• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

complicata

Ottobre

Vota questo post
Caro diario,
stamane ero in bici sul viale e sul fiume.
E' una bella giornata calda d'ottobre, e qualche comitiva di cicloturisti attempati siede ai tavoli del lungofiume a riposare.
Qualche coppia di nonni con passeggino e nipotino addormentato si incontra e scambia volentieri due parole sui figli al lavoro e sul grato compito di badare al bambino.
Al porticciolo c'è chi salda trespoli di barche con perizia, in squadra, scherzando sulla povera barchetta da accudire.
I gatti dei pescatori sono lì sempre ben pasciuti e sonnacchiosi, si lasciano accarezzare e son tutti della stessa famiglia, si vede. Tutti tigrati, da decenni, ormai, chissà perchè. C'è odore di pesce e ruggine, e poche voci indaffarate si alternano allo sciacquettio del fiume che batte sui parabordi.
Da decenni ormai ci siamo anche noi due, vediamo le stesse cose, facciamo gli stessi commenti, respiriamo la stessa aria, rischiamo di cadere negli stessi rovi giù dalla pista ciclabile. "E sta' un po' attento, chè se la ruota ti va sul bordo e scivoli, io non la chiamo la gru a tirarti fuori da lì!"
Chissà se poi anche lui ci ripensa, come faccio io, ma non credo più di tanto.
Passa oltre, com'è giusto, e lascia scorrere il tempo senza fermarlo, continuando a pedalare.
Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy