• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-08-2009
    Messaggi
    166
    Blog Entries
    4

    Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Ciao, volevo chiedervi una mano e un paio di consigli con un bambino che sto seguendo in questi mesi come educatore.

    E' un bambino di 11 anni che frequenta la prima media senza eccessive difficoltà, ha imparato abbastanza infretta le nuove regole della scuola, i tempi, il lavoro in classe e a casa. Nelle varie materie non ha eccessivi problemi, è autonomo anche se un po' svogliato, si stanca facilmente e non è capace di mantenere a lungo l'attenzione. Nonostante questo nella maggior parte delle materie è capace di prendere ottimi voti senza seguire un programma facilitato, a differenza di materie come l'italiano, dove invece ha gravi difficoltà.

    In classe però sta emergendo un problema, infatti se da alcuni studenti è stato accettato, anzi, lentamente hanno preso in carico le mie mansioni educative, aiutandolo nel seguire la lezione, preparare i libri e arginando alcuni comportamenti inappropriati (abbracciare le compagne, rincorrerle, urlare quando corretto etc etc) altri studenti proprio non lo possono vedere, si dimostrano insofferenti anche alla sua semplice presenza, protestano per il suo comportamento e per quelli che vedono come favoritismi nei suoi confronti.

    Effettivamente lui ha ancora profondi problemi relazioni, appare facilmente "antipatico", fa il maestrino, riprende i compagni, li corregge, li prende in giro quando prendono voti peggiori dei suoi, fa i dispetti e in generale si dimostra incapace di interessarsi agli altri bambini, ossia è possibile parlarci soltando interessandosi a lui e al suo mondo, se la relazione non è in questo modo lui se ne va tranquillamente mentre gli stai parlando.

    Se con lui sto riuscendo a lavorare alcune ore in settimana portandolo fuori dall'aula per insegnargli come interagire in modo più congeniale con i compagni tramite storie, fumetti etc etc che possano aiutarlo a comprendere le conseguenze delle sue azioni e come possa ottenere i suoi fini con comportamenti meno fastidiosi, ho invece un po' di dubbi su come intervenire nella classe (cosa che mi è stata richiesta dagli insegnanti).

    Io pensavo due cose, di far vedere un film sull'autismo, pensavo a BenX, consigli su film migliori sono ben accetti, e poi discuterne in classe tramite alcune domande iniziali che permettano di indagare i motivi di questa antipatia verso il bambino. Ma non so se questo intervento sia da fare con la presenza o meno del bambino che seguo, infatti trovo che non sia giusto parlare di lui in sua assenza e non vorrei che la discussione si trasformasse in un processo ai suoi comportamenti. Ma non so neanche che conseguenze potrebbe avere l'includerlo nella discussione.

    Se no pensavo di proporre un libro da leggere a casa che possa aiutarli a nutrire una maggiore curiosità verso questo bambino, ma anche in questo caso temo che si interesserebbero di più i compagni che già hanno un rapporto discreto con lui, senza sfiorare quelli che invece lo vedono in cattiva luce.

    Consigli? Suggerimenti?

    Grazie

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324

    Riferimento: Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Citazione Originalmente inviato da Amedeo!!?? Visualizza messaggio
    Effettivamente lui ha ancora profondi problemi relazioni, appare facilmente "antipatico", fa il maestrino, riprende i compagni, li corregge, li prende in giro quando prendono voti peggiori dei suoi, fa i dispetti e in generale si dimostra incapace di interessarsi agli altri bambini, ossia è possibile parlarci soltando interessandosi a lui e al suo mondo, se la relazione non è in questo modo lui se ne va tranquillamente mentre gli stai parlando.

    Io pensavo due cose, di far vedere un film sull'autismo, pensavo a BenX, consigli su film migliori sono ben accetti, e poi discuterne in classe tramite alcune domande iniziali che permettano di indagare i motivi di questa antipatia verso il bambino. Ma non so se questo intervento sia da fare con la presenza o meno del bambino che seguo, infatti trovo che non sia giusto parlare di lui in sua assenza e non vorrei che la discussione si trasformasse in un processo ai suoi comportamenti. Ma non so neanche che conseguenze potrebbe avere l'includerlo nella discussione.

    Se no pensavo di proporre un libro da leggere a casa che possa aiutarli a nutrire una maggiore curiosità verso questo bambino, ma anche in questo caso temo che si interesserebbero di più i compagni che già hanno un rapporto discreto con lui, senza sfiorare quelli che invece lo vedono in cattiva luce.

    Consigli? Suggerimenti?

    Grazie
    Secondo me potresti per prima cosa lavorare su di lui, trovando modi alternativi di entrare in relazione...spiegagli che certi suoi comportamenti non fanno certo piacere.Puoi anche insegnarli a parlare con un piccolo gruppo di un argomento.
    Io parlerei (senza far vedere film che di solito sono lontani dalla realtà) ai compagni senza lui presente, i compagni sarebbero così liberi di fare tutte le domande che vogliono senza che per forza diventi un processo nei suoi confronti.
    Ultima modifica di LePleiadi : 22-04-2010 alle ore 15.43.03

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-08-2009
    Messaggi
    166
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Grazie sei la decima persona che mi scarta il film, a questo punto non lo metterò... Ma quindi per te non è un problema se il bimbo non è presente? Dici di evitare anche un testo di narrativa?

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324

    Riferimento: Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Citazione Originalmente inviato da Amedeo!!?? Visualizza messaggio
    Grazie sei la decima persona che mi scarta il film, a questo punto non lo metterò... Ma quindi per te non è un problema se il bimbo non è presente? Dici di evitare anche un testo di narrativa?
    Si lo scarterei.
    Io spiegherei in parole semplici cos'è la sindrome di Asperger e li lascerei liberi di chiedere.
    Io preferirei non avere il bimbo presente così tu sei libero di risp.alle domande dei compagni e loro sono liberi di chiedere.

  5. #5
    Partecipante
    Data registrazione
    23-10-2008
    Messaggi
    44

    Riferimento: Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Si, sono d'accordo. Anche io sono per la discussione in assenza del bambino. L'intenzione non è quella di fargli un processo (in tal caso tu saresti pronto a moderare l'incontro), ma di capire quali sono le difficoltà dei compagni. Partirei proprio da loro, per comprendere cosa pensano del loro compagno, che idea si sono fatti riguardo ad alcuni suoi comportamenti e come si sentono. Magari lo allontanano perchè sono spaventati o perchè non capiscono, oppure perchè non sanno come fare..
    Non è detto che tu debba rispondere subito a tutte le domande, secondo me un momento iniziale dedicato all'ascolto può essere sufficiente.
    Poi ovviamente dovrai lavorare anche sul bambino, ma avendo in mente quali sono le difficoltà dei compagni sarà sicuramente un intervento più mirato.

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324

    Riferimento: Integrazione a scuola di un bambino con sindrome di aspenger

    Hai provato per il bimbo Asperger con una storia sociale?
    Di solito funzionano

Privacy Policy