• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

darcylia

Lezione di canto

Vota questo post
Mercoledì scorso. Un pomeriggio caldo, e non poco!
Avevo appuntamento con Alice alle 17 in conservatorio: dovevamo ripassare la parte dei contralti nella Missa di Haydn (avevamo scoperto giusto 2 giorni prima che ci avevano messo nei contralti, dopo che già ci eravamo studiate la parte dei soprani!!!!) e alcune parti dello Stabat Mater, il tutto per il concerto.
Peccato che io sia arrivata in ritardo!!!! Ma per fortuna è arrivata in ritardo anche Alice per cui.....no problem!!!!
Abbiamo fatto una prova in conservatorio e una nella sala della Biblioteca Universitaria, dove alla sera ci saremo esibiti.
Eravamo al completo: tutti e 22 distribuiti in soprani (I, II, III e IV), contralti (I e II), tenori (I e II) e bassi (I e II).
Che caldo....non si respirava....soprattutto in biblioteca: eravamo uno accanto all'altro, vicini-vicini....in più tutti vestiti di nero!!! (come ad ogni concerto del conservatorio)
Ma è stato FAN-TA-STI-CO.

Alle 20 abbiamo iniziato a cantare davanti al pubblico, con il M° Parmeggiani che ci dirigeva e il M° Mancinati all'organo (un organo in legno, tutto intarsiato, originale del '700!!!!).
Sia la messa di Haydn che lo Stabat Mater di Scarlatti sono venuti proprio bene, in particolare quest'ultimo, tant'è che ci hanno chiesto un bis (e noi abbiamo riproposto la fuga e l'Amen finale)!!!!
(a dire il vero, all'inizio dello Stabat Mater c'è stato un momento di panico perchè il maestro Mancinati si era dimenticato di cambiare l'assetto dell'organo!!!! Parmeggiani ci ha guardati tutti e vedendo che eravamo partiti bene anche se a voci scoperte, è andato avanti senza scomporsi, ma limitandosi a tirare un'occhiataccia a Mancinati )

Un'emozione unica per me.
E' stato qualcosa di ben diverso dalla prima del musical ma altrettanto forte.
L'intreccio di 10 voci diverse....i crescendo e i diminuendo per sottolineare alcune parti e alcuni passaggi.....la delicatezza delle voci dei soprani....la solidità di bassi e contralti.....la vitalità dei tenori.....le scale e i gorgheggi....nonostante lo stessi risentendo e cantando per l'ennesima volta, ho provato le stesse emozioni iniziali e la stessa reazione (pelle d'oca).
E' questo ciò che Amo della musica. Ed è per questo che Amo la musica.

Ho avuto un'opportunità unica: partecipare a questo progetto corale con la mia voce.
E sono grata al maestro Parmeggiani perchè mi ha accettata, nonostante io non fossi una studentessa del conservatorio né frequentassi altri cori/avessi fatto un corso di canto.
Ma soprattutto sono infinitamente grata ad Alice per avermi coinvolta e avermi sostenuta quando credevo di non farcela, di non essere all'altezza.
Certo la mia autostima non è mai stata alta....ma se adesso ho un briciolo di coraggio in più e di fiducia nelle mie capacità e anche grazie a lei.
Senza contare che proprio tramite Alice e questa esperienza ho potuto conoscere tante persone: Michela (sop.I), Valentina (sop.II), Simone (basso I -il "clavicembalista di fiducia"), Valentina (contr.I), Ester (contr.I), Alice (sop.III -"babba bia baestro!!!" ), Kristen (sopr.III), Patrizia (sop.II), Andrea (ten.II -già lo conoscevo-), Antonio (ten.I -una voce pazzesca, da paura!!!), e tanti altri....

E non solo.
Ho riscoperto qualcosa che credevo "sepolto" da un po' di tempo: la voglia di studiare musica. Imparare a leggere "a vista" uno spartito.....solfeggio.....intonazione.....modulaz ione della voce.....ho voglia di riprendere tutto quel poco che avevo imparato alle medie e accrescerlo, migliorarlo, perfezionarlo.
A cominciare dalla mia voce.
Anche Valerio me l'ha detto: "tu hai uno strumento d'epoca, un pò come uno stradivari, e sei già una buona violinista....ma devi diventare una OTTIMA violinista".

Posso fare tanto con la mia voce, posso migliorarmi, posso crescere ed arrivare dove voglio.
Ora ne sono consapevole.




29-06-2006 04:27
Categorie
Old Blog

Commenti

Privacy Policy