• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Lgmi

Ieri sera

Vota questo post
ore 21.30, sede. Riunione del comitato.
Tu eri vestito da avvocato fighetto (rasatura perfetta, capelli che faresti bene ad accorciare e cravatta...che non commento), io da...ME. Me ne sono fregata dell'abbigliamento giusto, ero stanca e non stavo bene. Che la gente giudicasse la mia apparenza, poco m'importava. Avevo scelto apposta una felpa che m'impedisse di fare quel gesto automatico di alzare le maniche, non avevo voglia che si vedessero i cerotti che ancora coprono le cicatrici...non volevo che sapessi. Tu non devi sapere pi nulla.
Sei arrivato e sono andata al balcone, non sarei stata io a venirti a salutare. Sono stanca di essere il Maometto che va alla montagna! Ti ho ignorato mentre si conversava prima di iniziare, nemmeno uno sguardo per sbaglio, o per sbirciare.
Seduti nella stessa stanza eri seduto dalla parte opposta. In un altro tempo saremmo stati seduti vicini, complici. Durante la riunione non avrei mai voluto prendere parola per rimanere a studiare le persone, il clima, per capire con chi avrei dovuto avere a che fare, ma M. mi ha tirato in ballo per vantare un piccolo successo, ed io mi sono sentita in dovere di rettificare, cedendo il primo posto-ed il merito-ad un'altra persona.
In un'occasione ho girato lo sguardo per la stanza e mi stavi fissando, ma hai distolto subito lo sguardo. Mi fissavi le scarpe, in un'occasione mi hai sgamato mentre stavo toccando il cerotto. Hai colto una mia espressione che non ho saputo controllare mentre quella donna iperpolemica parlava. Non ti piace essere ignorato, non sopporti di finire all'angolo.
Ti ignoravo e intanto constatavo che non faceva male non parlarti. Mi sentivo un pesce fuor d'acqua l, ma preferivo stare sola piuttosto che venirti a rivolgere la parola.
Mi sono sentita delusa. Delusa dal fatto che tu non abbia gli attributi. Pensavo che fossi davvero una persona migliore. Ma la delusione durata un minuto.

Yair un capitolo chiuso. D'ora in poi avr a che fare con l'avv. X.
------------------------------------------
sarebbe una provocazione se io lasciassi i libri che mi hai regalato in sede, nella Libreria. Tutti, tutti quanti. Confesso che ci proverei gusto a farti vedere che mi sono liberata di quelle cose. Ogni libro aveva un messaggio nascosto, un non detto.
-Oceano Mare (quale personaggio sei?)
-L'isola dell'angelo caduto
-Le mille e una notte (lo desideravo tanto e tu me lo hai regalato)
-Novecento
-..."Che tu sia per me il coltello" (anche se mio)
Darli via sarebbe mandare a quel paese quella che stata la nostra amicizia, con cattiveria.
Ma significherebbe continuare questo giochetto... i libri rimangono nella mia libreria, in mezzo agli altri.
A prendere polvere.

...non ne vale la pena, avvocato.

Updated 01-05-2008 at 12.29.52 by Morgana-z

Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di willy61
    Cosa fanno 20 avvocati in fondo al mare?
    Un buon inizio...

    Buona vita

    Guglielmo
  2. L'avatar di Morgana-z
    ahahahahahahahahahahahahahahahhhhhh!!!
    ci voleva proprio un tuo intervento!!!

Privacy Policy