• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 1 di 1
  1. #1

    La ricerca della festa infinita

    modifica del 5/3 - ma questo forum non dovrebbe dare supporto, o almeno un confronto, a chi ha un problema? alla faccia della rapidità, eh!!!

    --------------------------------

    Ciao, ho intitolato così il post perchè sto vivendo in un modo che non amo e che mi porta anche a cacciarmi nei guai.

    Il punto è che non riesco a divertirmi in modo sano e "normale" (per quel che vuol dire), ma sembro sempre cercare di più, e purtroppo lo cerco scavando nel fango.
    Come quando ero bambino ed ero sempre l'ultimo a venire via dalle feste, non capivo perchè dovessero finire. Ma ormai un bambino non lo sono più, ho abbondantemente superato i 30. Ho un buon lavoro, ottimi amici, diversi interessi (nessuna passione vera però) e vengo considerato un tipo in gamba. Non ho una donna perchè non la voglio, al momento va bene così. Una vita a cui non manca nulla insomma, tra ovvi alti e bassi, soddisfazioni e insoddisfazioni piccole e grandi.

    Ieri è stata una serata folle. Dopo un film al cinema e una bella cena in casa con tanta gente e qualche conversazione intrigante (motivo dunque di soddisfazione!) si è chiacchierato e giocato al trivial, dopodichè tutti a casa. Erano le 2 passate. Io no, io volevo andare a ballare. L'ho proposto, ma nessuno ha accettato. Ci sono andato da solo. Già brillo, ho bevuto ancora. Uscito di lì, ormai le 4, sono andato in un after hour scoperto la settimana prima. Un posto squallido, frequentato dai trans e amici loro. Una nota sui trans: mi attirano, non sono mai stato con uno di loro ma ho più volte "sfiorato" l'incontro. Alle 7 sono uscito da questo postaccio, ormai ubriaco. Invece di andare a casa e pensare che i miei, persone anziane, potessero pure impensierirsi in caso avessero visto che non ero rientrato, ho fatto il trans tour, così per un ultimo sfizio.
    E stavolta un trans l'ho caricato, anche se solo per "accompagnarlo a casa".
    Non bello, puzzava pure parecchio. Io ormai fuori di me guidavo masturbandomi. Lui/lei ha accennato un rapporto orale. Roba da 10 secondi. Ho continuato a masturbarmi e dopo neanche due minuti ho eiaculato. Mi sono fermato perchè scendesse. Ha iniziato a parlare di "regalo per il distrubo" e ha fatto capire che voleva tutti i soldi che avevo per non fare casino. Ho capito che si metteva male e ho aperto la mia portiera per scendere ma mi ha afferrato per la camicia e trattenuto. Che fare a quel punto? Era chiaramente una disperata, magari pure fatta. Azzuffarmi con lei che magari aveva pure un coltello? No, quindi le ho dato i soldi. Combinazione avevo prelevato e 300 euro mi sono spariti in quel modo.
    Alle 7 e 30 rientravo a casa disperato. Mia madre chiama, crede che mi sia addormentato in casa degli amici, e confermo ovviamente questa ipotesi. Povera mamma, non sa chi ha in casa.
    Finita la telefonata, scoppio in un pianto disperato, intenso, continuando a chiedermi "perchè".
    Arrivo alle 8 a casa, andando a dormire distrutto.
    Settimana scorsa la notte era finita alle 7, stesso locale, tutto uguale senza la rapina.

    Ma perchè mi caccio in queste storiacce? Perchè non mi accontento delle serate come fanno gli altri? Cos'è questa smania di uscire, bere fino a stordirmi e frequentare posti squallidi? Se mi vedo da fuori, non vedo un disperato, vedo una persona socialmente ben inserita, e allora perchè? Se lo raccontassi agli amici non ci crederebbero. E se mi guardo intorno, nessuno di loro si comporta così. Voglio dire, teoricamente non posso saperlo ma sono pronto a scommetterci. E' pazzesco, non ho un giro parallelo a quello degli amici "a posto", queste cose le faccio da solo.
    Forse c'entra il sesso, come dicevo non ho una donna e non lo faccio da quasi un anno.
    Preciso che vado a periodi, non è sempre così. MA questo lato di me mi spaventa. C'è sempre stato, ma se in passato non era assecondato dagli amici tornavo a casa con un po' di amaro in bocca ma non ci pensavo più. Crescendo e perdendo le inibizioni ho cominciato a non badare agli amici e a finire le serate anche da solo, come vi ho raccontato. Ecco, io vivo le serate come se non ci fosse un domani, come se il mondo finisse lì e dovessimo tutti lasciarci le penne. Altra cosa, non mi controllo col bere. O meglio, ora conosco i miei limiti e non li supero ma se star male vuol dire bere 10 in una scala da 0 a 10, io bevo 8, mai una volta che non beva o beva 5.

    In senso lato, mi sembra di essere un po' schizofrenico. Ecco perchè ho scelto questo nick. Non sono quello che sembro, e forse nemmeno quello che vorrei essere. Il giorno dopo serate come ieri mi faccio schifo. Io, brillante e intelligente, in macchina a rischiare la mia incolumità fisica con un trans fuori di testa. Ma perchè, mi chiedo. Perchè.

    Grazie a chi vorrà darmi una mano.
    Ultima modifica di lato oscuro : 05-03-2010 alle ore 15.40.55

Privacy Policy