Il sogno, ci fa vivere o morire ?

Eric era il figlio di una nota studiosa di psicologia infantile. Lei ed il marito decisero di educare Eric nella “verità” cancellando tutto quanto di fantastico tradizionalmente popola il mondo dei bambini.
Il figlio dei loro vicini, invece, viveve in una famiglia in cui il fantastico, da Babbo Natale alle fiabe, era di casa. Finchè Eric manifesto alla mamma il desiderio di trasferirsi a casa del suo amichetto, dove tanto viva ere la fantasia ed il sogno. Colpita, la mamma gli cucinò una grande torta e gliela offrì condendola con un lungo racconto fantastico sul come e sul perché quella torta era arrivata a casa loro, facendo felice il piccolo Eric.

Morale: abbiamo bisogno di nutrirci anche di sogni, non solo di fette di torta.

Il mio alias, Giovanni Drogo, protagonista de “Il Deserto dei Tartari” sogna una gloriosa carriera militare, culminante con una fine eroica in battaglia. Passerà la vita nella vana attesa del nemico e della grande occasione da cogliere. Quando finalmente arriva lui è ormai vecchio e malato e muore in una squallida locanda lungo la strada che dal fronte lo dovrebbe riportare in città.

Morale: vivere troppo intensamente nel sogno ci fa sciupare la vita.

Cosa ne pensa il forum ?