• facebook
  • google plus
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

adolescenti, violenze sessuali e filmati

Questa discussione si intitola adolescenti, violenze sessuali e filmati nella sezione Attualità e Cronaca, appartenente alla categoria La Dolce Vita 1.0; ciao a tutti! ultimamente ci sono state parecchie segnalazioni riguardo a violenze sessuali compiute da minori (di solito 16-17enni) di ...

  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Punti: 6,915, Livello: 1
    Livello completato: 99%, Punti richiesti per il prossimo livello: 0
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    7 days registered
    L'avatar di tishanisa
    Data registrazione
    16-06-2005
    Residenza
    formia
    Messaggi
    97
    Punti
    6,915
    Livello
    1

    adolescenti, violenze sessuali e filmati

    ciao a tutti! ultimamente ci sono state parecchie segnalazioni riguardo a violenze sessuali compiute da minori (di solito 16-17enni) di cui vittime sono state spesso ragazzine di 13-14 anni. una cosa che personalmente mi allarma (se possibile) ancora di più riguarda come, "grazie" alla tecnologia, questi fatti hanno iniziato ad essere accompagnati anche da risvolti ancora più umilianti per le vittime, come la diffusione dei filmati delle violenze tra i coetanei e su internet.
    non solo: il "genere" sta prendendo piede, estendendosi anche al di là delle violenze. capita che alcuni ragazzini spiino gli atti sessuali compiuti da qualche coetanea per poi diffondere queste immagini con conseguente diffamazione della minore.
    non più tardi di due settimane fa sono venuta a conoscenza di un caso simile nella mia provincia, non arrivato alle cronache, che mi ha ovviamente colpito molto. ora sento di altri casi simili avvenuti in diverse parti d'italia: considerato che escluderei la simulazione, visto che alcune di queste dinamiche andavano avanti da mesi, devo dedurre che gli adolescenti in questione abbiano avuto tutti la stessa brillante idea?

  2. #2
    Yezidism
    Ospite non registrato
    ciao, conosco molto profondamente la tua provincia essendoci anch'io residente, se mi dici quale caso hai sentito (quale scuola, quale comune) mi farebbe piacere. c'è da dire che questi episodi sovente si manifestano nelle scuole, fino a circa 20 minuti mi stavo occupando di queste cose in particolare in 2 scuole medie, ma proprio 20 minuti fà ho scritto una mail molto indignata al preside delle 2 scuole. Avevo iniziato un indagine sul bullismo somministrando circa 497 questionari in queste scuole per rilevare sia la frequenze delle propetenze sia la gravità delle stesse, ho passato 6 giorni ad analizzarli sovente fino all'una di notte per elaborarli al pc, non solo che non ho avuto nessuna collaborazione da parte dei docenti i quali spesso si rivolgevano a me dicendo: "non si rivela il bullismo su carta!" ma mi sono accorto che oltre a doverlo fare gratis neanche figurava il mio nome sul progetto! Allora mi chiedo, perchè dovrei fare questo intervento gratis per lo stato dato che sono disoccupato? gratis e senza riconoscimenti! Lo stato paga bidelli con la quinta elementare 1500 euro al mese per girarsi i pollici e pretende che psicologi supertitolati analizzino il bullismo gratis nelle scuole? Perchè lo stato non inserisce lo psicologo scolastico come c'è in tutti i paesi dell'unione europea? Oggi addirittura mi ha contattato un altro preside delle elementari per farmi fare lo stesso progetto gratis! Non capisco la sfacciataggine di queste persone che richiedono la professionalità gratis degli psicologi, se il bullismo è un problema reale è bene che chi usa professionalità per analizzarlo che venga pagato altrimenti se non vogliono pagare un euro perchè con i bulli non si rivolgono ai carabinieri che sono pagati dallo stato? morale della favola ho detto al preside che lunedì mi vedrà riconsegnarli i 497 questionari, perchè mia mamma mi ha detto che nel 2007 gratis non ti danno neanche le botte dato che devi meritartele anch'esse! La scuola si è fatta l'abitudine ad avere psicologia gratis da quello che ho capito, mentre paga i bidelli profumatamente, io non so come si sia fatta questa abitudine ma è bene secondo me stroncargliela dato che la psicologia è una disciplina seria è giusto che sia remunerata. Gli dicevo al preside che in toscana le scuole arrivano a pagare anche 150 000 euro per un monitoraggio di tre anni nelle scuole e gli ho chiesto spiegazioni sul perchè nelle scuole della provincia di latina la psicologia viene considerata beneficenza! gli ho ribadito che come lo stato non ha mai fatto beneficenza con me non vedo il motivo perchè io dovrei farne a lui, gli ho concluso la mail dicendo che se vuole professionalità nell'affrontare la tematica del bullismo è bene che la paga altrimenti quando individua bulli, bulle o vittime di bulli che si rivolgesse ai carabinieri! Cmq i risultati dei questionari che avevo elaborato ma che non glieli daro mai mettevano in luce non tanto aspetti di violenza fisica tipo schiaffi, furti, prese in giro, ma con mia sorpresa ho rilevato molte molestie sessuali sia di maschi che di femmine e come dicevi tu un gran uso di tecnologie per documentarli tipo delle ragazze dicevano nel test che durante la lezione molti ragazzi della stessa classe le inportunavano direttamente via sms, ma il dato strano era quello delle molte molestie sessuali perpetuate prevalentamente tra maschi, soprattutto negli spogliatoi della palestra. Quindi non era come dicevano le bigotte insegnanti che il test cartaceo nn rivela nulla anzi, vorrei sapere se loro sono a conoscenza delle molestie sessuali che si perpetuano negli spogliatoi... il problema è solo che quando lavori gratis nn solo svaluti la psicologia ma non vieni neanche apprezzato. Morale è che dobbiamo farci pagare non dobbiamo assolutamente regalare le perle ai porci come stavo facendo io, perchè così facendo svalutiamo solo noi stessi e la psicologia. Io sono dell'idea che ci vuole lo psicologo scolastico per legge, se lo stato non vuole inserire lo psicologo a scuola allora che si chiamassero pure i carabinieri per reprimere il bullismo.

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,728
    E' evidente che il problema-del-bullismo c'entri poco col fatto che Yedizism abbia ricevuto o meno un compenso per un lavoro che ha svolto, né tanto meno coi bidelli e col lavoro che fanno...

    Se ne sentono e se ne vedono tante in questi giorni, i tg e la stampa funzionano sempre allo stesso modo, e lo sappiamo, ma a volte mi domando a quali livelli di disattenzione siamo arrivati se tutti cadono dalle nuvole al rivelarsi di certe situazioni.
    Sarà che ho una sorella di 17 anni, ma questo modo di relazionarsi tra gli adolescenti non mi sembra una novità (ovviamente mia sorella, nel gregge, è la pecora nera altrimenti rischiava il mio linciaggio ). Purtroppo io sono molto scettica e poco disponibile al ragionamento riguardo tutto quello che accade ormai da anni tra i ragazzi: molto è dato all'arbitrio di ognuno e la STUPIDITA' dilaga. Il gregge da seguire acriticamente è sempre esistito, questo anche quando la mia generazione aveva 17 anni, oggi però i mezzi sono più accessibili e meno opinioni hai più la società ti premia e ti CHIEDE di testimoniare in ogni modo questa vuotezza di idee!
    Se l'unico valore è l'immagine, poco importa ciò che rappresenta, l'importante è che regali visibilità, l'importante è raggiungere la sovraesposizione...e questa è una dinamica che affascina anche quelli un po' più adulti, anche se non fa notizia.


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  4. #4
    Yezidism
    Ospite non registrato
    bè gli anglossassoni mi pare che abbiano ripristinato le bacchettate e gli schiaffoni per i bulli, quando mio papà andava a scuola se faceva il bullo le maestre lo mettevano in ginocchio sui ceci! Forse queste terapie andrebbero ripristinate? c'è da dire altresì che in ighilterra il carcere minorile non esiste un 50enne condivide la stessa cella con un 13enne, io stesso ho visto spesso la POLICE mettere le manette ai bimbi di 9 anni e tradurli in cella. in italia se un poliziotto mette le manette ad un bullo di 14 anni probabilmente oltre ad essere processato perde il lavoro! la troppa tutela del minore ovvio che poi rende il bulletto un intoccabile che può fare quello che vuole tanto ne docenti ne sbirri per legge non possono neanche sfiorargli un capello! Domandate ai vostri padri e nonni cosa gli capitava se facevano i bulli a scuola. Come si dice: "La troppa libertà fa male!" io concordo sul fatto che a volte lo schiaffone da parte degli insegnanti può essere sia educativo sia di monito per gli altri alunni, penso ciò perchè credo che con gli adolescenti vada usato lo stesso loro linguaggio se un bullo riempe di schiaffi un alunno è bene che venga anche lui ricoperto di schiaffi in modo che prenda coscienza di cosa significa schiaffeggiare uno più debole di lui. In italia purtroppo abbiamo docenti che preferiscono fare sesso con gli alunni anzichè insegnarli l'educazione con le vecchie maniere! Chi è causa dei suoi mali pianga se stesso!

  5. #5
    Partecipante Affezionato
    Punti: 6,915, Livello: 1
    Livello completato: 99%, Punti richiesti per il prossimo livello: 0
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    7 days registered
    L'avatar di tishanisa
    Data registrazione
    16-06-2005
    Residenza
    formia
    Messaggi
    97
    Punti
    6,915
    Livello
    1
    ok, forse è il caso di riprendere la strada del messaggio con cui ho aperto questo 3d...
    senza offesa, tralascio il mancato pagamento, i bidelli, gli schiaffoni come lotta al bullismo ( ) ecc . e mi permetto di estrapolare alcuni dati da quanto detto sopra per condividere una mia piccola riflessione.
    mi perdonerai, yezidism, se non divulgo i particolari della storia cui ho accennato, è che ne sono venuta a conoscenza in un contesto di riservatezza, e comunque vorrei portare l'attenzione sul fenomeno in generale.
    in realtà, io volevo discutere con voi delle violenze sessuali tra minori, e non proprio del bullismo anche se ora mi rendo conto che, alla luce di quanto emerso dai dati di yezidism, le due cose possono essere molto più correlate di quanto ingenuamente pensassi.
    alita, i livelli di "disattenzione" sono altissimi se genitori e insegnanti, che sono gli adulti di riferimento dei ragazzi di oggi, non hanno la più pallida idea di quali informazioni hanno, come si comportano, cosa fanno i ragazzi che sono loro affidati (persino quando sono con loro). e questo per i più svariati motivi: mancanza di comunicazione, mancato aggiornamento del prototipo "bambino" e "adolescente" ai canoni attuali, mancanza di tempo a disposizione, ma anche, secondo me, la necessità di celarsi una situazione che li metterebbe fortemente a disagio come educatori.
    e così avvengono quegli episodi sconcertanti che poi, giungendo alla ribalta, fanno dire ai più "eh, non ci sono più i giovani di una volta" oppure "ecco cosa produce la troppa libertà" e banalità simili.
    ma io, puntualmente, mi chiedo: dov'erano gli adulti che dovrebbero prendersi cura (ascoltare, cogliere i segni di disagio, intervenire) di questi ragazzi? molto spesso non si tratta di adolescenti allevati dalla strada, ma provenienti da famiglie almeno apparentemente nella norma...
    e, nel frattempo che qualcuno si prenda la briga di connettere il mondo degli adulti con quello degli adolescenti, tra alcuni ragazzi diventano "nella norma" comportamenti che ledono fortemente la dignità della persona. questi saranno gli adulti di domani, secondo me c'è di che preoccuparsi.
    Ultima modifica di tishanisa : 26-11-2006 alle ore 15.48.01

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,728
    Secondo me i ragazzi mettono in atto pari pari tutti i comportamenti degli adulti, cominciando dalla sopraffazione dell'altro fino all'espressione continua di un dilagante maschilismo.

    Il rispetto per la persona manca prima di tutto agli adulti, l'unica differenza è che gli adulti hanno le spalle coperte da sovrastrutture comportamentali, da una cultura che generalmente tollera questo tipo di comportamenti e hanno meno ormoni in subbuglio (nella maggior parte dei casi, almeno). Inoltre i ragazzi sono merce facilmente spendibile poiché la notizia di un bullo a scuola, eccetto qualche imbarazzo da parte dei genitori, non mette in gioco nessun interesse particolare...ci si può permettere di straparlare senza che nessuno ne esca danneggiato eccetto quell'idea sempre più vaga di società violenta e diseducativa che dovrebbe essere ridimensionata.

    Io sto sviluppando una certa intolleranza al luogo comune, ne vogliamo parlare? Ogni volta che sento dire "il bullismo è colpa della scuola/genitori/della società" mi vengono i conati.
    Ultima modifica di alita : 26-11-2006 alle ore 19.25.35


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|