• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2

Discussione: 8 Marzo

  1. #1

    8 Marzo

    Festa della donna: come è nata? Perchè si festeggia? Con il passare del tempo ha perso il suo significato iniziale?
    Ce ne parla la Dott.ssa Tramis nel suo articolo 8 Marzo. Festa della Donna?

    Cosa ne pensate?

    Un saluto

  2. #2

    Riferimento: 8 Marzo

    Grazie all’articolo della dr.ssa Tramis, possiamo cogliere l’occasione per riflettere sul valore della giornata dedicata alle donne.

    Mi aggancio a una frase particolarmente significativa dell’articolo: “Festa della Donna significa, o per lo meno dovrebbe, festa per le conquiste sociali della donna”.

    Invece l’8 marzo sembra essere diventato in questi tempi soltanto un’ulteriore occasione per consumare, compare, divertirsi nelle serate tra donne.

    La riflessione che mi viene da fare è: nella nostra epoca, stiamo beneficiando delle conquiste che molte donne prima di noi hanno strappato a caro prezzo, con sacrifici e scendendo in piazza, ma quanto le nuove generazioni sanno apprezzare quello che vivono come scontato?

    Adesso è scontato che le donne votino, è scontato che possano scegliere di divorziare o di interrompere una gravidanza, è scontato che possano usare la contraccezione ed è altrettanto scontato che possano lavorare.

    E allora? Abbiamo tutto? Non c’è più motivo di lottare? A quanto pare non è così. Non godiamo ancora di pari diritti con l’altro sesso. Prendiamo in considerazione il problema del lavoro: il tasso di occupazione femminile oggi è del 43,3% contro il 69,7% di quello maschile e questo fa pensare che ci sia ancora molto da conquistare e “rivendicare” in questo settore.

    E quello del lavoro è solo un esempio di “apparenti” pari diritti uomo-donna.

    Quali sono i valori in cui credono le nuove generazioni di donne?



    Pamela Serafini
    Ordine degli Psicologi del Lazio n. 14572

    Pamela Serafini

Privacy Policy