• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

Discussione: parapsicologia

  1. #1
    Johnny
    Ospite non registrato

    parapsicologia

    spesso nei documentari che parlano di vari argomenti, mi capita di vedere gente che si definisce "parapsicologo". Compare il nome e cognome nella didascalia, con scritto "parapsicologo". Spesso questi documentari sono americani, e quindi credevo che magari in America potesse esistere qualcosa del genere. Invece ultimamamente ho visto anche "parapsicologi" italiani.
    So che in psicologia sono stati studiati i cosiddetti "fenomeni psi" con gli esperimenti "ganzfeld", in particolare in passato c'è stata una diatriba tra lo psicologo cognitivista Ray Hyman e un'altra figura, di cui adesso non ricordo il nome, e alla fine si stabilì che i fenomeni psi non esistono o comunque esiste il "problema del cassetto" che ne mette fortemente in dubbio l'esistenza.

    Però si tratta di esperimenti nell'ambito della Psicologia (perché viene utilizzato il metodo sperimentale). Quindi mi chiedo, e giro la domanda a voi: esiste la parapsicologia? cioè, è un ramo della psicologia? il parapsicologo è uno psicologo? o non ha nulla a che fare?
    Ultima modifica di Johnny : 24-04-2010 alle ore 14.32.42

  2. #2
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    27-01-2009
    Messaggi
    356

    Riferimento: parapsicologia

    Ricordo di aver visto un volantino di un "mago" che si definiva parapsicologo.

  3. #3
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281

    Riferimento: parapsicologia

    Secondo me:

    a) sì, esiste
    b) no, non è un ramo della psicologia
    c) potrebbe anche essere, ma avrei dei dubbi sulla sua sanità mentale
    d) non ha comunque nulla a che fare, indipendentemente da quel che si vuole credere (o che si fa credere ai clienti...)

    Secondo me, ovvio.

    Buona vita
    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di luigi '84
    Data registrazione
    25-03-2008
    Residenza
    Lecce
    Messaggi
    1,011

    Riferimento: parapsicologia

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    spesso nei documentari che parlano di vari argomenti, mi capita di vedere gente che si definisce "parapsicologo". Compare il nome e cognome nella didascalia, con scritto "parapsicologo". Spesso questi documentari sono americani, e quindi credevo che magari in America potesse esistere qualcosa del genere. Invece ultimamamente ho visto anche "parapsicologi" italiani.
    So che in psicologia sono stati studiati i cosiddetti "fenomeni psi" con gli esperimenti "ganzfeld", in particolare in passato c'è stata una diatriba tra lo psicologo cognitivista Ray Hyman e un'altra figura, di cui adesso non ricordo il nome, e alla fine si stabilì che i fenomeni psi non esistono o comunque esiste il "problema del cassetto" che ne mette fortemente in dubbio l'esistenza.

    Però si tratta di esperimenti nell'ambito della Psicologia (perché viene utilizzato il metodo sperimentale). Quindi mi chiedo, e giro la domanda a voi: esiste la parapsicologia? cioè, è un ramo della psicologia? il parapsicologo è uno psicologo? o non ha nulla a che fare?
    Io sono sempre stato attratto dalle discussioni parapsicologiche. E' un ambito di confine, senza dubbio, tra il classico 'conosciuto' e 'sconosciuto'. Forse la mia riflessione non centra una mazza...ma ce provo!
    A mio parere vale una riflessione che, seguendo il metodo genealogico, si applica a molti ambiti del sapere: cioè, ''come'' e ''perchè'' nasce un problema (e non quindi ''che cos'è'')? Nasce, a mio parere, e stando attenti a non fare facili distinzioni di squadra, proprio nel bel mezzo della discussione ''sperimentale'' sulla psiche (il problema della 'parapsicologia' appunto). Mi spiego: se continuiamo a considerare in senso 'confermativo' e 'normativo' l'indagine sperimentale (e non in senso euristico) è chiaro che, stante l'essenza di alcuni fenomeni specifici, prima o poi il metodo sperimentale mostrerà cedimenti. La distinzione tra 'regioni ontologiche' indagabili con 'sguardi' e dunque 'metodi' diversi è essenziale nella riflessione epistemologica contemporanea: sembra ormai chiaro che, forzature a parte, la ''psiche'' rappresenti un oggetto dalle proprietà solo in parte esplicabili tramite il metodo sperimentale: è un problema di proprietà fenomenologiche. Non vorremmo tornare ai tempi dei dominatori baconiani! Ma è questo che succede, a mio parere: un fenomeno 'parapsicologico' viene definito tale proprio a partire dall'anticipazione metodologica (limitata quindi) tipica del processo sperimentale (cioè non dalle proprietà dell'oggetto ma da ciò che il mio sguardo riesce a cogliere con una ''anticipazione metodologica''); i parapsicologi, in sostanza, sono degli sperimentalisti più accaniti dei loro più fortunati detrattori! Salvo poi il fatto che restano irrimediabilmente irretiti nelle maglie di un discorso (sperimentale appunto) che non riesce a cogliere, nella sua ricchezza fenomenologica, il fenomeno. A questo punto non resta che applicare una 'distorsione' allo 'sguardo', un circolo vizioso che pressappoco suona così:

    ''applico il metodo sperimentale, perchè è l'unico (!), ma non riesco a spiegarmi la ricchezza fenomenologica di ciò che osservo; dunque, pur rimanendo nel metodo (perchè penso sia l'unico accipicchia!), affermo che quel metodo non funziona più (!), e inferisco una classe di fenomeni inspiegabile 'in assoluto'; la conseguenza è la nascita di una pseudo-disciplina sperimentale (che nega e afferma al tempo stesso il metodo!) che tratta problemi irrisolvibili e autoalimenta due desideri contrapposti: necessità di permanere in una spiegazione sperimentale e necessità di invalidarla.

    In termini psicoanalitici mi sembra quasi un movimento ossessivo: un desiderio coatto e continuo di uccidere e, ad un tempo, resuscitatre il padre, una legge...

    Saluti,
    Luigi

    ps. Mi riferisco ovviamente non ai maghi ma a tutto il dibattito, appassionante talvolta, che chiamiamo appunto parapsicologia.

  5. #5
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: parapsicologia

    la definizione che ne dà wikipedia secondo voi è corretta? a mio avviso mette insieme esperimenti che fanno parte della psicologia (i ganzfield) e altre cose che con la psicologia non hanno nulla a che fare.

    La parapsicologia (più raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici [1] tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale [1], nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo[2]. I risultati delle ricerche ad oggi compiute dimostrebbero, secondo l'Associazione Parapsicologica (Parapsychological Association, Inc.), l'esistenza di talune forme di abilità psichiche paranormali [1].

    La comunità scientifica tuttavia non ritiene provata l'esistenza di fenomeni paranormali[3][4][5][6][7]. Oggetto di critica sono sia i metodi utilizzati negli studi, sia i risultati ottenuti[3] [8]. In genere scienziati e accademici considerano la parapsicologia una pseudoscienza poiché nessuno, in più di un secolo di ricerche, ha ancora mostrato prove conclusive circa l'esistenza di abilità paranormali
    Ultima modifica di Johnny : 28-04-2010 alle ore 12.16.46

  6. #6
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    04-10-2008
    Messaggi
    189

    Riferimento: parapsicologia

    ora farò una domanda che sicuramente desterà l'ilarità di molti

    nel caso si volesse intraprendere la professione di parapsicologia o in ogni caso fare un corso al riguardo dove si dovrebbe rivolgere in teoria e a chi?mi riferisco a studi seri......

Privacy Policy