• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8

Discussione: Ansia e stress

  1. #1

    Ansia e stress

    Ciao a tutti, vi scrivo perchè in questo periodo soffro di diversi disturbi e mi sto preoccupando , forse eccessivamente.
    Premetto che in questo periodo sono sotto stress , ho 21 anni e cerco lavoro da diversi mesi(ottobre 2009) e non riesco a trovarlo(in teoria l'avrei trovato solo che non so quando inizio e per ora è tutto bloccato) e questo mi ha stressato molto psicologicamente. Mi vengono in mente in questo periodo tutti i colloqui, l'ansia accumulata le aspettative e le varie delusioni.
    Inoltre in questo periodo visto che non lavoro sto in casa per lo più con mia madre che soffre di una forte depressione ormai da molti mesi(si sta curando ma è dura).
    Qualche mese fa ho iniziato ad avere disturbi urinari(avevo lo stimolo continuo di fare pipi) dopo aver fatto l'esame delle urine il medico disse che non c'era niente di anomalo e che secondo lui era l'ansia la causa del disturbo. All'inizio non ci feci molto caso e non ci pensai più.
    Un paio di settimane fa , dopo essere rincasato, mentre ero a tavola avevo una strana sensazione , pensavo che da un momento all'altro sarebbe accaduto qualcosa di spiacevole anche se non c'era motivo di pensare ciò, avevo anche tachicardia e una sensazione di irrequietezza.
    Il giorno seguente accusavo gli stessi sintomi e inoltre una strana sensazione di irrealtà che mi circondava(non so nemmeno io come definirla) e di oppressione al cuore da quel giorno ho iniziato a preoccuparmi per la mia salute, anche se i sintomi sparivano ci pensavo continuamente e mi sentivo angosciato.
    Una sera dopo aver passato il pomeriggio facendo sport ho iniziato ad avere forti tremori soprattutto alle gambe e forte tachicardia e in aggiunta avevo un po' di nausea. Durante la notte non ho dormito molto bene e al risveglio ero molto stanco.
    Nei giorni seguenti ogni tanto mi compare un po' di nausea(più che nausea sono conati, ma non ho mai vomitato) dopo i pasti e diarrea(abbastanza spesso).
    Continuo a pensare a cosa mi è venuto cercando anche i sintomi in internet per rassicurarmi che non sia niente di grave, non riesco più a rilassarmi e ad essere "spensierato" com'ero prima, per cercare di calmarmi vado avanti e indietro per la casa(ammetto che questo lo facevo ogni tanto anche prima).
    La causa scatenante secondo me è stato lo stress continuo e le energie che ho speso in questi mesi alla ricerca del lavoro ma sono molto confuso riguardo le cause.Per me il lavoro è tutto, occupa la maggior parte della nostra giornata e della nostra vita.
    In famiglia non abbiamo grossi problemi per quanto riguardi i soldi, ma questo grazie anche a mio padre che lavora molto nonostante non sia più giovanissimo. Mi piacerebbe aiutare la mia famiglia e non poterlo fare mi sta uccidendo, quando mi sveglio al mattino non so come riempire la mia giornata e sto male.Mi sento in colpa perchè non lavoro.
    Penso sempre a cose brutte, anche senza senso perchè non so più cosa pensare.
    Domani vado a parlare con il mio medico curante e in settimana spero di fare due chiacchere con uno psicologo per capire cosa c'è che non va, purtroppo non posso andare privatamente per via dei costi.
    Ho scritto su questo forum perchè mi siete sembrati più "umani" rispetto ad altri forum simili, ho già chiesto ad un psicologa su questo sito e la ringrazio per avermi risposto dopo poco tempo.

    Fabio

  2. #2
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    13-09-2009
    Residenza
    Ancona
    Messaggi
    61

    Riferimento: Ansia e stress

    Salve Fabio, certamente non è facile convivere con una mamma depressa ed occuparsi di scelte importanti di vita come quella di trovar un lavoro. Tutto ciò crea ansia e stress. Le tue reazioni fisiche potrebbero certamente esserne derivate, in ogni caso sicuramente il tuo medico potrà prescriverle alcuni accertamenti per escluder qualsiasi altra causa o concausa. Una volta fatto questo primo passo potrai con maggior serenità cercar un supporto psicologico (anche nel pubblico, magari presso un Consultorio Familiare) che ti aiuti a gestir i tuoi sintomi e le situazioni pesanti che ti trovi a dover vivere e gestire.
    Facci sapere come vanno le cose.
    Buona giornata.
    Dott.ssa Francesca Ciancio

  3. #3

    Riferimento: Ansia e stress

    Caro Fabio,

    se le analisi mediche escluderanno cause fisiche, come hai ipotizzato i sintomi riportati (disturbi urinari, tachicardia, irrequietezza, sensazione di irrealtà, nausea, conati, diarrea, tremori, disturbi del sonno...) potrebbero essere la manifestazione fisica di un malessere interiore quale una situazione stressante.

    Ad esempio dici: "mia madre soffre di una forte depressione" "cerco lavoro da mesi e non riesco a trovarlo" "per me il lavoro è tutto" "Mi piacerebbe aiutare la mia famiglia e non poterlo fare mi sta uccidendo, quando mi sveglio al mattino non so come riempire la mia giornata e sto male. Mi sento in colpa perchè non lavoro".

    Alla base potrebbe esservi una sofferenza che merita di essere accolta e condivisa per riscoprire le proprie risorse e farvi fronte.

    Cari saluti.

    Annalisa De Filippo
    Ordine Psicologi della Lombardia n° 12298
    Dott.ssa Annalisa De Filippo
    Psicologa
    www.centropianetapsicologia.com

  4. #4

    Riferimento: Ansia e stress

    Vi ringrazio per aver risposto, ho già chiesto di parlare con una psicologa presso un consultorio familiare, aspetto da una settimana la sua chiamata per fissare un colloquio...pensavo che almeno la prenotazione fosse immediata.

  5. #5

    Riferimento: Ansia e stress

    Citazione Originalmente inviato da kyle8888 Visualizza messaggio
    Ciao a tutti, vi scrivo perchè in questo periodo soffro di diversi disturbi e mi sto preoccupando , forse eccessivamente.
    Premetto che in questo periodo sono sotto stress , ho 21 anni e cerco lavoro da diversi mesi(ottobre 2009) e non riesco a trovarlo(in teoria l'avrei trovato solo che non so quando inizio e per ora è tutto bloccato) e questo mi ha stressato molto psicologicamente. Mi vengono in mente in questo periodo tutti i colloqui, l'ansia accumulata le aspettative e le varie delusioni.
    Inoltre in questo periodo visto che non lavoro sto in casa per lo più con mia madre che soffre di una forte depressione ormai da molti mesi(si sta curando ma è dura).
    Qualche mese fa ho iniziato ad avere disturbi urinari(avevo lo stimolo continuo di fare pipi) dopo aver fatto l'esame delle urine il medico disse che non c'era niente di anomalo e che secondo lui era l'ansia la causa del disturbo. All'inizio non ci feci molto caso e non ci pensai più.
    Un paio di settimane fa , dopo essere rincasato, mentre ero a tavola avevo una strana sensazione , pensavo che da un momento all'altro sarebbe accaduto qualcosa di spiacevole anche se non c'era motivo di pensare ciò, avevo anche tachicardia e una sensazione di irrequietezza.
    Il giorno seguente accusavo gli stessi sintomi e inoltre una strana sensazione di irrealtà che mi circondava(non so nemmeno io come definirla) e di oppressione al cuore da quel giorno ho iniziato a preoccuparmi per la mia salute, anche se i sintomi sparivano ci pensavo continuamente e mi sentivo angosciato.
    Una sera dopo aver passato il pomeriggio facendo sport ho iniziato ad avere forti tremori soprattutto alle gambe e forte tachicardia e in aggiunta avevo un po' di nausea. Durante la notte non ho dormito molto bene e al risveglio ero molto stanco.
    Nei giorni seguenti ogni tanto mi compare un po' di nausea(più che nausea sono conati, ma non ho mai vomitato) dopo i pasti e diarrea(abbastanza spesso).
    Continuo a pensare a cosa mi è venuto cercando anche i sintomi in internet per rassicurarmi che non sia niente di grave, non riesco più a rilassarmi e ad essere "spensierato" com'ero prima, per cercare di calmarmi vado avanti e indietro per la casa(ammetto che questo lo facevo ogni tanto anche prima).
    La causa scatenante secondo me è stato lo stress continuo e le energie che ho speso in questi mesi alla ricerca del lavoro ma sono molto confuso riguardo le cause.Per me il lavoro è tutto, occupa la maggior parte della nostra giornata e della nostra vita.
    In famiglia non abbiamo grossi problemi per quanto riguardi i soldi, ma questo grazie anche a mio padre che lavora molto nonostante non sia più giovanissimo. Mi piacerebbe aiutare la mia famiglia e non poterlo fare mi sta uccidendo, quando mi sveglio al mattino non so come riempire la mia giornata e sto male.Mi sento in colpa perchè non lavoro.
    Penso sempre a cose brutte, anche senza senso perchè non so più cosa pensare.
    Domani vado a parlare con il mio medico curante e in settimana spero di fare due chiacchere con uno psicologo per capire cosa c'è che non va, purtroppo non posso andare privatamente per via dei costi.
    Ho scritto su questo forum perchè mi siete sembrati più "umani" rispetto ad altri forum simili, ho già chiesto ad un psicologa su questo sito e la ringrazio per avermi risposto dopo poco tempo.

    Fabio

    Ciao Fabio,
    sono d'accordo con i colleghi che ti consigliano di fare accertamenti che escludano cause fisiche ai tuoi sintomi, innanzitutto.
    Ho letto il tuo post e mi sono arrivate le sensazioni che hai descritto come ansia e stress, immagino sia dura combattere quotidianamente con esse ma anche con i vari sintomi fisici.
    Scrivi che un lavoro lo hai "quasi" trovato, giusto? Mi pare, però, di capire che ciò non ti dia una minima tranquillità.
    Inoltre, ti senti "reduce" da un periodo in cui hai accumulato tanto, ti riferisci appunto alla ricerca del lavoro?
    Buona serata,
    Alessandra

  6. #6

    Riferimento: Ansia e stress

    Citazione Originalmente inviato da alessandra.4u Visualizza messaggio
    Ciao Fabio,
    sono d'accordo con i colleghi che ti consigliano di fare accertamenti che escludano cause fisiche ai tuoi sintomi, innanzitutto.
    Ho letto il tuo post e mi sono arrivate le sensazioni che hai descritto come ansia e stress, immagino sia dura combattere quotidianamente con esse ma anche con i vari sintomi fisici.
    Scrivi che un lavoro lo hai "quasi" trovato, giusto? Mi pare, però, di capire che ciò non ti dia una minima tranquillità.
    Inoltre, ti senti "reduce" da un periodo in cui hai accumulato tanto, ti riferisci appunto alla ricerca del lavoro?
    Buona serata,
    Alessandra
    Per quanto riguarda il lavoro non si sa se e quando parte il progetto , per ora ci sono solo parole , in pratica è come se non l'avessi trovato.
    Per quanto riguarda il periodo mi riferivo ai mesi che ho passato a cercare lavoro che ormai sono diventati tanti(quasi 6).

  7. #7

    Riferimento: Ansia e stress

    Citazione Originalmente inviato da kyle8888 Visualizza messaggio
    Per quanto riguarda il lavoro non si sa se e quando parte il progetto , per ora ci sono solo parole , in pratica è come se non l'avessi trovato.
    Per quanto riguarda il periodo mi riferivo ai mesi che ho passato a cercare lavoro che ormai sono diventati tanti(quasi 6).

    Ciao Fabio,
    certamente mesi di stress accumulato possono crearti dei disagi, non è da escludere neanche questo.
    Hai avuto l'incontro con lo psicologo? Come è andata?

  8. #8
    Partecipante Super Esperto L'avatar di trudinaa
    Data registrazione
    21-11-2007
    Messaggi
    640

    Riferimento: Ansia e stress

    Ciao, credo che tu abbia fatto la cosa migliore rivolgendoti al tuo medico e poi allo psicologo.. Certo che le attese in questo periodo ci sono dovunque ma intanto il tuo passo l'hai fatto, e ti auguro di ricevere al più presto la chiamata per un appuntamento! Buona fortuna!


Tags for this Thread

Privacy Policy