• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

L'amore conta conosci un'altro modo per fregar la morte?

Sono solo questo..niente di più!!!:(

Vota questo post
Il disturbo schizotipico di personalità è un disturbo di personalità caratterizzato, oltre che da tendenza all’isolamento sociale, da uno stile comunicativo e di pensiero eccentrico, tipicamente vago o metaforico, da stranezze del comportamento, e da idee di riferimento o credenze insolite.
È un disturbo appartenente al gruppo “A” della classificazione dei manuali DSM dei disturbi di personalità, cioè è una di quelle personalità che a prima vista appaiono strane, chiuse in sé o eccentriche. Le idee di riferimento degli schizotipici non sono propriamente idee fisse, non sono infatti connotate dalla sospettosità e ostilità tipica delle idee dei paranoici.
Spesso i pazienti schizotipici hanno sistemi di credenze individualizzati o non convenzionali, per esempio credono a “poteri” o percezioni o fenomeni soprannaturali. Il pensiero tipico di questi soggetti viene definito “tangenziale”, cioè allusivo e dispersivo. Capita che talvolta sembrino assorti a “rimuginare” su sé stessi.
I pazienti affetti da questo disturbo hanno un’alta co-morbilità con altri disturbi di personalità. Ciò può essere dovuto in parte al fatto che il criterio descritto dal DSM-IV TR include parametri che sono in comune anche con altri disturbi, creando zone di sovrapposizione. Gli altri disturbi di personalità che condividono parzialmente, a prima vista, certi tratti con il disturbo schizotipico sono: il disturbo schizoide, per quanto riguarda la tendenza del soggetto a isolarsi dagli altri; il disturbo di personalità evitante presenta anch'esso sintomi di ansia e preoccupazioni - di cui il soggetto non ha il controllo - legate alle interazioni con gli altri; infine le idee fisse sono la caratteristica principale del disturbo paranoide: ovviamente non c’è un confine netto e preciso tra idee semplicemente “strane” e idee fisse paranoidi, benché si tratti di due stili diversi e riconoscibili.
Il disturbo schizotipico descrive cioè un modello, che si incontra frequentemente, che presenta tra l’altro alcuni sintomi “intermedi” fra quelli dei disturbi schizoide e quelli paranoide oppure ansioso/evitante: c’è la tendenza del soggetto a perdersi in sé stesso rimuginando con il pensiero, ad isolarsi mostrando chiusura e moderata ansietà, e d’altro canto le idee fisse hanno una forma più blanda rispetto a quelle paranoidi non essendo proiezioni di ostilità verso l’esterno. La percezione della realtà del paziente schizotipico non è alterata, e il pensiero, anche se appare divagante o strano nello stile, non è disorganizzato.
Le persone affette da disturbo schizotipico possono soffrire di episodi psicotici, brevi e con frequenza relativamente bassa. È stata dimostrata una correlazione familiare e statistica tra disturbo schizotipico e la schizofrenia. Una percentuale di questi pazienti - intorno al 12% - sviluppano la schizofrenia, di solito in una forma meno grave da cui spesso guariscono.


Ecco questa è la "Famosa Etichetta" di cui tanto sentivo il bisogno..per la precisione "Disturbo Schizotipico associato a stati depressivi dell'umore" sinceramente mi ci rispecchio molto poco..e conoscerla mi ha davvero distrutto.. Non credo che la mia sia una depressione perchè il mio umore cambia ogni 10 minuti..pensa tantissimo e sono molto introspettiva..non faccio pensieri strani..non ho comportamenti eccentrici..mi tengo quasi sempre tutto dentro..poi sì sono ansiosa asociale e ho paura delle mie emozioni..e mi è capitato di avere momenti di vuoto..in cui non sentivo niente..ma io stessa mi sono resa conto che è solo apparenza..una maschera per difendermi dalle sofferenze che mi provoca questa vita..
ma loro in sintesi mi hanno accusato di non provare niente di essere apatica,spenta..vuota..mi ci sono sentita spesso così..semplicemente perchè ho bisogno che siano gli altri a dar valore alle mie emozioni..
ma se davvero fosse così mi sarei già ammazzata...e se non sentissi nessuna emozione non avrei bisogno di buttarmi sul cibo o di autodistruggermi in altri modi..non hanno propio capito un ca***ooo di me!!!!!
è vero che a volte ho un modo di parlare particolare..un'pò metaforico ma non credevo fosse sintomo di un disturbo psichico ma semplicemente una caratteristica della mia personalità..che per me fà parte della mia parte fantasiosa..ed c'è anche da puntualizzare che sono così da quando ho cominciato a scrivere di più..ma io l'ho sempre vista come una qualità originale del mio carattere..
Anticomformista forse un'pò lo sono perchè non sopporto mischiarmi alla masssa e omologarmi agli altri..io sono io e basta!!!
Ho letto cose assurde su questo disturbo come il fatto che può precedere un'evenuale schizzzofrenia!!!Whaoooo potrei diventare schizzofrenica e nemmeno lo sapevo..Fantastico!!

Updated 27-10-2009 at 12.19.28 by Anymore89

Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di willy61
    Se posso dare un consiglio, contrariamente alle mie abitudini: fregatene altamente delle caselle in cui il DSM vorrebbe inserirti. A volte, per un paziente, una diagnosi rischia di essere una camicia di forza peggiore di altre...

    Mai affezionarsi alla propria diagnosi. Nel giro di 20 giorni l'intera pelle del nostro corpo cambia e viene sostituita da altra nuova. Siamo ancora gli stessi di 20 giorni prima?

    Buona vita
    Guglielmo
  2. L'avatar di peste1987
    "Sono solo questo..niente di più!!!"

    Pensala invece così: "non sono solo questo...sono molto di più!!" (in positivo eh)

    Ora che sai il nome della tua etichetta non ti nascondere dietro di essa e non usarla come scusante per giustificare i tuoi comportamenti.
    Te lo dico perchè a me a volte capita.
    E' quel senso di identità che a tutti i costi ricerchiamo, che alla fine lascia che rimaniamo appesi ad un qualcosa, in questo caso all'etichetta.
    Lo usiamo come un marchio per distinguerci da tutti gli altri, non ricordandoci che ognuno di noi è unico nel suo genere.

    Comunque, non prendere per oro colato tutto quello che dicono. Probabilmente se andassi da un'altro psico uscirebbe che hai un'altra cosa....



    Un bacino
    Buona giornata

Privacy Policy