• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Alessia Va

Le parole.

Vota questo post
Le parole.
Loro mi hanno salvato, tenuto a galla,
preso per mano.
Anche ora, anche oggi,
anche qui in questo momento.
Le parole.
Lettere messe accanto ad altre lettere,
come serpenti,
come vagoni di un treno,
come un rosario,
come i chiodi che tengono su lo scalatore,
abbarbicato sulla roccia in verticale,
che se non avesse quel punto al quale
aggrapparsi, precipiterebbe…
La mia salvezza.
E’ stata nelle parole.
Nell’essere capace di decifrarle.
Di tuffarmi in mari, oceani di formichine
nere su pagine bianche.
Loro mi facevano galleggiare, sopra tutto quello
schifo, cullandomi con le infinte storie capaci di
tessere, come tele di Penelope che prendevano
forma, per poi dissolversi, facendo spazio ad
altre storie, sempre nuove.
Le storie che le parole sono in grado di raccontare
non hanno fine.
Miliardi di bilioni di fantastiliardi di storie.
Quando ho scoperto questo il mio cuore si è
spalancato a quella meravigliosa, stupenda
ricchezza.
E quando lui è arrivato, quell’infinito
universo era già mio.
Non è stato capace di togliermelo.
Devo la vita, ai libri…




Updated 24-04-2010 at 23.57.24 by Alessia Va

Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy