• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di saraebax
    Data registrazione
    12-05-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    108

    Figli uccisi: 113 casi in soli 4 anni!



    Il piccolo Alessandro, morto a Genova, è l’ultimo caso di bimbo ucciso in ambito familiare. Per il decesso del piccolo, sono stati infatti arrestati con l'accusa di omicidio volontario la madre del bambino, Katerina Mathas, disoccupata 26enne di origine greca, e il suo compagno, Gian Antonio Rasero, genovese 29enne, broker di un'agenzia di yacht. Ora la mamma piange disperata nella sua cella di isolamento in carcere: «Non ci posso credere che il mio cucciolo non ci sia più».
    Secondo gli inquirenti si è trattato di un raptus della follia dovuto all'uso di cocaina. Durante il lungo interrogatorio condotto dal pm e dal capo della sezione omicidi della Squadra Mobile di Genova, Katerina e il compagno avrebbero dichiarato di avere consumato cocaina la sera prima del decesso del piccolo, di essersi addormentati e di aver trovato il bambino ferito al loro risveglio. Avrebbero tentato di soccorrerlo, portandolo al pronto soccorso dell'ospedale Gaslini. I medici, insospettitisi immediatamente per le lesioni riscontrate sul corpo del bambino, incompatibili con una caduta (secondo quanto detto inizialmente dalla madre), hanno segnalato il decesso agli agenti di polizia all'interno dell'ospedale. Secondo quanto emerso, la donna era già stata segnalata in prefettura per l'assunzione di sostanze stupefacenti ma non era in carico ai servizi sociali del Comune e non era seguita dal Sert.

    Purtroppo non si tratta di un caso isolato.
    Secondo i dati diffusi dall’Eures, sono 113 i figli uccisi dai propri genitori tra il 2004 e il 2008, pari in media a 22,6 casi l’anno e circa due al mese (1,9).
    Nel 60% dei casi l’autore è il padre e nel 40% la madre. In 75 casi si è trattato di un singolo omicidio, mentre in 26 casi sono stati coinvolti in omicidi multipli.
    Nel quinquennio considerato il 2007 risulta essere l’anno più cruento, con 27 figli uccisi.
    Nei figlicidi sono prevalentemente i maschi ad essere uccisi dai genitori (66 casi, pari al 58,4%, contro 46 femmine, pari al 40,7%).

    Gli studiosi del fenomeno dividono i «figlicidi» in due categorie, secondo l’età della vittima.
    1. Il genitore che uccide il figlio adulto lo fa generalmente in presenza di un disturbo, fisico o psichico, della vittima. È il caso, ad esempio, del genitore che reagisce a un figlio tossicodipendente e violento o quello di chi, ormai anziano, si pone il problema di come potrà vivere il figlio non-autosufficiente. La morte in questo frangente è vista come l’unico modo per "liberare" la vittima, ed è spesso seguita dal suicidio.
    2. Il genitore che uccide il figlio piccolo: Qui il disturbo è dell’omicida. È un disagio psichico, spesso nascosto, che esplode in un raptus. Non a caso anche in Italia sono in aumento i «family mass murderer»: le stragi familiari, che avvengono anche in contesti inattesi. «Una famiglia assolutamente normale»: così parenti e amici dicono spesso, sorpresi, a commento di quel padre che ha ucciso moglie e figli.
    Fabio Piacenti, presidente dell’Eures, spiega che chi arriva a questi raptus vive in una continua situazione di “mascheramento”: immette tutte le sue energie per apparire “normale”; per assecondare aspettative, sociali e familiari, oggi sempre più pressanti. A un certo punto non ce la fa più: uccide, e si uccide.

    Ma il caso del piccolo Alessandro non rientra in questa casistica. Perché?
    Qui siamo nel campo di quella che Piacenti definisce "genitorialità a rischio": l’uso di droga, l’alcolismo, situazioni di particolare degrado economico e culturale pongono alcune persone nell’incapacità di affrontare il ruolo di genitori. Spostano il loro disagio interiore nel figlio: è lui che "porta" il disagio; è lui, alla fine, la vittima predestinata.

    Fonti:
    Corriere della Sera
    LASTAMPA.it
    EU.R.E.S. - Ricerche Economiche e Sociali
    Ultima modifica di saraebax : 23-03-2010 alle ore 18.58.52
    Sara Eba Di Vaio - Psicologa e Sessuologa
    Ordine Psicologi Lazio n° 9767

  2. #2

    Riferimento: Figli uccisi: 113 casi in soli 4 anni!

    Il tema trattato in questa news è uno di quelli particolarmente carichi emotivamente. Si sviluppa un forte senso di protezione per i “cuccioli”
     Sono azioni per le quali, non sembra mai sufficiente valida la spiegazione che viene data.
    Perché, a distanza di qualche settimana riattivo questo spazio?
    Perché la cronaca di oggi ci porta all’attenzione di nuovo un caso nel quale sfortunato protagonista è un neonato.

    Questa mattina,(6 Aprile 2010), a Bergamo, è stato ritrovato tra la spazzatura il corpicino di un neonato nudo, avvolto in una coperta.
    Rinvenuto nel parcheggio di una discoteca ad Arcene, il corpicino aveva ancora in cordone ombelicale attaccato. A fare la macabra scoperta è stato un operatore ecologico dell'azienda del Comune mentre si trovava a spazzare le strade nei pressi del locale Shiva.
    L'allarme è scattato intorno alle 10 di questa mattina quando l'operatore ecologico davanti al cancello della ditta 'Scaini Arredare' di via Matteotti, ha notato un fagottino ed avvicinatosi per rimuovere quel che credeva uno straccio vecchio, ha trovato il neonato, un maschietto di carnagione chiara, avvolto in una coperta e in sacchetto di plastica. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Treviglio e gli uomini della polizia locale.

    Adnkronos News

    Dott.ssa Chiara Iazzolino

  3. #3
    Partecipante L'avatar di marcoavenait
    Data registrazione
    05-01-2010
    Residenza
    torino e cuneo
    Messaggi
    57

    Riferimento: Figli uccisi: 113 casi in soli 4 anni!

    Riprendo il tema della "incapacità di affrontare il ruolo di genitori" con una domanda: chi doveva insegnare questo ruolo, o per lo meno fornire un esempio sufficientemente buono? Questi genitori-degeneri non sono forse figli anch'essi? La domanda che mi faccio è: che genere di genitori sono stati i nonni?
    I nonni dei genitori colpevoli non sono mai chiamati in causa, ma c'è l'evidente possibilità di un loro coinvolgimento da lontano, transgenerazionale, perchè il mandato del buon genitore si trasmette di padre in figlio, di madre in figlia. Cosa si è rotto in questa catena virtuosa?
    Azzardo una amplificazione tematica: e se questi casi singoli fossero il sintomo di una società che ha dimenticato sè stessa, i propri figli, il "senso della vita"?
    La qualità della vita si è persa da tempo, insieme ai sogni, all'etica, alle sfumature umanamente deboli che andavano difese.
    E allora dico, provocatoriamente, sentitamente, con le parole di una persona arrabbiata con la vita e frustrata dal futuro:
    "grazie papà, grazie mamma!
    Grazie a voi noi figli siamo stati deprivati della possibilità di respirare in un mondo libero. Vi siete venduti con la scusa che lo facevate per noi, per darci un giorno la sicurezza economica, ecc. E oggi che non c'è rimasto nulla, ve ne state seduti sulle vostre poltrone dei bottoni, accusandoci di non essere bravi come voi, perchè non riusciamo a sostenere i vostri ritmi di arricchimento!".

    Aggiungo io, un arricchimento dei padri pagato col futuro dei figli.

Privacy Policy