• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Linea di confine

Mostra Steve McCurry

Vota questo post



Steve McCurry, uno dei grandi maestri della fotografia del nostro secolo, e autore della celebre foto del 1985 della ragazza afgana, arriva a Palazzo della Ragione, nel cuore di Milano con una mostra unica nel suo genere, dedicata ai 30 anni più intensi della sua carriera.

"Nei ritratti – dice McCurry parlando del suo lavoro – ricerco il momento di vulnerabilità in cui l'anima, pura, si svela e le esperienze di vita appaiono incise nel volto. Per me i ritratti trasmettono il desiderio di rapporti umani, un desiderio talmente forte che le persone, consapevoli del fatto che non mi vedranno più si aprono all'obiettivo nella speranza che qualcuno, dall'altra parte, li veda; qualcuno che riderà o soffrirà con loro." E molti dei ritratti che hanno reso famoso McCurry saranno adesso in mostra in Italia, al fianco degli altrettanto famosi suoi scatti sui pozzi di petrolio in fiamme in Kwait, durante l'invasione irachena, e alle bellissime immagini scattate in Kashmir, in India e in Afganistan.
La mostra italiana proporrà anche il documentario in cui Steve McCurry ed un team del National Geographic, sono tornati a cercare la bambina afgana del campo profughi pakistano. Tramite una serie di contatti, la bimba diventata nel frattempo una donna, è stata trovata. Si chiama Sharbat Gula, è sposata, risiede in una remota regione dell’Afganistan con la famiglia, ed ha acconsentito a farsi ritrarre di nuovo e a narrare la propria storia.


Io ci sono stata, proprio ieri.
Ne vale la pena.
Sono uscita senza parole.
Davvero degli scatti molto toccanti.






Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy