• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1

    segreti sotto il materasso...

    la cosa mi costa fatica, ma ho bisogno di sapere o quantomeno di capire...
    il fatto risale a 16 anni fa, avevo 11 anni ed ero a caccia dei fumetti che mia madre mi aveva nascosto.
    Arrivando al succo, sono finito a cercare sotto il materasso dei miei genitori. Dalla parte del letto in cui dorme mio padre, trovai dei vibratori e delle riviste pornografiche. La prima senzazione, non la ricordo distintamente, mi ricordo che mi ci volle parecchio per metabolizzare, di sicuro non fu positiva. Col procedere del tempo, quello divenne un luogo in cui soddisfare i pruriti adolescenziali, fino a che un giorno mentre ero accucciato a fianco al letto sfogliando una rivista, fui beccato da mio padre. Ero riuscito a nascondere tutto prima dell'ingresso in camera, ma la mia presenza a fianco al materasso era eloquente...lui però non disse nulla.
    Da allora, iniziai a fantasticare sessualmente su di lui; lo spiavo mentre andava in bagno o mentre si cambiava in camera. Il rapporto con lui da inesistente, a iniziato a sprofondare diventando sempre più conflittuale, ed ora la situazione non è migliorata. Sono tutt'ora alla ricerca di una figura paterna, o meglio, una l'ho trovata e la caccia è pressochè cessata, anche se il rapporto è strettamente virtuale.
    Nonostante le fantasie siano omosessuali, non ho mai avuto un rapporto di tale genere e dubito fortemente che mai l'avrò... Credo di aver fatto un quadro sufficentemente dettagliato, in caso contrario chiedete pure, ormai...
    La domanda principale, è se questa situazione sia la responsabile del rapporto deleterio tra me e questo uomo, di cui non mi sento figlio e se tutte queste fantasie e la ricerca di una figura paterna sostitutiva, con cui credevo di volerci fare sesso, sia solo lo spasmodico tentativo di ovviare a tali mancanze affettive (questa è la personale idea che mi sono fatto cercando di analizzare la situazione)...
    grazie

  2. #2

    Riferimento: segreti sotto il materasso...

    Caro Enrico,

    Dalla tua lettere emerge chiaramente il forte dispiacere per una lontananza affettiva e per un rapporto conflittuale che perdura ormai da molti anni con tuo padre.
    E tuttavia molto difficile rispondere ai tuoi dubbi circa il rapporto con lui, sarebbe necessario un lavoro di approfondimento circa le dinamiche e i vissuti emotivi che hanno accompagnato la tua adolescenza e che sono presenti ora nella tua vita.

    Gli interrogativi che emergono dalla tua lettera sembrano anche riguardare la sfera della sessualità e dell'affettività; sembra esserci dell' "inquietudine "rispetto ai proprio desideri e alla possibilità di soddisfarli.

    Ti consiglierei di rivolgerti ad un terapeuta della tua città per poter affontare con lui un viaggio che possa dare un significato alle tue domande ed ai tuoi vissuti ed accogliere le tue incertezze.

    In bocca al lupo
    Dr Alessandro Metalli











    Citazione Originalmente inviato da enrico82 Visualizza messaggio
    la cosa mi costa fatica, ma ho bisogno di sapere o quantomeno di capire...
    il fatto risale a 16 anni fa, avevo 11 anni ed ero a caccia dei fumetti che mia madre mi aveva nascosto.
    Arrivando al succo, sono finito a cercare sotto il materasso dei miei genitori. Dalla parte del letto in cui dorme mio padre, trovai dei vibratori e delle riviste pornografiche. La prima senzazione, non la ricordo distintamente, mi ricordo che mi ci volle parecchio per metabolizzare, di sicuro non fu positiva. Col procedere del tempo, quello divenne un luogo in cui soddisfare i pruriti adolescenziali, fino a che un giorno mentre ero accucciato a fianco al letto sfogliando una rivista, fui beccato da mio padre. Ero riuscito a nascondere tutto prima dell'ingresso in camera, ma la mia presenza a fianco al materasso era eloquente...lui però non disse nulla.
    Da allora, iniziai a fantasticare sessualmente su di lui; lo spiavo mentre andava in bagno o mentre si cambiava in camera. Il rapporto con lui da inesistente, a iniziato a sprofondare diventando sempre più conflittuale, ed ora la situazione non è migliorata. Sono tutt'ora alla ricerca di una figura paterna, o meglio, una l'ho trovata e la caccia è pressochè cessata, anche se il rapporto è strettamente virtuale.
    Nonostante le fantasie siano omosessuali, non ho mai avuto un rapporto di tale genere e dubito fortemente che mai l'avrò... Credo di aver fatto un quadro sufficentemente dettagliato, in caso contrario chiedete pure, ormai...
    La domanda principale, è se questa situazione sia la responsabile del rapporto deleterio tra me e questo uomo, di cui non mi sento figlio e se tutte queste fantasie e la ricerca di una figura paterna sostitutiva, con cui credevo di volerci fare sesso, sia solo lo spasmodico tentativo di ovviare a tali mancanze affettive (questa è la personale idea che mi sono fatto cercando di analizzare la situazione)...
    grazie

  3. #3
    Matricola
    Data registrazione
    06-07-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    18

    Riferimento: segreti sotto il materasso...

    Sarebbe possibile considerare ciò che racconta Enrico, il disvelamento di un segreto che risale alla prima adolescenza ed è stato portato avanti fino ad oggi. Segreto che, a causa del contenuto vissuto in maniera imbarazzante, sembra aver portato ad un'impossibilità di comunicazione tra Enrico e il padre e all'amplificazione di fantasie a carattere sessuale vissute forse in grande solitudine. il segreto inoltre diventa di due persone che "sanno" ma non possono sapere, non possono dire e non possono parlare tra loro di quanto visto. La distanza tra i due aumenta e con essa la rabbia di Enrico verso il padre che Enrico vorrebbe non considerare tale. Le letture possono essere diverse ma quello che mi sembra utile sottolineare è che qui Enrico inizia a porre domande e cercare risposte fuori di sè, alla ricerca di una relazione che possa ampliare i significati e portare a dare un senso più ampio alla sua storia e al suo futuro. Per quanto la tentazione di cercare risposte e soluzioni attraverso un forum sia tanta e comprensibile, mi affianco al Dr. Metalli sostenendo l'importanza di rivolgersi ad un terapeuta per poter esplorare la tua storia, affrontare la situazione conflittuale e il malessere che porta con sè attraverso una prospettiva nuova, e di crescita.

    Dott. Daniele Colombo Psicologo Milano, dott. Daniele Colombo - home page
    Ultima modifica di danidanieco : 23-05-2010 alle ore 16.20.50

Privacy Policy