• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Neuroscienze cognitive - Sartori

    Dato che non ho trovato alcun thread su questo insegnamento, lo apro io nella speranza di ricevere qualche info utile sull'esame, soprattutto sul tipo di domande che vengono proposte!
    Se qualche collega volesse contattarmi in pvt, sarei lieta di dare il mio indirizzo msn o contatto facebook!
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  2. #2

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Ciao, io l'esame l'ho fatto sul programma dell'anno scorso, quindi non so dirti con certezza se sia cambiato qualcosa. Comunque in genere si tratta di 6/8 domande aperte: di sicuro ce ne sono un paio sui metodi, che ti consiglio quindi di studiare bene, una su una ricerca a tua scelta in un determinato ambito(attenzione,percezione,etc..),due o tre sugli articoli dati a lezione.
    Spero di esserti stato utile
    In bocca al lupo!

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Grazie per la tua risposta, sei stata molto gentile!
    Il programma di quest'anno prevede il Neuroscienze Cognitive di Gazzaniga. Era lo stesso per te? ^_^
    Ma l'orale com'Ŕ stato?
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  4. #4

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Si anch'io ho studiato il Gazzaniga...per quanto riguarda l'orale Ŕ sempre tutto molto relativo con Sartori, per il 90% del tempo che sei seduta alla cattedra lui Ŕ preso dal suo telefonino o da tutt'altro, comunque in linea di massima ti fa due/tre domande: una sui metodi quasi sicuramente, poi chiede un esempio con un particolare paradigma sperimentale e una ricerca relativa ad uno dei capitoli studiati. Almeno questo Ŕ quello che ha chiesto a me e a qualche mio collega.
    Spero di esserti stato utile.
    A presto!
    Ciaooo

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Sei stata davvero molto molto molto gentile!
    Grazie!
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Chiedo AIUTO: materiale weblearn Sartori!!

    Faccio un appello a tutti i colleghi che hanno accesso al sito weblearn di Sartori: il sito non mi fa accedere al materiale didattico di Neuroscienze Cognitive anche se il mio account risulta essere attivo e funzionante per il materiale di Neuropsicologia Clinica!!! :help
    Ho inviato l'email alla Gnoato e ritentato la registrazione, ma la situazione la vedo nera ....
    Per questo chiedo a qualcuno di voi che abbia questo materiale o l'accesso al sito di inviarmelo cortesemente per email!!
    Vi prego, ho l'esame tra poco e ne ho un disperato bisogno!! !
    Il mio indirizzo email Ŕ: luanakk@gmail.com
    Ultima modifica di KK'WhiteFlowers : 02-06-2010 alle ore 14.02.34
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Riferimento: Chiedo AIUTO: materiale weblearn Sartori!!

    Problema risolto: mi scuso con i mods, ma era davvero una situazione tragica!!!
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Qualcuno mi pu˛ dare qualche info sull'esame fatto il 14?!!
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di KK'WhiteFlowers
    Data registrazione
    24-05-2006
    Residenza
    Padova - Enna
    Messaggi
    192

    Riferimento: NEUROSCIENZE COGNITIVE - Sartori

    Citazione Originalmente inviato da KK'WhiteFlowers Visualizza messaggio
    Qualcuno mi pu˛ dare qualche info sull'esame fatto il 14?!!
    Up
    Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li uný.
    E' bella una tale certezza ma l'incertezza Ŕ pi¨ bella.
    Non conoscendosi, credono che non sia mai successo nulla fra loro.
    Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi?
    Vorrei chiedere loro se non ricordano - una volta un faccia a faccia in qualche porta girevole?
    Uno "scusi" nella ressa? Un "ha sbagliato numero" nella cornetta? Ma conosco la risposta. No, non ricordano.
    Li stupirebbe molto sapere che giÓ da parecchio tempo il caso stava giocando con loro.
    Non ancora del tutto pronto a mutarsi per loro in destino, li avvicinava, li allontanava, gli tagliava la strada e soffocando una risata si scansava con un salto.
    Vi furono segni, segnali, che importa se indecifrabili.
    Forse tre anni fa o lo scorso martedý una fogliolina vol˛ via da una spalla a un'altra?
    Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
    ChissÓ, era forse la palla tra i cespugli dell'infanzia?
    Vi furono maniglie e campanelli su cui anzitempo un tocco si posava sopra un tocco.
    Valigie accostate nel deposito bagagli.
    Una notte forse, lo stesso sogno, subito confuso al risveglio.
    Ogni inizio infatti Ŕ solo un seguito e il libro degli eventi Ŕ sempre aperto a metÓ.
    {W. Szymborska}


    Pensavo di essere nato in una notte senza fine
    Fino a che tu non hai cominciato a Splendere....


Privacy Policy