• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1

    Xanax e disturbi del sonno..

    Ciao a tutti.. leggevo sul forum delle opinioni riguardanti lo Xanax e vorrei sottoporvi il mio problema a riguardo. Sto attraversando un momento un pochino difficile e vorrei rivolegermi ad uno specialista, ma data la delicatezza del problema mi piacerebbe sentire i vostri pareri in modo tale che possiate indirizzarmi sulla giusta via della guarigione...
    Ho appena compiuto 22 anni, premetto di essere un soggetto particolarmente ansioso, molto sensibile emotivamente e inoltre da circa 10 anni soffro di eritrofobia (connessa ad iperidrosi) che mi provoca degli attacchi di panico, problema per il quale avevo già intenzione di rivolgermi ad uno psicoterapeuta.
    In alcuni periodi del mio sviluppo (soprattutto intorno ai 14-15 anni) ho sofferto di insonnia, problema che poi è lentamente scomparso (credo, anche se non ne sono sicuro, grazie ad acquisizione di maggiore autostima e fiducia nei miei confronti) salvo ripresentarsi circa un mese fa. In una giornata di particolare stress dovuto allo studio, all'improvviso cambiamento di stagione avvenuto qui in Sardegna, col caldo arrivato in maniera repentina e improvvisa e alla solitudine di quei giorni (i miei coinquilini non erano in casa per 3 giorni e così sono rimasto completamente solo) ho fatto fatica ad addormentarmi, anzi ho passato l'intera nottata in bianco.
    Da quel momento ho iniziato a soffrire di un'ansia pesantissima durante tutto l'arco della giornata. Trovo piuttosto difficile "leggermi dentro" per comprendere quali siano le reali cause di quest'ansia, ma credo che ai vari problemi personali (una storia finita male e forse mai superata, l'ansia dovuta agli esami università e la lontananza degli amici) sia legata la più comune e stupida "paura di non dormire". Infatti spesso si innesca nella mia mente un circolo vizioso per il quale penso che senza il riposo non riuscirei a fare ciò che ho in programma durante la giornata (studio ecc..), questo mi genera ulteriore ansia e nervosismo che mi porta realmente a non chiudere occhio durante tutto l'arco della nottata. Ho sottoposto il problema dell'ansia al mio medico di famiglia, che non mi è stato assolutamente d'aiuto prescrivendomi una cura di ricostituenti e di vitamine. Così ho iniziato ad assumere valeriana (la dispert non mi fa assolutamente nessun effetto, mentre la chrono mi aiuta a rilassarmi quanto meno nelle ore diurne) e fiori di Bach. Questi ultimi mi hanno un pochino aiutato a ritrovare ottimismo e fiducia in me stesso, ma non sono stati sufficienti a placare il problema dell'ansia notturna.
    Così in preda alla disperazione dopo aver passato più di 48 ore senza letteralmente chiudere occhio, ho iniziato ad assumere lo Xanax senza consultare il mio medico, perchè non me l'avrebbe mai prescritto.. Ma vi assicuro che ero veramente giunto allo stremo delle forze.
    Con lo Xanax la situazione è migliorata, ora riesco a riposare.. ma il suo effetto mi provoca un sonno particolarmente profondo, a causa del quale la mattina riesco difficilmente a sentire la sveglia e ad alzarmi all'orario prestabilito.. inoltre la sensazione di sonnolenza permane per gran parte della mattinata. Ma nonostante ora riesca a riposare meglio, la sensazione di dover dipendere da questo medicinale per poter dormire la notte non mi fa stare sereno...
    Ora mi rivolgo a voi: cosa posso fare per uscire da questa situazione?? A chi mi debbo rivolgere?? Ma soprattutto.. posso venirne fuori e tornare sereno come un tempo??
    Vi ringrazio anticipatamente...

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di qualcosadiblu
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    133

    Riferimento: Xanax e disturbi del sonno..

    ti ho mandato un messaggio in pvt...



    Dr.ssa Francesca Orlando
    Psicologa Psicoterapeuta

Privacy Policy