• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

mistral_72

volo, grammatica del-14-02-2007 05:59

Vota questo post
14-02-2007 05:59 - volo, grammatica del
14.00 P.M. 70 km/h, cambio stazione una via l’altra, registro attento ogni possibile indizio di vento, un calzino steso, un lenzuolo, rami di albero, macchè, niente, monte Terminillo, cime abeti flottano con escursioni di quasi un metro, una raffica sposta quasi la macchina. freno accosto scendo! Poca neve sul prato, una crosta. Due metri e trenta di apertura alare, azzurro, giallo e rosso, il prato è in pendenza. Srotolo i cavi per intero, primi tentativi, pochi metri e l’aquilone va in avvitamento, vento irregolare, poca esperienza. Dopo un ora ho le mani intirizzite, i polpastrelli viola a forza di srotolare/spicciare cavi, le scarpe zuppe. Per ogni manciata di secondi di volo passo minuti a sbrogliare cavi con le mani nella neve. Frustrato, tiro a strappi i cavi, lo stupido gallinaccio colorato gratta la neve, si impianta si inceppa e ora giuro lo faccio a pezzi e al diavolo i quasi cento euri investiti in immaginate acrobazie. Sole va e viene, grammatica del volo, respiro, tiro appena i cavi, il gallinaccio schizza allo zenith in una frazione di secondo, respiro, allento i muscoli del collo, il vento gira di 180° e soffia verso il basso del pendio, giro dietro, gira la vela di Milar cento metri sopra, tiro a me il cavo di destra, la vela cabra di scatto a sinistra, aria sibila, richiamo il cavo di sinistra rilasciando il destro, la struttura esce dalla zona di tensione e si mette in vento pieno, raffica più forte, serro le maniglie intorno agli avambracci per avere presa stabile. I cavi affondano nei muscoli degli avambracci, vento! mi schioda di un paio di centimetri da terra, vado in corsa potenziata per una trantina metri di pendio, respiro in aumento. Piove microgocce, coriandoli ghiacci sulla pelle della faccia. Abeti, mi infilo sotto rami bassi, ripiego la vela di Milar croccante, con mani pressoché insensibili rompo aghi verdi, odore di resina, faccio nuvole di vapore, e ora chi ci risale sopra. Riscaldamento a palla, radio, in AM, meteo france informa que le soleil va se poser sur gran parte de la France, anche qui è di nuovo sole, FM italiane polarizzate San Remo, DICO etc. l’abitacolo è caldissimo, tolgo maglione e lancio dietro. Ho fame, ho sete, via il freddo sulla pelle screpolata delle mani viene a galla indolenzimento, non spiacevole. Gioia, inno alla!!
Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy