• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Alessia Va

La Rabbia...

Vota questo post
Sono arrivata a provarne tanta, nei giorni scorsi.
A sentire il bisogno di colpire, far male, nei muscoli delle braccia.
Mi spaventava, ma sentivo che andava bene.
Che mi faceva bene.
Ora, mi sto accorgendo che le sensazioni, le immagini, hanno prodotto un cambiamento.Fisicamente è stato come sentire "la bestia" ritirarsi di colpo, lasciando le braccia svuotate.
Allora un altro tipo di rabbia mi ha fatto muovere con "rivoglio la mia rabbia, non me la puoi portare via!".
Ma non è la stessa cosa.
Ancora non so se sia un "bene" o un "male".
Sta di fatto che, ieri, alla classe di esercizi, abbiamo fatto un lavoro sulla Rabbia, sul materasso.
Colpire il materasso con braccia e gambe.
Urlando "No!".
Colpire colpivo...il "No" veniva fuori, ma il cuore sembrava esplodermi in petto.
Batteva cosi forte che sembrava impazzito.
Ero terrorizzata...
Come se non fosse giusto dire quel "No" e il farlo avrebbe provocato una catastrofe.
Avevo, veramente, paura come se quel "No" avesse firmato la mia condanna.
Come se invece che una difesa, fosse un esporsi maggiormente...un rischiare che "il male" si facesse più invasivo e terribile.
F. mi ha consigliato di farlo anche a casa.
Inutile dire che al solo pensiero il cuore riprende ad andare a mille...
E tremo.
Ma la mia rabbia, quella là, io la rivoglio.
Di nuovo...
Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di marcoavenait
    prima del perdono un lungo cammino con le sue tappe, una di queste, che onoro qui, è la catarsi purificatoria.
    in questo senso la rabbia è la forza che risolleva gli stati di depressione, è la leva che alza le necessità primordiali fino alla gola per farle uscire come richieste, è il fuoco che purifica gli stati di rassegnazione, è il calore che scalda gli aspetti esclusi e rifiutati della nostra anima.
    indispensabile energia nella alchimia del perdono

Privacy Policy