• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

complicata

......

Vota questo post
Ascolta.
Avvolta in un panno di assorto silenzio
scrivi.
Suoni muti
fidi e cullati dal vento notturno.
Senti come dormono quieti tutti
perchè tu possa sentirne il respiro alterno.
Posa in seno a una parola il battito,
il loro assieme al tuo,
unisono di sogni.
Mediato dalla luce
il mare si rovescia ancora
smuove ghiaie e terracotte consunte
sfilaccia la battigia.
Sai che c'è, finchè sul davanzale lasci scorrere la mano
e te ne restano traccia e sapore.
Il mare consuma il resto del mondo,
le gonne della terra, stanotte.

Restano vecchie impronte e lunghe battigie percorse
e scogli con fatica superati
chè ora mi chiedo se abbia amato io
o mi sia soltanto lasciata amare.

Updated 30-09-2009 at 16.24.23 by complicata

Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy