• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

complicata

....

Vota questo post
Caro diario, che dirti oggi?
Che raccontarti della mia vita che si immerge e poi riaffiora, fa capolino dal caldo pomeriggio, da un attimo di noia, da una scrivania rotonda.
Questo scrittoio c' era già quando sono nata, era lo scrittoio di papà, dentro al cassetto c'erano tante carte da riordinare e io bambina guardavo vecchie foto.
Erano figure sbiadite di signore col cappello, bambini in gale e collettini inamidati.
Ma vi erano anche spiagge in bianco e nero, e case.
Il mare è avanzato, e si è portato via tanto della mia infanzia, lo culla tra le onde lievi, lo copre di alghe e lo nasconde alla vista.
Ma ancor oggi posso immaginare le mura delle abitazioni, e i volti, i gatti in collo alle nonne e le divise lucide.
E se allungo le gambe sotto lo scrittoio ci trovo la bambina accoccolata che curiosa guardava nei cassetti cercando il tesoro sommerso.
Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy