• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Alessia Va

Alberi -2-

Vota questo post
“Se allora avessi capito…” ripeto…a me stessa…
“Eri solo una bambina” sussurra la quercia.
“Si, ma magari, qualcosa avrei potuto fare…se solo avessi capito…”
“Non spetta ai piccoli alberi fare. Ci sono cose che non sono in grado di capire proprio
perché sono piccoli. Sono gli alberi grandi a dover intervenire. I piccoli alberi non sanno
ancora tanto della vita. Per esempio: un albero piccolo non può sorreggere il peso di un nido di uccelli.
Il suo fusto è ancora sottile e flessibile, i suoi rami troppo giovani e teneri.
Non reggerebbe il peso. Si piegherebbe e si spezzerebbe. Ma questo un piccolo albero non è ancora
in grado di capirlo. Fosse per lui attirerebbe a se chiunque. Offrirebbe ospitalità ad ognuno.
Spetta allora ai grandi alberi:
1. proteggere il piccolo albero perché non affronti situazioni che sono superiori alle sue forze.
2. offrirsi ai volatili che hanno necessità di un nido, protendendo i loro forti e robusti rami e
richiamandoli a se, invitandoli a non appoggiarsi ai piccoli e ancora immaturi alberi in crescita.
Questo, amica mia, è un piccolo esempio. Per farti capire che non spettava a te capire, ne fare.
Semplicemente perché non eri in grado di farlo. Erano gli altri che ti dovevano proteggere. Tu non hai alcuna responsabilità”.
“Perché mi dici queste cose?” domando.
“Perché non dovrei dirtele? Sento la tua sofferenza e ti vorrei consolare. E forse vedo cose che tu,
da dentro di te, non riesci ancora a vedere. Spero ti aiutino a proseguire il tuo viaggio. Fino al
nostro prossimo incontro”.

Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di nadirinha

    Tu non sai: ci sono betulle che di notte levano le loro radici, e tu non crederesti mai che di notte gli alberi camminano o diventano sogni.

    Pensa che in un albero c'è un violino d'amore.
    Pensa che un albero canta e ride.
    Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi diventa vita.


    Te l'ho già detto: i poeti non si redimono, vanno lasciati volare tra gli alberi come usignoli pronti a morire.

    Alda Merini

    Un abbraccio!

Privacy Policy