• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di valeriapsico
    Data registrazione
    03-02-2010
    Residenza
    PIACENZA
    Messaggi
    199

    Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    Ciao a tutti. Sul forum di PATOS ho trovato un post di una studentessa, Stella Pastorin, che riporta l' intervento di un assistente del Prof. Fogassi veramente bello, interessante e a parer mio motivante. Per questo ho deciso di condividerlo con voi e...Grazie Prof.


    Beh.. non dovrebbe essere diverso da quello necessario per altre materie. Certo il programma è probabilmente molto più vasto e ha una grossa parte mnemonica (anatomia) che, oltre a dover essere memorizzata, va poi anche capita (fisiologia).. purtroppo la fisiologia non la si può "imparare".. troppa roba, impossibile: occorre capirla, crearsi un'idea su come funzionano i pezzi tra loro.
    Forse data la mole dell'esame il problema più grosso, se non ce ne sono altri più di base (ma che allora dovrebbero interessare anche altri esami), resta quello "motivazionale". Di fronte al Kandel molti si demoralizzano pensando all'inutilità della fatica cui stanno, gioco-forza, per sottoporsi: a cosa serve poi tutto questo per uno psicologo?
    Il mio tentativo è di rispondere a questa domanda giorno dopo giorno in tutto il corso, ma certo non posso pretendere di convincere tutti nè di farlo qui in poche righe. Ho un solo suggerimento.. Perchè non provare, soprattutto se si ha già un'idea della disciplina perchè si è tentato l'esame già una volta o due (inutilmente..), di partire da qualcosa di interessante?
    Non so.. disturbi depressivi, disturbi d'ansia, paralisi cerebrali infantili, idrocefalo, droghe.. argomenti di potenziale interesse per uno psicologo non dovrebbero mancare, e sinceramente non me ne viene in mente nessuno per cui non esista ormai un grosso capitolo delle neuroscienze ad esso dedicato.
    Vi accorgerete che per cercare di capire come funziona il sistema che genera o sostiene il problema di vostro interesse, dovrete scendere sempre più nel dettaglio.. è indispensabile per capire, altrimenti si hanno solo nozioni tipo "ricetta della spesa" che di fatto non spiegano, ma giustificano la quattro conoscenze di cui si dispone. Partire da un problema "Interessante" per chi studia può essere un buon sistema per affrontare la materia non in modo gerarchico, dal "semplice" (lo so che semplice e neuro nella stessa frase stridono ..) al complesso (tanto se si arriva a questo punto significa che si è già tentato questo approccio, e non è andata bene.. ), ma cercando di stimolare il proprio interesse. Addentrandosi nei "dettagli" per capire meglio il punto da cui si è partiti.
    Faccio un esempio: partiamo dalle droghe o dagli psicofarmaci. I loro effetti dipendono dal modo in cui competono con i recettori per i neurotrasmettitori endogeni. Cerchiamo allora di studiare in questo senso due o tre cose fondamentali sui recettori e i neurotrasmettitori, che ci mettano in condizione di capire come agiscono droghe e farmaci. Poi prendiamo il programma, e vediamo cos'altro serve per la parte "neurotrasmettitori e recettori": studiare le amine biogene e il GABA è un ottimo punto di partenza per vedere come funzionano gli antidepressivi e gli ansiolitici. E così si è portato a casa qualcosa di utile e interessante, e anche un modo agevole per ricordare sistemi che capitano sempre sia allo scritto che all'orale. Dove sono i neuroni d'origine di questi sistemi? Nel famigerato tronco dell'encefalo.. che adesso potrebbe non essere così inutile cercare di capire come funziona visto che è sede di sistemi di un certo interesse.. Se poi si fa una rapida ricerca autonoma su internet, si troverà che molte alterazioni a particolari nuclei del tronco sono spesso riscontrabili all'esame autoptico su pazienti con autismo, e che i sistemi dopaminergici sono alla base di interessanti ipotesi sull'origine neurobiologica della schizofrenia.. So che tutto questo non è in programma (che è già abbastanza vasto), ma potrebbe essere di enorme aiuto per ricordare meglio ciò che invece in programma c'è e va saputo. E da qui si può procedere nello stesso modo verso il neurone, per capire come nel dettaglio neurotrasmettitori/droghe/psicofarmaci influenzano l'attività neuronale (attività? cos'è l'attività neuronale? --> potenziale di membrana, potenziale d'azione..) e che relazione esiste tra l'attività neuronale e le sensazioni, i movimenti, gli stati emozionali e motivazionali.
    I collegamenti ad argomenti interessanti per la psicologia sono praticamente infiniti, e non esiste parte del programma che non possa essere facilmente USATA per spiegare qualcosa di indiscutibile interesse per lo psicologo, clinico, dello sviluppo, sociale, sperimentale ecc.. Il mio consiglio è quello di investire sul cercare l'interesse che può avere la materia. E là dove la vostra creatività cede alle difficoltà dei contenuti d'esame, vi consiglio anche un'altro libro, in molte parti troppo semplice per essere sufficiente per l'esame (per questo non è e non è mai stato fino ad ora tra i libri consigliati), ma che è una miniera di informazioni e collegamenti interessantissimi tra psicologia e neuroscienze, quindi utilissimo quando la vostra fantasia non basta in questo senso, per facilitare lo studio degli argomenti più "ostici".
    Sperando di essere stato utile, inserisco il link al testo in questione qui sotto.
    Carrello - Elsevier ... hiave=Bear

    PS.: se avete difficoltà con l'anatomia il libro comprende anche un cd (specificate che lo volete se scegliete di prenderlo!) con diversi video molto carini, sia sull'anatomia del SNC che sulla fisiologia (potenziale di membrana, d'azione ecc..). Io li uso anche a lezione e trovo siano molto immediati e facili da ricordare.


    GOOD LUCK!!!

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di GossipGirl
    Data registrazione
    18-06-2009
    Residenza
    Parma :D
    Messaggi
    810

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    che bellissimo intervento hai fatto benissimo a postarlo qui!
    Non vale la pena avere la libertà
    se questo non implica avere la libertà di sbagliare.


    (Gandhi)




  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di GossipGirl
    Data registrazione
    18-06-2009
    Residenza
    Parma :D
    Messaggi
    810

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    però il libro non me lo dà qual'è il titolo?
    Non vale la pena avere la libertà
    se questo non implica avere la libertà di sbagliare.


    (Gandhi)




  4. #4
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    14-07-2008
    Messaggi
    139

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    grazieeeeeeeeeee!

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di valeriapsico
    Data registrazione
    03-02-2010
    Residenza
    PIACENZA
    Messaggi
    199

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    Indago...
    Ultima modifica di valeriapsico : 02-07-2010 alle ore 18.22.35

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di valeriapsico
    Data registrazione
    03-02-2010
    Residenza
    PIACENZA
    Messaggi
    199

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    Citazione Originalmente inviato da GossipGirl Visualizza messaggio
    però il libro non me lo dà qual'è il titolo?
    Questo è il libro:
    Autore: Bear M.F., Connors B.W., Paradiso M.A.
    Titolo: Neuroscienze

    Prezzo di copertina: € 96,00

    Edizione: III Ediz.

    Scusa...non avevo controllato il link......

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di GossipGirl
    Data registrazione
    18-06-2009
    Residenza
    Parma :D
    Messaggi
    810

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    Grazie mille wow che prezzo xD su neuro ci avevo speso tipo 500 euro o.o (Non chiedete il perchè -.- sto male io!)
    Non vale la pena avere la libertà
    se questo non implica avere la libertà di sbagliare.


    (Gandhi)




  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di valeriapsico
    Data registrazione
    03-02-2010
    Residenza
    PIACENZA
    Messaggi
    199

    Riferimento: Una motivazione per la difficile e bella neuroscienze

    Ti capisco anch'io per i libri ho sempre speso molto! Per ora ho preso il Kandel...ma so già che non mi basterà...mi verranno dubbi e scrupoli. Ho sentito parlare molto bene anche del Rizzolatti e per la verità anche questo che ho citato mi attira molto soprattutto per i forti legami con la nostra materia preferita...psicologia . Non mancherò poi di comprare in copisteria i vari esempi di domande d'esame e (provo a chiederlo anche qui) ho letto che esistono anche dei quiz, per ersercitarsi immagino...ma dove li posso trovare? Sto notando che Neuroscienze mi mette molta ansia...chissà quanto tempo mi "ruberà"...

Privacy Policy