazione c’è l’IRAP (imposta regionale attività produttive - percentuale in base al fatturato);

    - a carico dell’associazione c’è l’IVA: trimestralmente l’associazione deve effettuare la liquidazione IVA, così, 4 volte all’anno più un acconto, antecedente alla quarta rata, si vedrà a dover effettuare la somma algebrica tra l’IVA credito, formata dalla sommatoria dell’IVA, sulle fatture ricevute e la sommatoria dell’IVA a debito, sulle fatture emesse.
    Nel caso in cui l’IVA a debito sia superiore all’IVA a credito, l’associazione deve versare tale differenza, nel caso opposto, in cui l’IVA a credito sia superiore all’IVA a debito, l’associazione iscriverà un credito in bilancio da poter utilizzare nei periodi successivi per computarlo nella suddetta somma algebrica.

    - le ritenute d’acconto sono delle somme calcolate in percentuale al compensi percepiti, distratte dal totale fatturato e versate all’erario per conto dell’emittente della fattura:

    a) la somma di tutte le ritenute d’acconto viene sottratta all’imposta da versare all’erario da parte di chi li ha subite.
    b) i compensi percepiti dall’associazione sono soggetti a ritenuta d’acconto se corrisposti da sostituti di imposta (titolari P.I.).

    Le ritenute d’acconto subite dall’associazione vengono attribuite agli associati, con lo stesso criterio previsto per la distribuzione degli utili, quindi, detraibili dall’ IRPEF personale.

    ora, il punto è: quanto mi scialaquerà l'Italia Ladra?

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di cuore.83
    Data registrazione
    06-09-2006
    Residenza
    Pugliaaa!
    Messaggi
    771

    Riferimento: Info Associazione

    wow...esauriente direi grazie x la risposta!

    ma quella di cui parli tu è una vera e propria società.

    io non intendo fondare una società, ma una semplice associazione (ad esempio a sostegno delle coppie, della genitorialità, degli adolescenti...organizzando corsi, seminari e manifestazioni varie a tema e che possano coinvolgere la cittadinanza).

    Ma qual è il limite che lo psicologo all'interno della sua associazione deve tenere presente per non fare errori (ad es. consulenza si può fare? si può chiedere un contributo ad esempio x i corsi o seminari, es.iscrizione corso? ecc ecc ecc)

    grazie ancora x l'interessamento ragazzi/e
    "Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei fiori, delle stelle...e passano accanto a se stesse senza meravigliarsi"


  5. #5
    Partecipante L'avatar di morrigan09
    Data registrazione
    16-08-2005
    Residenza
    padova
    Messaggi
    36

    Riferimento: Info Associazione

    ehi!!
    dunque... per prima cosa mi scuso che ho postato 2 volte la stessa cosa. poi, come ti dicevo mi sto informando su questo genere di cosa proprio ora che ti sto scrivendo. ed ho scoperto che: l'associazione di cui parli tu (credo sia associazione tra professionisti perchè da sola non puoi fondare nulla, puoi solo fare la libera professionista) è equivalente a leggi alla società semplice. una volta dati i nominativi (minimo 2) ed il nome, puoi fare quello che vuoi, seguendo ovviamente il codice deontologico. certo che puoi mettere seminari a pagamento e consulenza genitoriale!! ci mancherebbe!!! poi, ho trovato in rete questo ppt molto più chiaro di quello che ho taglia-incollato prima...

    ecco... è troppo pesante, comunque, digita su google stipulare associazione tra professionisti. dovrebbe essere l'ottavo risultato.
    prova a cercarlo, io intanto cerco un sistema di caricarlo nel forum

    hola!!!1

  6. #6
    Partecipante L'avatar di morrigan09
    Data registrazione
    16-08-2005
    Residenza
    padova
    Messaggi
    36

    Riferimento: Info Associazione

    ecco... forse ci sono....


    siiiiiiii...eccolo!!!
    Files allegati Files allegati

Privacy Policy