• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di Elettra
    Data registrazione
    19-02-2002
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    228

    I dati del colloquio...

    Ciao a tutti!
    una domanda che forse sembrerà banale... ma non avendo mai condotto un colloquio clinico m'è venuto il dubbio... Voi come riportate i dati emersi a colloquio? La seduta, la registrate, vi appuntate alcune cose e poi le trascrivete, ricordate tutto a posteriori e lo scrivete dopo??!
    Dovrei condurre un colloquio fondamentalmente anamestico (x il tirocinio), ma poi dovrò portare tutto in supervisione, quindi devo riportare quanto detto con il paziente... e a quel colloquio dovrebbero seguirne altri...
    Grazie!
    Lavora come se non avessi bisogno dei soldi.
    Ama come se nessuno ti abbia mai fatto soffrire.
    Balla come se nessuno ti stesse guardando.
    Canta come se nessuno ti stesse sentendo.
    Vivi come se il Paradiso fosse sulla Terra.

    La mia pagina personale :sole:

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: I dati del colloquio...

    Ciao, non c'è un metodo universale nel raccogliere i dati del colloquio, ognuno si regola sulle sue caratteristiche e anche sul tipo di seduta che fa e dallo stato emotivo dell 'utente.

    Per quel che mi riguarda, quando faccio colloqui anamnestici, di ingresso, dove mi serve la precisione dei dati, mi appunto direttamente le cose importanti per poi al termine completare/ ampliare i concetti. Quando faccio sedute di psicoterapia evito di scrivere e lo faccio al termine della seduta.

    Ricordati che se registri le sedute devi chiedere l'autorizzazione e soprattutto devi avere l'accortezza poi di posizionare l'apparecchio in un punto che non dia fastidio all'utente e non lo distragga.

    Prova a sperimentare diverse tecniche per trovare la tua, in bocca al lupo per il primo colloquio.
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

Privacy Policy