• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Alessia Va

I confini.

Vota questo post
Stasera, alla classe di esercizi bioenergetici, abbiamo lavorato anche sui confini.
I nostri confini.
Del nostro corpo e, dunque, della nostra persona.
E' stato un solo esercizio, in realtà.
Uno solo.
Ma è bastato a farmi sentire...emozioni, sensazioni, il corpo.
Mentre ad occhi chiusi visualizzavamo i nostri confini, sembrerà una cosa ovvia, scontata, magari a qualcuno, non so...ma non lo è...almeno per me..., per la prima volta ho sentito il mio corpo tutto intero. dalla pianta dei piedi su fino alla punta dei capelli: tutto MIO!
Come descrivere, l'improvvisa consapevolezza che quel corpo è tuo..di più: che sei TU quel corpo.
Non è che me ne andassi in giro senza sapere coordinare braccia, gambe, testa o petto. Non è che non sapessi di essere fatta di carne e ossa. Di viscere e sangue.
Solo che quanto LO SENTI è un altro discorso.
Le mani sulla testa allora sentivano la forma e la consistenza della mia testa, rendendola presente.
Le mani sul collo, per conseguenza, sentivano e stringevano e toccavano il mio collo, che reagiva al tocco.
Le mani sul petto e sulla pancia, sulla schiena e il bacino, sentivano il mio petto, la forma della mia pancia, della mia schiena e del mio bacino.
E le mani sulle gambe, delimitavano le mie gambe, il mio sostegno...solo mio.
Mentre un immagine nitida si formava per la prima volta dentro di me.
Un'immagine di una me stessa tutta intera, dalla cima dei capelli alle piante dei piedi.
Per la prima volta consapevole del potere di quel MIO.
Mi sono passate veloci le immagini di tutte le volte in cui quel potere l'ho dato ad altri.
E due lacrime, sottili, sottili, mi sono scese sulle guance.
Un altro piccolo passetto: IL MIO.
Un altro passettino ancora: due gemme condivise...
Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di Alessia Va
    ...ho pianto a lungo...
    ...queste parole:

    IO SONO UNA PERSONA E HO DIRITTO AL RISPETTO.

    Pianto, singhiozzato, sin-gul-tato...
    Come se fossero spinte fuori dalla sorgiva delle lacrime...

    Si, sono una persona.
    E si: il rispetto mi spetta. Di diritto.

Privacy Policy